BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aste truccate a Milano, l’ex assessore Moioli “Sono sconvolta”

"Devo dire che sono rimasta sconvolta e dispiaciuta. Si sono susseguite notizie che non corrispondono al vero". Questo il commento dell’ex assessore Pdl Mariolina Moioli in merito all’inchiesta che vede coinvolti alcuni funzionari di Palazzo Marino.

"Devo dire che sono rimasta sconvolta e dispiaciuta. Si sono susseguite notizie che non corrispondono al vero". Questo il commento dell’ex assessore Pdl Mariolina Moioli in merito all’inchiesta che vede coinvolti alcuni funzionari di Palazzo Marino: Patrizio Mercadante, già segretario provinciale Uil Scuola, il segretario generale dell’Istituto dei ciechi Antonio Picheca e il presunto corruttore, l’allora legale rappresentante della società di viaggi, Dario Zambelli, bergamasco. Agli arresti domiciliari, invece, Giulia Pezzoli di Seriate, indicata come una persona di fiducia di Mercadante. Secondo i pm Pradella e Siciliano, sarebbero stati distribuiti 38 milioni di euro di appalti per la gestione delle case vacanza alla Borgunitour di Dario Zambelli, che non aveva alcun requisito per ottenerli. "Il bilocale dato a mia figlia – ha spiegato Moioli – è stato dato con un bando pubblico e paga mille e duecento euro al mese, un prezzo di mercato. Io non ho chiesto avanzamenti di carriera a nessuno e con la Fondazione Pini tutto è avvenuto quando ero consigliere e tutto fuori dalla mia competenza. Sulle gare, come detto dal sindaco, non sono stati dati soldi a nessuno – ha aggiunto – e la gara non è competenza dell’assessore. Mi auguro che nel più breve tempo si faccia chiarezza perché la situazione è incresciosa". "Io mi fidavo di Mercadante – ha concluso Moioli – perché nel percorso di lavoro non avevo avuto sentore di questioni come quelle emerse".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.