BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Andreino Carrara, dalle lotte sindacali alle battaglie politiche

A undici anni dalla morte del senatore Andreino Carrara, il figlio Nicola tratteggia un ritratto del padre: sindacalista e politico. Il suo profondo credo religioso e il senso civico di servizio per la comunità.

A undici anni dalla morte del senatore Andreino Carrara, il figlio Nicola tratteggia un ritratto del padre: sindacalista e politico dalle profonde radici cattoliche. 

 

Il 6 ottobre prossimo ricorre l’11° anniversario della morte del Senatore Andrea Carrara. Vorrei ricordare alcuni momenti, forse quelli meno conosciuti, del suo impegno sociale che iniziò presto nelle Acli e successivamente nella Cisl presso la Dalmine, dove Andrea fu impiegato. Fine anni sessanta ed inizio settanta: nelle fabbriche i lavoratori si battevano per il riconoscimento dei loro diritti con assemblee e scioperi ma anche impegno al servizio di quella grande azienda conosciuta in tutto il mondo. Egli guidò una mobilitazione che portò molti lavoratori ad astenersi dal lavoro ed occupare l’autostrada (2 luglio 1969). Fu un’azione dimostrativa forte se si considera che per la prima volta i lavoratori “invadevano” un’autostrada.

Nella Democrazia Cristiana, partito nel quale già militava, vi erano colleghi dirigenti che non condividevano la sua azione sindacale e, talvolta, cercarono di contrastarla. Un’altra imponente manifestazione fu guidata da mio padre per le strade di Bergamo e conclusasi al Palazzetto dello Sport con un’assemblea. Negli anni settanta fu Consigliere d’Amministrazione degli Ospedali Riuniti di Bergamo, un’esperienza che lo avvicina al mondo socio-sanitario che resterà un ambito privilegiato della sua attività politica successiva. Nel 1972 insieme a Giorgio Brumat ed altri amici fonda l’AIDO, associazione diffusasi poi su tutto il territorio nazionale.

Nel 1975 è eletto Segretario Provinciale della Democrazia Cristiana. Erano gli anni in cui la D.C. era il partito di maggioranza assoluta nella bergamasca e furono anche gli anni del terrorismo. Anche a Bergamo erano presenti alcune cellule terroristiche; egli fu nel mirino di queste ultime in due agguati dai quali riuscì fortunatamente a sfuggire. Nel 1980 divenne Presidente dell’USSL n. 29 di Bergamo fino al 1991. Fra le tante esperienze avviate sul territorio bergamasco in quel decennio si ricorda l’impegno per l’applicazione della Legge n. 180 sulle malattie mentali (legge Basaglia) realizzando iniziative e servizi innovativi per i pazienti psichiatrici e per i familiari. Nel 1989 venne eletto alla Camera dei Deputati e nel 1992 al Senato della Repubblica.

Segnalo tre leggi di cui si fece promotore:

1) riordinamento della medicina sportiva;

2) promozione di nuova occupazione giovanile;

3)nuova legislazione per i trapianti di organi.

L’attività politica degli ultimi anni fu contraddistinta da iniziative, anche solitarie, per la riproposizione della Democrazia Cristiana: era convinto che il modello bipolare che si era consolidato in Italia emarginava i cattolici in politica cancellando una tradizione che aveva consentito la ricostruzione italiana dalle macerie della 2ª guerra mondiale in un contesto di democrazia e libertà.

La messa di suffragio si terrà lunedì 8 ottobre 2012 alle 19 alla Chiesa della Casa del Giovane in via Gavazzeni, a Bergamo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto Sangalli

    Sono stato collega di suo padre alla Dalmine e abbiamo condiviso l’attività sindacale all’epoca dei grandi scioperi e manifestazioni. Pur militando in formazioni politiche diverse (lui nella Democrazia Cristiana, il sottoscritto nel Partito Repubblicano) ci siamo sempre rispettati e apprezzati.. Siamo stati colleghi nel Comitato di Gestione dell’Ussl, e posso testimoniare l’impegno con il quale Andreino aveva affrontato questo nuovo incarico. Credo che la sua scomparsa sia stata una dolorosa perdita anche per la politica locale oltre che per l’attività sociale che sino allora aveva svolto. Non frequento le Chiese ma lunedì mattino, nel mio pensiero, sarò vicino all’amico Andreino Carrara.

  2. Scritto da raffaele lisi

    ho avuto l’onore di conoscere tuo padre nel 1996 quando si attivava a far rinascere la DC.all’epoca mi nominò commissario regionale per la Puglia.In ogni circostanza di carattere politico,lo ricordo e lo nomino sempre per l’impegno che metteva per far rinacere il Partito.oggi sentiamo ancora la sua assenza.,Vanne fiero.Ci siamo conosciuti ai consigli nazionali con Sandri. Un caro saluto.Lunedì sarò presente con il pensiero.