BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ubi Banca pronta a vendere l’1,2% di Intesa Sanpaolo

Si attende per le prossime settimane la vendita da parte di Ubi Banca dell’1,2% di Intesa Sanpaolo che comporterebbe un potenziale capital gain di quasi 34 milioni di euro.

Si attende per le prossime settimane la vendita da parte di Ubi Banca dell’1,2% di Intesa Sanpaolo, pari a 186 milioni di titoli, attraverso un private placement o un piazzamento sul mercato. Una quota, quella dell’1,2%, che l’amministratore delegato di Ubi Banca Victor Massiah ha più volte definito una partecipazione non core.

Le azioni sono state classificate come attività finanziarie disponibili per la vendita (Afs) con un valore di libro, a fine giugno, di 208,46 milioni di euro (1,18 euro per azione) dopo 31,8 milioni di euro di impairment nel primo semestre e 640 milioni di euro nei quattro anni precedenti.

Il prezzo di mercato corrente di Intesa Sanpaolo è a 1,258 euro (superiore al book value) e la vendita dell’1,2% comporterebbe per Ubi Banca un potenziale capital gain di circa 34 milioni di euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    Vendono la quota dopo aver perso 640 mln di Euro perch’ l’hanno dovuta svalutare?
    Dopo aver avuto,per anni, nel Consiglio di Gestione Bazoli, presidente di Intesa San Paolo?
    Possono dare una risposta intelligente a queste due domande?

  2. Scritto da Dino

    Subito dopo la categoria politica arrivano Loro..un “secondo posto” che per il momento può far comodo; ma se l’Italia ora non và bene
    dal punto di vista dell’iniziativa imprenditoriale è soprattutto merito Loro…..Le Banche devono riprendere a fare le Banche (con i soldi dei Loro contribuenti). Le fusioni non interessano a nessuno….

  3. Scritto da meglio tardi che mai....

    …utilizzate il ricavato x assumere giovani precari e x evitare licenziamenti …