BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Toh, chi si rivede Bobo Vieri: “Il calcio? Non m’interessa più”

Il bomber italo-australiano è tornato a parlare dopo mesi di silenzio: "Il calcio italiano non lo guardo più, ora seguo solo il Barcellona e l'Nba. Io di nuovo in campo? Impossibile, anche se sono ancora fortissimo".

Più informazioni su

Toh, guarda chi si rivede. Christian Vieri, dopo mesi di silenzio, torna a parlare ai microfoni di GazzettaTv e lo fa, come spesso gli succede, senza freni: “Divertirsi è importante – ha spiegato l’ex bomber di Atalanta, Milan e Inter -. Gioco sempre a calcio con gli amici, almeno 2-3 volte a settimana per cercare di tenermi in forma per non crescere troppo di peso. E poi è chiaro che io, come quando ero in campo, cerco sempre di vincere”.

All’attaccante italo-australiano è stata fatta la domanda più scontata, quella sul derby milanese vinto dai nerazzurri domenica sera. Domanda alla quale il Bobo nazionale si è rifiutato di rispondere: “Il derby? Non so nulla perché io non guardo più il calcio italiano. Non m’interessa. Ora seguo molto il Barcellona, a volte il calcio spagnolo e ho trovato nell’Nba una grande passione”.

Nell’intervista si è poi passati a parlare di Alex del Piero, l’ex capitano juventino finito nel campionato di calcio australiano, e il giornalista non ha perso l’occasione per punzecchiare Vieri, che ha risposto abbastanza divertito: “Del Piero è un grande campione che si divertirà ancora per un paio di anni. Io di nuovo in campo? No, impossibile. Ho 39 anni, sono vecchio e, anche se sono ancora molto forte, non posso più permettermi di giocare tra i professionisti”.

Infine, una battuta sul caso-Telecom che l’ha visto vincere la prima udienza contro l’Inter e contro la compagnia telefonica per lo spionaggio subìto nel 2000, nel 2001 e nel 2004, causa che porterà sul conto corrente di Bobo qualcosa come un milione di euro: “Ora non posso dire nulla perché c’è ancora l’appello. Ma quando tutto sarà finito parlerò, e di cose da dire ne ho tante”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da atalo

    .. e quando mai è stato veramente interessato al calcio ?
    da dopo la juve è sparito .. professionalmente

  2. Scritto da makio

    vieni a giocare a Begamo se sei ancora fortissimo , ultimamente ne abbiamo bisogno.

  3. Scritto da Fausto

    Ahahahahah Caro Bobo, ti basterà la paghetta che ti dà la mamma per questo mese????

  4. Scritto da gino

    ” sono ancora fortissimo! ” bella questa, si a magnare, bere e ballare in discoteca…

    1. Scritto da Manuel

      Chiamalo scemo….solo invidia,grande Bobone :-)

      1. Scritto da dol

        No, non scemo. Solo furbone. E un brutto modello. Invidia? .. e di cosa? Tanti soldi non coprono una tristezza umana. Vuoi qualche esempio di sportivo vero? Vero soprattutto DOPO aver smesso l’attività? Su, dai che non è difficile.

        1. Scritto da Manuel

          Perche’ ” coprono una tristezza umana” ? x caso lo conosci x giudicare? e lascia quello che scrivono i giornali…e’ un consiglio :-)

        2. Scritto da white

          perchè un “brutto modello”?

          1. Scritto da dol

            per me Vieri è un bell’ esempio di “mercenario” del pallone. Come altri, senza dubbio. Se per voi è un’invenzione dei giornali o un bel modello, per me no. E nemmeno quel che si sa della sua vita extra calcistica lo prenedo a modello. Ma anche col calcio: qualcuno se lo ricorda a Bg l’ultima stagione? E’ un modello sportivo?

          2. Scritto da poeret

            a bergamo gli hanno dato contro solo xchè non è bendisposto a fare la banderuola alla festa della Dea, solo xchè ha esultato per un gol (poi portano trionfale chi ha stracciato un contratto appena firmato) purtroppo troppa gente da peso ai capetti e non pensa con la sua testa. Volente o Nolente Bobone è sempre stato un professionista, allenandosi e segnando ovunque è andato.. fosse stato più ruffiano pensate non lo avrebbero accolto con la mongolfiera?! Aprite gli occhi!! basta dare ascolto al reuccio con gli zoccoli.. USATE LA VOSTRA TESTA