BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dea, il problema è il gol con il mistero Parra e il rimpianto Inzaghi

Undici reti subite e cinque fatte per la squadra di Colantuono. Se la difesa è stata falcidiata dagli infortuni, l’attacco ha poche scusanti, con i nuovi arrivati ancora non pervenuti: non avrebbe fatto comodo SuperPippo?

Più informazioni su

Undici gol subiti e cinque gol fatti. I numeri del poco entusiasmente avvio di stagione atalantino sono significativi. Se le reti incassate sono tante (peggio ha fatto solo il Chievo con 14) ma possono essere in parte giustificate dai numerosi infortuni che hanno falcidiato lo scacchiere colantuoniano, quelle realizzate sono poche (solo una in più del Cagliari, primo tra i peggiori) e non hanno le stesse scusanti. Le pedine del reparto offensivo sono sempre state a disposizione di Colantuono e, almeno per quanto riguarda i titolari, non sono cambiate rispetto alla scorsa stagione.

Cinque misere reti maturata grazie a due cannonate del Tanque, a Cagliari e in casa col Torino, al guizzo di Moralez a Catania, al capolavoro di Cigarini a San Siro e alla capocciata di Raimondi con il Palermo. Il reparto offensivo è dunque fermo a quota tre reti in sette partite: una media non certo invidiabile, che nemmeno i nuovi bomber (o presunti tali) arrivati la scorsa estate a Zingonia sono riusciti a migliorare.

Se De Luca finora non è riuscito a segnare ma ha saputo farsi apprezzare con le sue giocate, le due grosse incognite sono rappresentate dall’attaccante argentino Facundo Parra e dal jolly offensivo venuto dall’Australia James Troisi. Il primo ha fatto il suo esordio nell’ultima parte di gara della sconfitta casalinga contro la Lazio alla prima giornata, senza riuscire a lasciare il segno, e poi è sparito nel nulla. Il secondo ha trovato più spazio, ma nemmeno lui ha convinto pienamente.

E allora ecco tornare d’attualità il nome di Filippo Inzaghi. Che ormai però è solo rimarrà solo un rimpianto, vista la nuova carriera intrapresa dall’ex bomber del Milan, ora allenatore delle giovanili. Un giocatore che avrebbe fatto molto comdo a Colantuono con i suoi guizzi in area avversaria, specialmente in questa prima parte di stagione in cui la squadra nerazzurra non ha girato a pieno ritmo. E con un Tanque Denis non implacabile come lo scorso anno.

Basta guardare le ultime due gare con Torino e Lazio, con le numerose occasioni create nel primo tempo e non sfruttate. Chissà cosa avrebbe combinato SuperPippo con quelle palle in area a lui tanto care. Senza dimenticare il grosso apporto che avrebbe potuto dare in termini di personalità al gruppo di Colantuono: un’altra delle lacune messe in mostra in queste prime uscite. Un rimpianto, grosso come la voglia dei Cola-boys di rialzare al più presto la testa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tintulè

    Mitico Facundo! Subito titolare!!!

    1. Scritto da Giò

      Giusto! Facciamolo giocare in mongolfiera!

      1. Scritto da Francesco

        Sulla mongolfiera metterei qualcun’altro….

  2. Scritto da VALERIA

    FORZA ATALANTA, I FATTI E NON LE PAROLE, PER METTERE A TACERE TUTTI I GUFI, CHE NON HANNO NIENTE A CHE FARE CON NOI VERI TIFOSI.
    SONO CONVINTA CHE DA DOMENICA COL SIENA QUESTA SQUADRA SAPRA’ ENTUSIASMARCI E LASCIARCI TUTTI A BOCCA APERTA. DENIS SI SBLOCCHERA’, LA FORTUNA GIRERA’ DALLA NOSTRA PARTE…W LA POSITIVITA’ E LA SOLIDARIETA’ NEI MOMENTI IN CUI SERVONO. ANCORA FORZA ATALANTA, FORZA MISTER, FORZA MARINO E FORZA PRESIDENTE. GRANDE STIMA PER VOI .

    1. Scritto da Francesco

      tu si che sei una vera tifosa, hai cosi a cuore la dea che ti sei dimenticata che domenica c’è la sosta. e di sicuro domenica non le prendiamo! ahahahahahahah

      1. Scritto da VALERIA

        Infatti caro Francesco non ho scritto domenica prossima, ma dalla domenica col Siena…quindio come vedi sono aggiornata…continuando su questi toni ironici e polemici non fai altro che confermare la mia tesi che i veri tifosi non vanno alla ricerca del pelo nell’uovo, ma sanno valutare come vanno le cose e il loro senso a 360 gradi….RILASSATI e ti consiglio di tifare per un’altra squadra

        1. Scritto da Francesco

          Si rilassi un pò anche lei cara Valeria, il ruolo della super tifosa non le si addice. E mi dica, lei era fra quei super tifosi che anni fa fecero cacciare Percassi? e che invece adesso lo osannanno? Fra quelli che contestarono Ruggeri e che adesso, per via della sua malattia, scrivono sui muri frasi di incoraggiamento? Lasci stare…
          i miei più vivi complimenti! Comunque tifare vuol anche dire saper riconoscere gli errori e valutare le cose, come dice lei. E allora mi illumini, essendo penultimi in classifica, cos’è che non riesco a vedere di tanto fantastico per essere felici ed entusiasti ? Io riesco a vedere solo una squadra che non sta rendendo e di questo passo le cose si mettono male.

          1. Scritto da VALERIA

            SONO RILASSATA…..NON SI PREOCCUPI

            NON MI CONOSCE E NON PUO’ GIUDICARE CHE RUOLO MI SI ADDICE O MENO….IO NON HO MAI DATO CONTRO NE A RUGGERI NE A PERCASSI,….

            TIFARE NON E’ ANDARE CONTRO, MA SOSTENERE, SE LO RICORDI….NELLA VITA CI SONO ALTRE VALVOLE DI SFOGO, LE RIPETO

          2. Scritto da Francesco

            Ci mancherebbe altro che io mi preoccupi così tanto per l’Atalanta. Dormo ancora più che tranquillamente la notte. Al contrario di qualcuno, mi auguro, che ha capito di aver toppato la campagna acquisti e spero correrà ai ripari al mercato di riparazione. Si ricorda l’ultima retrocessione? venivamo da un campionato stratosferico, erano tutti gasati ma dopo ogni sconfitta si faceva a gara a chi la sparava più grossa: “non ci sono problemi”, “abbiamo tanti infortunati”, “vedrete che da domenica prossima ci riprendiamo” e siamo finiti in B. Mi auguro tanto quanto Lei che quest’anno si riesca veramente ad invertire la tendenza! Ma spesso bisogna dare una scossa perchè ciò accada!!

        2. Scritto da dol

          beh, si rilassi un poco anche lei. Quanta foga. Tifare vuol dire per forza non guardare alla realtà? E se anche non è radiosa siamo ….rilassati via. c’è ben di che per cui esser davvero tesi

  3. Scritto da Cesare

    La nuova dirigenza, il primo anno, fece un mercato fallimentare, con l’arrivo dei vari Ardemagni, Pettinari e Dalla Bona (anche da gennaio, Marilungo combinò ben poco). Si arrivò in serie A grazie alla vecchia guardia, da Consigli a Tiribocchi, passando per Doni (sigh!). Quest’anno la cosa sembra ripetersi, con Parra, Troisi e Matheu. Sbagliare due mercati su tre (nel frattempo vendendo dei bei giocatori) non è un gran segnale.

    1. Scritto da gighellino

      Cioè chi sarebbero i buoni giocatori venduti? Gabbiadini? chi la riserva di Acquafresca che è la riserva di Gilardino?
      Oppure Padoin che SE NE E’ VOLUTO ANDARE?

      1. Scritto da Tone

        Garycs, Guarente, Valdes, Barreto, Padoin. Serve altro, maestrina?

  4. Scritto da nino cortesi

    Inzaghi in campo sicuro, ma con la piantana della flebo.
    Abbiamo una grossa squadra e lo dimostrerà subito. E dopo la conferma di Matheu avremo anche quella di Parra.
    Marino è un grandissimo intenditore di calcio, Percassi non sbaglia un colpo.
    Ed entrambi sanno gestire anche da un punto di vista economico il bilancio per una futura grande e centenaria Atalanta.

    1. Scritto da Diego

      Nino ti stimo perchè sei un intenditore e io e te la pensiamo uguale facendo da contraltare a gufi e pessimisti…la squadra è competitiva recuperati gli infortuni torneremo a volare e comunque 7punti sono un buon bottino in tempi di magra! Io ho già dato appuntamento a tutti per ritrovarsi qui a fine novembre…Ora peró sono in disaccordo per quanto riguarda Marino troppo fissato nelle sue convinzioni e troppo pieno di se,dovrebbe avere a mio avviso meno carta bianca perchè errori li ha fatti:un Donati in mezzo al campo lo vedrei bene ora,così come un Inzaghi in panca pronto ad entrare a partita in corso: secondo me avrebbe risolto molte partite ingarbugliate! E crea apprensione alle difese

      1. Scritto da silvo62

        caro Diego anche io sono daccordo con te e riguardo a Marino
        (che stino tantissino e sono contento sia a bergamo) mi chiedo se la sua meritata fama di grande conoscitore del calcio sudamericano non rischi di farci perdere il polso su possibili affari nel resto del mondo.
        Per il resto dico a tutti che non si possono tirare le somme dopo poche partite e con tutti gli infortuni che abbiamo avuto.
        Penso positivo e sempre Forza Dea

      2. Scritto da nino cortesi

        Diego contraccambio, ma meglio i giovani e soprattutto se sono fedeli alla maglia. Marino ci capisce di calcio, molto.

        1. Scritto da nino cortesi

          E Capelli ci manca da morire.

    2. Scritto da Angelo

      Caro nino cortesi, va bene tutto, ma dire che Dalla Bona, Pettinari, Ardemagni, Parra e Troisi non sono dei clamorosi colpi sbagliati, mi sembra troppo. Un po’ di obiettività.

      1. Scritto da nino cortesi

        Tutti possiamo sbagliare, anche io e te Angelo. Però sabato Ardemagni in B ha fatto 3 goals. Pettinari ha un problema fisico emerso successivamente. Troisi e Parra non puoi giudicarli, non hanno praticamente ancora giocato e bisogna vedere anche cosa ci sono costati o cosa abbiamo guadagnato con l’annessa vendita di Gabbiadini. Chi ama l’Atalanta la difende e la esalta sempre ed ancora di più nei momenti che è in difficoltà. E’ la forza che c’è fra grandi amici. Atalanta è Bergamo. Meglio che siano GRANDI!

        1. Scritto da Angelo

          Veramente eri stato tu a scrivere che qualcuno non sbaglia un colpo… adesso invece apprendo che tutti possiamo sbagliare..ma dai? Ardemagni ha fatto 3 gol dopo tre anni di gestazione: l’era ura!

          1. Scritto da nino cortesi

            Io e te Angelo possiamo sbagliare. Sinora non mi risultano errori da parte della dirigenza atalantina.

  5. Scritto da digeo

    Parliamoci chiaro, degli errori sono stati fatti. Manca un terzino destro di categoria da gennaio (Masiello non gioca da gennaio) e non c’è l’alternativa a denis. Inzaghi è stato respinto da Marino, così come Floccari. Incomprensibile:Floccari era la perfetta spalla e/o alternativa di Denis, Inzaghi avrebbe rimpiazzato Tiribocchi. E’ stato sbagliato aver pensato ad Inzaghi come alternativa a denis, sarebbe stato un grande valore aggiunto al posto di tiribocchi

  6. Scritto da L76BG

    periodo sfortunato..nelle ultime 2 partite 3 traverse e un gol annullato ingiustamente. Evitiamo “speculazioni” Superpippo non ci sarebbe servito, abbiamo giovani interessanti e di prospettiva, fiducia in loro e alla squadra.

    1. Scritto da Geom.

      Non è una speculazione dire che, quando andiamo sotto, non abbiamo mai la minima reazione. Vedi Lazio, Catania, Torino e Roma. E questo è molto pericoloso, perchè denota una mancanza di personalità. Che non arriva certo dai giovani “di prospettiva”.

  7. Scritto da Paolo

    La verità è che Inzaghi farebbe ancora molto molto comodo anche al Milan… soprattutto in partite come quelle di domenica scorsa!

    1. Scritto da riccardo

      Guarda che tu parli di un Inzaghi che non esisteva già più da un paio di anni. Rimpiangere Inzaghi? A 40 anni e falcidiato dagli infortuni di una carriera logorante? Ah,ah…non so se ridere o se piangere.
      Mi si diceva che a Bergamo ci sono tanti competenti di calcio. A leggervi si direbbe che qui vi sia più che altro un concentrato di provinciali nostalgici abituati a guardare partite all’oratorio.

  8. Scritto da Francesco

    Mi dispiace ammetterlo ma il Sig. Marino e la Dirigenza, in questo calciomercato, hanno toppato in pieno. Sapevano dove era necessario intervenire e dove cercare di rinforzare i reparti, dove eravamo carenti numericamente e dove invece eravamo in esubero di giocatori non da serie A. Inoltre se dovesse farsi male Denis quale sarebbe l’alternativa? quello arrivato in mongolfiera dev’essere talmente scarso che domenica gli hanno preferito uno che rientrava da un operazione alle ginocchia tanto per fare un esempio. Serve una scossa al più presto e tutti al volo fare un bagno di umiltà, i vari schelotto, peluso, eccetera capiscano che non sono dei fenomeni, anzi….

    1. Scritto da gighellino

      Spero che l’anno prossimo Percassi chiami te come direttore generale…

      1. Scritto da Francesco

        speriamo! almeno manderei in campo la squadra con delle divise decenti, non con un simil pigiama.

  9. Scritto da Marcus

    Certo che si fa presto a osannare un calciatore e subito dopo a scaricarlo. E’ vero Denis non ha il rendimento dell’anno scorso ma diamogli un attimo di tempo. Piuttosto l’errore è stato fatto dalla società che non ha pensato ad una alternativa.

  10. Scritto da Andrea

    onestamente non rimpiango Inzaghi….. è stato un grande nell’Atalanta ma oggi come oggi non si puo’ puntare su di lui oggi come oggi… l’Atalanta non sta giocando male… manca una punta che la butti dentro e piuttosto che rimpiangere Pippo forse c’e’ da riflettere sul fatto di aver lasciato andar via il Tir.. non un fuoriclasse ma un’alternativa che poteva tornar utile…

  11. Scritto da GREATGUY

    che parra sia un mistero sono daccordo, che noi si debba rimpiangere inzaghi assolutamente no!!! inzaghi E’ STATO un grandissimo attaccante ma una società con un progetto serio non può puntare su uno di 40 anni.

    1. Scritto da Francesco

      Progetto serio? non so se vi siete resi conto ma abbiamo un piede in serie B ! dietro di noi solo il Siena penalizzato di 6 punti. Qualcuno si decide ad ammettere o a rendersi conto che la situazione è più grave del previsto? a Bergamo si ha il brutto vizio di far finta che tutto va bene e di continuare a dire che dalla domenica successiva le cose si sistemeranno. Sveglia ragazzi, troppe assonanze con l’annata dell’ultima retrocessione!!

      1. Scritto da gighellino

        Un piede in serie B alla settima giornata? Dai Francesco di piuttosto che ti stanno sulle scatole Percassi Marino e Colantuono saresti più sincero….
        Quelli come te che hanno sempre ragione che criticano e basta che hanno la presunzione di insegnare il proprio lavoro a gente che lo fa da 40 anni….Francesco un consiglio nasconditi che è meglio

      2. Scritto da greatguy

        ma come si fa dopo 6 giornate a dire che abbiamo un piede in B??? Francesco la scommetti una pizza con me sulla permanenza in A???

        1. Scritto da Francesco

          Senza fare polemica sterile a mio modo di vedere le assonanze sono: l’euforia generale pensando di strafare, le altre concorrenti che quest’anno mi sembrano decisamente più forti dell’anno scorso, giocatori in aria di nazionale che si credono fenomeni per poi riscoprirsi i chiodi che sono sempre stati, tant’è vero che non sono mai arrivate offerte serie da parte delle cosidette “big”. Sono tutte cose che fanno perdere concentrazione al gruppo, non c’è peggior cosa di prendere sottogamba l’impegno di un campionato in serie A. Poi qualcuno mi spieghi chi sono i titolari al momento ai box, Biondini il fabbro e Bellini lo scarpolino? ma per piacere… la rosa non è stata allestita a dovere.

          1. Scritto da L76BG

            INFORTUNATI.. praticamente tutti i centrali.. Capelli (lungodegente) Lucchini, Stendardo, Manfredini.. scusi ha visto la partita domenica, chi ha giocato in mezzo? Aggiungiamo si Biondini (buon giocatore) e Carmona ..poi Marilungo. Non mi sembrano pochi, ma si..Lei puntava su Inzaghi (che era fermo da 2 anni..e ne ha 39) probabilmente si che se ne intende.. senza polemica naturalmente

          2. Scritto da Francesco

            si rende conto di come siamo messi? Osanniamo un Capelli e un Manfredini…. Lucchini lasciamo perdere, sta facendo peggio dell’anno scorso, il che è quasi impossibile visto i disastri che combinava. E’ la stessa squadra dell’anno scorso si potrebbe dire, con la sola differenza che Denis ci ha parato il c..o con i suoi goal, cosa che quest’anno gli riesce difficile fare. La società ha pensato a questa ipotesi? Mi pare difficile pensarlo vista la rosa! Questo della rosa resta il male minore, secondo me il problema più serio è quello della mentalità non più vincente, stiamo prendendo asfaltate da chiunque, il grande torino che ce ne ha dati 5 ha perso in casa col modesto cagliari. coincidenze?

          3. Scritto da L76BG

            prima parla di infortunati..ora che li ho snocciolati cambia mira.. le potrei anche rispondere che abbiamo vinto a Milano, dia tempo al tempo come scritto si son giocate solo 7 partite (ed a parità dell’anno scorso abbiamo fatto più punti).

      3. Scritto da L76BG

        7 punti in 7 partite.. l’ultimo anno della retrocessione ne abbiamo fatti 2, e 11/2 in 19.. mi dispiace ma non vedo assonanze. Vero abbiamo dietro una squadra ma quante ne abbiamo a pari? un conto è far finta di niente, altro è esser obiettivi..x la cronaca poi nelle stesse partite (stessi avversari) l’anno scorso avevamo raccolto meno, finendo poi a 52. Forse lei si meriterebbe lo zamparini di turno. Saluti

        1. Scritto da luc

          Magari ci fosse Zamparini! Quello i soldi ce li mette per davvero!

          1. Scritto da L76BG

            si..si..Venezia docet