BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il sindaco di Pedrengo vuole boicottare Halloween “Contro i principi biblici”

Il sindaco di Pedrengo Gabriele Gabbiadini, esponente del Popolo della Libertà, ha pubblicato uno spunto di riflessione contro la festa di Halloween. Secondo il primo cittadino va contro i principi biblici. Cosa ne pensi?

Più informazioni su

Il sindaco di Pedrengo Gabriele Gabbiadini, esponente del Popolo della Libertà, ha pubblicato uno spunto di riflessione contro la festa di Halloween. Secondo il primo cittadino va contro i principi biblici. Cosa ne pensi?

Si assiste da qualche anno al tentativo di far attecchire tra noi questa tradizione celto-anglosassone, molto diffusa in America del Nord. Ma.. In generale il cristianesimo non approva Halloween e rigetta la festività, in quanto ritiene che il paganesimo, l’occulto, o altre pratiche e fenomeni culturali giudicati incompatibili con le loro credenze.

Per molte chi …e se cristiane le origini di Halloween sono strettamente connesse alla magia, alla stregoneria e al satanismo, per questo esso porta all’influsso occulto nella vita delle persone. L’enfasi di Halloween è sulla paura, sulla morte, sugli spiriti, la stregoneria, la violenza, i demoni. E i bambini sono particolarmente influenzabili in questo campo. In conclusione il cristianesimo considera in generale Halloween come completamente incompatibile con la fede cristiana, essendo la celebrazione della notte delle streghe ritenuta contraria ai principi biblici. La nostra tradizione cristiana del periodo parla di giorno dei Santi e di giorno dei defunti, dove tutti si ritagliano il tempo per ricordare i propri cari andati in cielo.

Si è creato un vuoto spirituale tra noi che, per effetto della legge universale che non concepisce i vuoti, lo vede contendere da una parte da tradizioni americane molto commerciali che possono suggestionare i nostri bambini e dall’altra, dalla silenziosa immigrazione musulmana che, per mezzo delle nostre leggi (molto permissive) e delle loro donne (altissima natalità) stanno mettendo a rischio la nostra civiltà europea, senza bisogno di guerre.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Armando

    Si chiama tradizione una festa importata e consumistica di origini pagane?
    Se la nostra società si definisce pagana è coerente che celebri questa festa se tiene ancora ai valori che l’hanno fatta grande e soli possono portarci oltre questa crisi è giusto che semini la buona cultura cattolica. in buona soostanza ha ragione il sindaco del “pagus”.

  2. Scritto da elena

    Per Anna e Michele, mamma mia quanto astio, chissà cosa vi ha fatto questo povero sindaco di campagna, e se è vero che non lo conoscete, magari vi piacerebbe..resta il fatto che non è una lettera, è un post di facebook (non istituzionale).. Buona settimana!

  3. Scritto da Marco

    sembra che conosca il sindaco? per carità, me ne scansi e liberi! Dico solo quello che penso, con la differenza che non ragiono per stereotipi

  4. Scritto da Anna

    Elena, basta solamente avere gli occhi per leggere quello che c’è scritto nella lettera e gli occhi per vedere quello che succede

  5. Scritto da elena

    Marco ed Anna sembrano conoscere bene il sindaco, da come ne parlano, magari se entrassero nel merito sarebbe meglio. Poi comunque non avete capito che un opinione non è un’ordinanza sindacale..

  6. Scritto da Marco

    le affermazioni del Sindaco sono preoccupanti, soprattutto nell’ultima parte di questa sua lettera

  7. Scritto da Anna

    Non è compito del Sindaco dire ciò che è bene che la gente faccia e ciò che non è bene che la gente non faccia. Così come non è compito del Sindaco fare “crociate” ergendosi a paladino di valori biblici. Non è un suo compito. Punto. Fermo restando che dalle parole del Sindaco emerge una visione un po’ deformata o per lo meno parziale della storia di Halloween.

  8. Scritto da elena

    Sig. Roberto, nessuno ha vietato niente, però se suona al mio campanello la sera di Halloween sarò lieta di riempirle il sacchetto di fave, che il sindaco non ha vietato..altrimenti accetterò lo scherzetto!

  9. Scritto da Roberto

    Come ogni anno arriva il moralizzatore di turno che pontifica su questa tradizione senza nemmeno aver la minima cognizione di causa per farlo. Le festività legate al culto dei morti erano diffuse in italia secoli prima del cristianesimo che le ha poi scoraggiate sovrapponendo una festività “canonica”. Nelle festività romane erano già presenti i “feralia”, mentre nel nord i culti di derivazione pagana (di cui è rimasto nella tradizione bergamasca “Ol rasgamènt de la ègia”). Sindaco Gabbiadini visto che le sono care le tradizioni bibliche vieterei anche la vendita delle “fave dei morti” visto che discendono dal mito di Proserpina e dai rituali dedicati alla dea Tacita Muta.

  10. Scritto da elena

    Penso di interpretare il pensiero del sindaco in una sorta di monito a non svendere la nostra tradizione, anche religiosa, l’ultima parte dello scritto è preoccupante, condivido appieno.

  11. Scritto da Anna

    ma no, ma no Sindaco Gabbiadini, proprio la Sua Amministrazione comunale che trova rappresentanza in quel tizio che andava a fare stregoneria e riti vari con l’acqua del Po viene a parlarmi di magia?

  12. Scritto da Antonio

    ma che tristezza: gli “spunti di riflessione” del Sindaco sono in realtà dei parziali scopiazzamenti da wikipedia, prendendo alcune frasi qua e là…

  13. Scritto da Antonio

    Bravooo, bravoooooooo, bravisimooo! Ma che bravo che è questo Sindaco, complimenti! complimentissimi! Meno male che c’è lui, grazie di esistere!… scusatemi, ma certe frasi così ad effetto dette da un Sindaco mostrano chiaramente che è in difficoltà, che non sa che pesci pigliare e allora cerca di attirare l’attenzione. Ha bisogno di un applauso: glielo faccio logicamente in senso ironico

  14. Scritto da Mattia

    certamente la politica espressa dal popolo della libertà e dalla lega nord contrastano con i valori biblici

    1. Scritto da elena

      Visto che siamo in tema biblico, chi è senza peccato scagli la prima pietra..

  15. Scritto da Marco

    sicuramente non spetta al Sindaco dire ciò che è bene e ciò che non è bene che la gente faccia

  16. Scritto da x poeret

    scusa è … il natale festeggi il compleanno di un ISRAELIANO.
    ti sembra una ricorrenza ITALIANA, come dici tu?

    1. Scritto da elena

      Lo stato di Israele esiste dal 1948!

  17. Scritto da Luca

    Gabbiadini sei il sindaco non il prete!

  18. Scritto da Marta Sitzia

    ” la Chiesa aggiunse, nel X secolo, una nuova festa: il 2 Novembre,
    Giorno dei Morti dedicato alla memoria delle anime degli scomparsi,
    che venivano festeggiati dai loro cari, mascherandosi da santi,
    angeli e diavoli e accendendo dei falò.
    In inglese Ognissanti si chiama All Hallows’ Day; la vigilia del
    giorno di Ognissanti, cioè il 31 ottobre, si chiama All Hallow’ Eve.
    Queste parole si sono trasformate prima in Hallows’ Even, e da lì ad
    Halloween il passo è stato breve.”
    Quindi.. che senso ha questo “spunto di riflessione”??!

    1. Scritto da canaglia

      Lo stesso senso che ha la necessità di dover commentare una non notizia come questa.

      1. Scritto da mari

        commentare un commento di una non notizia invece è sensato…

        1. Scritto da canaglia

          Vero?

  19. Scritto da poeraITALIA

    indipendentemente da chi o cosa comunque sia non è una ricorrenza ITALIANA.

    1. Scritto da leo cat

      Non so se sia una ricorrenza italiana, ma di certo è bergamasca. Posso testimoniarlo, perchè lo facevo io, prima dell’età scolare, quindi intorno al 58/59. Era uno dei pochissimi divertimenti, quello di scavare una zucca dell’orto, naturalmente senza buttare via niente, e nelle lunghe serate autunnali, metterci una candela. Credeteci o no, mi divertivo così, dal momento che in casa non c’era televisione.

  20. Scritto da A.Z. Bg

    Seguito. In Europa tornò tramite l’America,dove arrivò dagli emigrati Irlandesi,che la trasformò anche in festa commerciale.dire che Halloween è da eliminare perchè commerciale è come dire che dovremmo eliminare il S. Natale perchè vendono i panettoni già ora.

  21. Scritto da A.Z. Bg

    Il sindaco di Pedrengo non conosce molto la storia.Halloween deriva dal gergo americano che significa Festa di tutti i Santi.Viene dall’antico capodanno celtico del 1 nov.In quella notte gli spiriti potevano visitare i vivi e venivano messe le lanterne,scavate nelle rape per allontanare quelli cattivi.Si accendevano falò per illuminare la notte dell’inizio dell’inverno e dell’anno nuovo.Anche qui,fino a pochi decenni fa’si seguivano queste tradizioni trasformando la rapa in zucca.Il Cristianesimo utilizzò la data del 1 Nov.per per la festa dei Santi e del 2 per i morti.proprio per non perdere la tradizione spirituale antica.

  22. Scritto da sepp

    il bunga-bunga del capo del suo partito si accorda invece con i principi biblici?
    comprare 4000 voti dalla mafia per 200.000 € si accorda con i principi biblici?

    Caro Sindaco, la smetta di andar dietro ai preti e rifletta un po’:
    l’ unica, vera halloween è la politica italiana di cui lei fa parte.

  23. Scritto da Marcus

    Se Halloween in Italia fosse almeno una festa popolare, nel senso che sia il frutto della cultura del popolo, invece è il prodotto della massificazione popolare prodotta dalla globalizzazione commerciale, economica e culturale.
    Tutto sommato fa bene il sindaco di Pedrengo, almeno solleva il problema.

  24. Scritto da Marco

    Il problema è la carenza o, meglio, la mancanza di esempi coerenti e concreti. Quindi, il problema vero è la debolezza della nostra cultura e delle tradizioni: non bisogna screditare o prendersela con la cultura o le tradizioni altrui se molti italiani hanno una cultura debole. Fermo restando che la cultura non è un bloco monolitico, che non deve esserci un pensiero unico, ma è importante che la cultura sia variegata perchè le differenze possono essere uno stimolo importante e arricchirci

  25. Scritto da Antonio

    Questo signore conosce la storia di Hallowwn? In base a quel che scrive a me sembra che sia una sua interpretazione personale. E chissà se consoce il cristianesimo e i suoi valori fondanti… non ne sono affatto sicuro

  26. Scritto da Marco

    Sindaco, lo dica ai suoi amichetti della Lega Nord (quei pochi che sono rimasti), che parlano tanto dei celti e delle tradizioni celtiche

    1. Scritto da un leghista

      Marco ,i leghisti restati nella sezione di pedrengo non sono cosi ottusi come quelli che li hanno preceduti .Pulizia è stata fatta nella lega di pedrengo .Per fortuna ignoranti ,ottusi ,arroganti ,aberranti ,in questo momento non si dedicano più al partito lega Meglio pochi ,ma buoni.La sede è frequentata da gente per bene che mette il bene publico davanti a tutto e non l interesse privato .Battaglie culturali sicuramente ne faremo ,ma con un certo stile .Tu prima che cambiasse il gruppo dirigente ,per caso la frequentavi ?

  27. Scritto da Matia

    cosa non si fa per cercare qualche consenso…

    1. Scritto da elena

      I consensi il sindaco li ha già avuti alle elezioni, vincendole..

  28. Scritto da Anna

    Anche a me, personalmente, halloween non piace, ma non vedo perchè debba essere il Sindaco a dire cosa è bene o male che la gente faccia. Trovo che sia poco rispettoso degli altri e verso chi non la pensa come lui. Non è compito del Sindaco occuparsi di queste cose.

    1. Scritto da canaglia

      Ma se le stesse cose le avesse scritte su facebook un pizzaiolo, avrebbe detto che non è compito di un pizzaiolo dire cosa è bene o cosa è male?
      Vogliamo togliere la libertà ad una persona, per il fatto di essere sindaco di paese, di poter esprimere le proprie opinioni su un social network?

  29. Scritto da er piotta

    Quello che a tutti sfugge è che questa bella trovata di “allouein” è arrivata da noi per volontà e gioia dei fautori del business !!!!
    Andate nei supermercati, nei negozi, nei parchi di divertimento. E’ una bella occasione per avere i vostri soldi facilmente, usando i bambini come esca. Ho scritto i vostri soldi perchè i miei con piffero che li prendono (nonostante i bambini…)
    Altro che “religione” su ragazzi sveglia !!!

    1. Scritto da omar

      grazie Er Piotta per averci aperto gli occhi ! adesso spiegaci anche i negozi addobbati per le feste natalizie, non capiamo…

  30. Scritto da Gaziantep

    Nella bibbia vi sono sodomia, prostituzione, omicidio, rapina, stupro… E’ una raccolta del peggio. Quei venerabili padri erano dei bei delinquentoni. Il sindaco di Pedrengo, come la stragrande maggioranza dei cattolici, non deve aver aperto mai una bibbia. Del resto dal concilio di trento in poi il cattolicesimo ha fatto di tutto per occultare il vecchio testamento cercando di valorizzare il modesto e anodino nuovo.

  31. Scritto da giampflo

    Povero Sindaco, ossessionato dalle “feste pagane” e dalla natalità delle donne mussulmane: potrebbe approvare un regolamento comunale che vieta tutto quanto non è previsto dalla bibbia…..

    1. Scritto da Monica Merlini

      Nella nostra societa’ tanto ignorante di Dio, al massimo popolata da pochi credenti dormienti che pensano di essere buoni cristiani partecipando alla messa domenicale, prego perche’ siano sempre piu’ gli esponenti che ci governano (a cominciare dal sindaco di un paese) che conoscono la Parola di Dio e la vivono!

      1. Scritto da L76BG

        Merlini..c’era un insegnante di religione con questo cognome, mhmhm..era anche simpatico lo ammetto. Cmq spero la parola di Dio comincino a viverla di più gli uomini facende parte della chiesa, invece che pensar anche loro al vil denaro. Parere personale ma riscontrabile a tutti i livelli “dell’organizzazione” tranne, per lo meno la maggior parte, in quello più basso (dove c’è davvero chi si adopera per il prossimo)

  32. Scritto da gino

    io trovo inopportuno invece quando noto spesso sindaci della Bergamasca partecipare a cerimonie cattoliche con la fascia tricolore, se anche in un comune ci fossero 4.999 cattolici e un ateo o di altra confessione, la fascia e’ inopportuna e il sindaco e’ libero di parteciparvi ma a titolo personale. Amen

  33. Scritto da Sorisole1

    Se chiunque vi suonasse il campanello chiedendovi un dolcetto, recitategli in faccia “Requiem eternam dona eis, Domine; et lux perpetua luceat eis. Requiescant in pace”.

  34. Scritto da Simone

    Sono d’accordo. I morti si commemorano con un requiem o una visita al cimitero, non travestendosi da scheletri. I morti non devono diventare una carnevalata

    1. Scritto da bibbia?

      Mai stati in Messico? Per antica tradizione la ricorrenza dei morti si festeggia con dolcetti a forma di teschio. Ma se non vado errato, e lo confermano le tombe etrusche, i morti si ricordavano proprio con libagioni condivise con loro, tramite alcuni fori posti allo scopo sui tetti piatti delle stesse. Quindi tradizione locale, localissima. Al contrario forse, della Bibbia, che, sempre se non ricordo male, mi risulta essere la storia del popolo ebraico. E a differenza dei Vangeli che, sia pure scritti qualche centinaio dopo i fatti raccontati, e scelti tra molte altre testimonianze dalla chiesa, (in quale concilio?), mi risultano essere alla base del cattolicesimo.

  35. Scritto da io....

    quella sera ricordo tutte le donne uccise dalla chiesa in quanto “streghe”!

  36. Scritto da L76BG

    credevo di abitare in uno stato laico..o meglio con libertà (e senza distinzione) di religione, purtroppo ogni giorno si dimostra non è così e questo sarà ciò che ci porterà allo scontro perchè tutto ciò che è concesso alla chiesa dovrà (per forza vista la costituzione) esser concesso a tutte le religioni ..quindi pian piano ne approfitteranno tutti seguendo la linea madre del vaticano. semper pegio..

    1. Scritto da Il Conte

      ..in effetti quello che dici è vero. Infatti si può sparare a zero sul Papa e sulla Chiesa “per libertà di pensiero” ma non si può dire nulla sui musulmani “pe non offedere la loro sensibilità” e se lo faccio divento automaticamente razzista. mah…. strano il concetto di libertà che si ha in Italia…. I miei ossequi. Il Conte

    2. Scritto da Antonio Ugoni

      Non è così. Abiti in uno Stato dove la religione è il dio denaro, quatrino e cornuto ed è per questo che c’è allouin, babbeo natale, ecc.
      Una festa del commercio e, nel caso di allouin, una festa del maligno

      1. Scritto da mario59

        Sono abbastanza d’accordo con te…però tieni conto che i rappresentanti della chiesa detestano allouin, perchè distoglie l’attenzione dalla festa cattolica di ognissanti, che coincide nello stesso giorno.
        Personalmente detesto allouin perchè è l’ennesima americanata importata…sembra che la nostra società non abbia una sua cultura, e che per averne una, l’unico esempio da seguire sia quello degli americani, il peggio è che ci sarebbero anche delle cose positive da poter imparare dagli americani, ma di quelle assolutamente non se ne fa nulla….siamo proprio un popolo inferiore..purtroppo.

  37. Scritto da qwerty

    La cosa ridicola è che halloween (samhain) è una delle tante festività del calendario di cui il cristianesimo si è appropriato quando, per radicarsi tra le popololazioni, ‘rubava’ tradizioni locali e le sostituiva con le proprie: se non ci fosse non ci sarebbe Ognissanti, o non sarebbe il 1/11. Negare halloween in nome della chiesa o della bibbia è un paradosso che solo persone molto stupide e/o molto in malafede possono sostenere. E infatti guarda un po’ il tizio di cosa fa parte…

    1. Scritto da canaglia

      Di cosa fa parte il tizio?
      E lei di cosa fa parte, per permettersi di dare dello stupido e/o molto in malafede chi esprime un’opinione?
      Quanta presunzione…

  38. Scritto da eh?

    scusate ma la festa della donna (ad esempio) è conforme ai principi biblici?

  39. Scritto da Donovan

    Penso che le carnevalate commerciali, per giunta da gusto macabro, non siano opportune anzi siano decisamente fuori luogo, specialmente nei giorni nei quali tutti quanti (credenti e non credenti) ricordano con fede e/o con rispetto i loro morti. Penso anche che chi, come i sindaci, rappresenta e tutela la propria comunità abbia, se consapevole di quanto sopra, l’obbligo di opporsi a tutto ciò che ne ferisce la sensibilità e i sentimenti profondi. Buona giornata a tutti i lettori

  40. Scritto da Tobia

    occuparsi di cose concrete no?!

    1. Scritto da michele

      Un sindaco non puo ,oltre che ad occuparsi di cose concrete ,dire la sua anche su questioni culturali ?

      1. Scritto da Tobia

        Certo, liberissimo di farlo per quanto non sia nelle sue disponibilità abolire la festa di Halloween; contestualmente io sono liberissimo di dissentire dalle sue posizioni visto che mi sembra che si stia parlando del “sesso degli angeli”..posso farlo Michele?!

        1. Scritto da michele

          Ma ci mancherebbe.Penso però che nel tuo messaggio non sei entrato nel merito della discussione ,ma hai fatto solo un affermazione banale .Poi nel secondo messaggio ,come al solito ,tanta malafede.Io ritengo che questa festa non vada abolita ,per carità ,ma che uno ritenga che nel nostro contesto culturale sia fuori luogo ,lo possa dire o nò Tobia ?

          1. Scritto da Tobia

            Volutamente non sono entrato nel merito della questione perchè mi pare di una vacuità pazzesca. Se il mio post lo ritieni banale mi spiace, ma fortunatemente il tuo giudizio non è il metro di misura che utilizzo per considerare la bontà delle mie affermazioni. Sul fatto invece di venire accusato di malafede mi infastidisco, perchè se basta esprimere una propria opinione per venir tacciati di malafede o lesa maestà, mi chiedo che senso abbia che il Sig. Sindaco esprima una sua opinione se poi chi tenta di ribattere viene derubricato da qualche giannizzero??!!

          2. Scritto da canaglia

            C’era il 3×2 sull’acquisto di arroganza e presunzione? Vedo che ne hai approfittato a mani basse. Non si capisce, con tutta la tracotanza che dimostri dai commenti, come mai ti sei abbassato tanto da voler commentare questa non notizia. E scusa se magari ti infastidisco.

          3. Scritto da Tobia

            No tranquillo tu non mi infastidisci proprio, al massimo mi fai tenerezza..visto che senti l’esigenza di non firmarti con il tuo nome e pontifichi sui commenti di tutti manco possedessi la chiave della verità assoluta..inoltre ti significo che io non ho commentato la notizia ma ho espresso una considerazione..poi ho commentato i commenti alla mia considerazione..quindi al massimo mi sono dovuto innalzare al tuo livello per poterti rispondere..

          4. Scritto da michele

            Da questa risposta confermi la mia affermazione ,è malafede .
            Scrivi ,rispondi e poi ti alzi sopra gli altri dicendo che tu non ne discuti neanche ,allora per quale motivo partecipi alla discussione.

          5. Scritto da Tobia

            no scusa mi faresti notare nei miei commmenti precedenti dove ho palesato che io di questa questione non ne discuto con gli altri e così ho manifestato tutta la mia arroganza..no perchè la cosa mi sfugge..si sa io sono uno pieno di limiti..ma a quanto pare non sono il solo..ma sopattutto per quale motivo nel momento in cui faccio una considerazione su un pensiero espresso dal Sig. Sindaco la considerazione viene subito tacciata di malafede..sei un pochetto prevenuto nei miei confronti Michele?! e ancora, basta dissentire dalle opinioni del Sindaco per venire considerati banali, e arroganti???..a quando l’olio di ricino Michele??

          6. Scritto da Tobia

            no scusa mi faresti notare nei miei commmenti precedenti dove ho palesato che io di questa questione non ne discuto con gli altri e così ho manifestato tutta la mia arroganza..no perchè la cosa mi sfugge..si sa io sono uno pieno di limiti..ma a quanto pare non sono il solo..ma sopattutto per quale motivo nel momento in cui faccio una considerazione su un pensiero espresso dal Sig. Sindaco la considerazione viene subito tacciata di malafede..sei un pochetto prevenuto nei miei confronti Michele?! e ancora, basta dissentire dalle opinioni del Sindaco per venire considerati banali, e arroganti???..a quando l’olio di ricino Michele??

          7. Scritto da michele

            olio di ricino? Cosa centra ,io non ho problemi a discuterne ,sul fatto poi che difenda le posizioni del sindaco ,cosa cè di male ,tutti qua lo attaccano ,lo criticano ,lo deridono , lo insultano se uno si fa avanti a sostenere delle opinioni in suo favore ,che problema cè .Mi sembra invece che tu abbia grossi probleni a discutere .Poi non fare la vittima ,questo è un luogo dove ci si scambia opinioni non cè bisogno di arrivare all insulto ,io perlomeno non ti ho insultato non voglio farlo ,voglio solo scambuiare opinioni è cosi difficile per te.Ciao e buonagiornata ,sono sempre a disposizione a scambiare opinioni anche se non ho la tua cultura e la tua inteligenza .

          8. Scritto da Tobia

            Io non ho ne deriso ne tanto meno attaccato il Sindaco, ho espresso una considerazione che può essere condivisibile o meno. Tu mi dici che hai voglia di discutere e scambiare opinioni e poi ti presenti dicendomi che ho fatto un commento banale ed in malafede, ripeto mi sembri prevenuto nei miei confronti..e poi basta con questa storia dell’arroganza, della cultura e dell’intelligenza ogni qualvolta dico qualcosa sono in ordine: o banale, o arrogante, o in malafede, o spocchioso, o tracotante..la prossima volta esprimerò la mia opinione ragliando allora..a no scusa, in quel caso farei la vittima..ma che avete un complesso nei miei confronti??!!

          9. Scritto da michele

            .Si ,lo ammetto ho un complesso nei tuoi confronti ,stimo le persone che si impegnano in politica (specialmente i giovani) e mi piacerebbe con queste riuscire a discutere di tutte le questioni politiche ,economiche e culturali con serenità .E se devo essere io a fare il primo passo non c è problema chiedo scusa di tutto quello che posso aver detto che ti ha procurato disagio .I pregiudizi e i precocetti ,io nei tuoi confronti non ne ho . Tu invece ? Ciao e buona girnata

  41. Scritto da Un Catechista

    halloween non è una festa esoterica e satanista, ma solo una festa di fine raccolto che i celti celebravano banchettando e ricordando i loro estinti , già molti anni prima di Cristo. Questa festa così concepita secondo me non ha nulla di contrario al cristianesimo, che per contrastarla ha deciso di spostare la festa dei santi e dei morti dal 8 maggio al 1/2 Novembre. Sul fatto che ormai halloween sia diventata una festa consumista-capitalista con il solo scopo di far spendere soldi a chi si lascia influenzare dalla massa, credo non ci siano dubbi. Pertanto, mi permetto di suggerire all’autore di codesto articolo un po’ di serenità.

  42. Scritto da alberto tadini

    bene, è la conferma che siamo in vaticanistan e che i preti comandano su tutto e tutti. però mi chiedo cosa possa c’entare halloween, festa “anglosassone”, nordica, con l’immigrazione musulmana. halloween, se proprio vogliamo fare le pulci, è retaggio culturale europeo, magari precristiano, di quelle cose che piacciono tanto ai legaioli senza che però ci capiscano qualcosa e ci ragionino sopra. mio papà avrebbe commentato che c’entra come “il buter cun la ferovia”.

  43. Scritto da Andrea Lombardi

    Mi sembra un punto di vista legittimo, per chiunque e pure per un sindaco.. A me halloween piace, e lo vedo come un carnevale. Ma io non sono un uomo di fede.
    Certo, devo osservare che il Cristianesimo tradizionalmente faccia leva proprio sul timore del “dopo la morte”, paura che dovrebbe indurre i fedeli a comportarsi in vita secondo i dettami cristiani. E non so se possa essere meno spaventoso di qualche strega.
    Però vorrei ricordare che più che parlare di Cristianesimo si dovrebbe parlare di Cattolicesimo per quanto riguarda l’Italia.. e la differenza è tutt’altro che sottile!