BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Rumore degli aerei, non posso invitare amici Sono sconcertati”

Pubblichiamo la lettera di una residente di Azzano San Paolo che si definisce imbarazzata quando deve invitare qualcuno a casa: il rumore gli aerei si fa sempre più insostenibile.

Pubblichiamo la lettera di una residente di Azzano San Paolo che si definisce imbarazzata quando deve invitare qualcuno a casa: il rumore gli aerei si fa sempre più insostenibile.

Abito ad Azzano San Paolo da molti anni, e mai fino ad oggi mi è capitato di sentirmi imbarazzata nell’invitare qualcuno a casa mia, che venga da fuori paese. Il rumore degli aerei e l’odore persistente di cherosene ne hanno fatto un’area ormai disagiata. Ogni giorno, sentiamo parlare di sostenibilità e di compatibilità ambientale, ma i nostri amministratori hanno agito esattamente al contrario, permettendo lo sviluppo di uno scalo nel bel mezzo di centri abitati. E non contenti, permettono decolli a bassa quota, senza rispetto delle rotte. Pochi giorni fa, si leggeva che l’Europa ha classificato alcune città italiane, tra cui Bergamo, tra le peggiori vivibili per l’alto tasso di inquinamento. E’ inutile che poi industriali e politici si vantino di quanto crescano i viaggiatori ogni mese, se stanno lavorando in disaccordo con i parametri Europei, calpestando ed esasperando i cittadini del loro stesso paese. Che dire? Rimango sconcertata da una vicenda dal colore tipico italiano e mi chiedo ogni giorno, quando puntualmente vengo svegliata dal rombo degli aerei, del perché gli enti preposti non intervengano.

Distinti Saluti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco

    voglio essere informato,e partecipare alle iniziativedel comitato

  2. Scritto da enrico

    sono anni che sento dire le stesse cose e non viene risolto questo grosso problema ,gli abitanti di azzano s.p.,colognola,stezzano ecc.
    devono intervenire tutti insieme e bloccare l’aeroporto,forse qulcuno ci dara piu ascolto.

    enrico

  3. Scritto da enrico

    sono anni che sento dire le stesse cose e non viene risolto questo grosso problema ,gli abitanti di azzano s.p.,colognola,stezzano ecc.
    devono intervenire tutti insieme e bloccare l’aeroporto,forse qulcuno ci dara piu ascolto.

    enrico

  4. Scritto da comitatoaereiazzano

    Rispondo ad Aldo che si ostina tanto. Anche se in macchina passi in parte ad una discarica o un inceneritore, e’ chiaro che il tuo disagio dura forse 1 minuto al giorno. Quando a noi iniziano a passarci dalle 6 di mattina , uno dietro l’altro, sino alle 23 ed oltre aerei sulla testa, 365 giorni all’anno, centinaia, migliaia, infiniti aerei a 90 decibel , e’ chiaro che il ns non e’ un disagio ma un dramma, una condanna. mi piacerebbe che il tuo vicino ogni minuto iniziando alle 6 della mattina , e proseguendo tutto il giorno sino alle 23, ti accendesse 90 decibel di stereo vicino alla tua camera, poi mi dici quanto duri. Non fare il finto ipocrita per favore che noi non ne abbiamo bisogno.

    1. Scritto da fRANCESCA

      Dobbiamo aprire la nostra mente, dobbiamo credere che il territorio rappresenta la nostra vita e ne dobbiamo avere cura. Un progetto come lo è la Smart City, non può comprendere un aeroporto che dista tre Km da Porta Nuova in centro Bergamo. Dobbiamo credere che non serve avere un aereo nel nostro garage, abbiamo bisogno di credere e pensare a delle prospettive future importanti che includano la nostra salute, la nostra serenità. Cosa ci può essere di sereno quando tutti questi aerei volano sopra e vicino alle nostre case, quando tutto il rumore entra nelle nostre abitazioni e quando tutto questo inquinamento alla lunga ci ruberà parte della nostra aspettativa di vita? Vogliamo serenità!

  5. Scritto da giuan de ghisa

    Spostare l’aeroporto vicino alla Brebemi?? Ci dite chi vuole fare questa proposta per favore????

  6. Scritto da stefano

    Aspettiamo che la gente crepi di tumore, per poi fare analisi, inchieste e denunciare che l’aeroporto ha influito per la maggioranza….davvero non si capisce come siamo arrivati ad una situazione simile, e nessun ente che deve vigilare muove un dito!

  7. Scritto da mario59

    Mi schiero dalla parte degli abitanti limitrofi dell’aereoporto….chiunque scriva contro o a favore dell’aereoporto, se avesse sopra la propria testa il continuo decollo e atterraggio di aerei, non sarebbe contento…l’inquinamento acustico è un grosso problema, ma l’inquinamento dell’aria lo è anche di più…in fase di decollo i motori spingono al massimo pertanto il consumo di avion (kerosene) è elevatissimo…tutte le particelle pesanti dall’avvenuta combustione, ricadono inevitabilemente a terra…è ovvio che chi sta sotto le respira…pertanto qualsiasi normativa che regolamenta decolli e atterraggi, è solo un paliativo per tenere buono chi abita sotto… purtroppo.

    1. Scritto da enzo

      Io abito a fianco della centralina posta in Piazzale della Scienza a Colognola, che rileva il rumore degli aerei in fase di decollo e di atterraggio.
      Peccato che i dati non vengano resi pubblici e peccato che non sia possibile far certificare i dati poi trasmessi allla SACBO che non li rende noti.
      Ribadisco la proposta che mei prossimi giorni verrà fatta propria da una formazione politica e da diversi comitati di cittadini: Spostare l’aeroporto in prossimità dell’asse BREBEMI ALTA VELOCITA’ per lasciare l’area attuale ad un Parco Urbano all’interno del quale con regole e criteri ecosostenibi chi vuole (per es. Percassi) potrà realizzare anche la cittadella dello Sport.

      1. Scritto da Danilo R.

        Anche noi Azzanesi riteniamo fattibile la soluzione di trasferire in zona idonea, vicino alla BRE.Be.Mi. l’attuale aeroporto di Orio e di utilizzare l’aerea resasi disponibile, per creare un grande “giardino dello sport” con un nuovo stadio, un nuovo palazzetto, un centro acquatico e… Ma nella realtà, abbiamo a che fare con politici ed amministratori a cui interesa soltanto la propria poltrona incapaci di lungimiranza! Un aeroporto low cost sulla BRE.Be.Mi. eviterebbe la terza pista a Malpensa, permetterebbe a Montichiari di svilupparsi sui cargo, permetterebbe la diminuzione dei voli a Linate, con notevole vantaggio per migliaia di cittadini… ma “loro” parlano di soldi, non di salute.

        1. Scritto da Gino

          Certo che siete forti. Invece di risolvere il problema avete pensato bene che spostandolo sulla testa di altra povera gente siamo e siamo tutti felicii e contenti. Avete presente come sta diventando il territorio tutto attorno alla brebemi (per non parlare di cosa c’è sotto)??
          Sapete che vi dico? vi ho sostenuto fino ad ora ma credo proprio che d’ora in poi tifo perché le rotte non cambino. W L’AEROPORTO DI ORIO AL SERIO che sta bene dov’è. Robe de macc!

          1. Scritto da franco

            Gino sei troppo interessato all’aeroporto, non puoi affermare che non offriamo soluzioni: il “Piano di Zona” è già una garanzia, sia per i cittadini e sia per lo sviluppo dell’aeroporto stesso e di conseguenza anche per tutte quelle persone che ci potrebbero lavorare. La stessa definizione di “Piano di Zona” dovrebbe sollecitare un’ampia condivisione dei progetti per ottenere sicuri risultati. Quello che manca è la volontà di anticipare le future esigenze; un aeroporto come quello di Orio, che si trova a meno di tre Km da Porta Nuova in centro BG è una sicura VERGOGNA. I numeri dei viaggiatori che passano da Orio dipendono soltanto da: bassi prezzi ed alti numeri di Milanesi e BASTA!

          2. Scritto da Lorenzo

            Io abito vicino alla Brebemi e vi dico che l’aereoporto ve lo tenete voi…Noi abbiamo già i problemi con questa autostrada,con la tav e con la futura IPB.Per non parlare dei vari PGT che prevedono un uso immenso del suolo.NON SIAMO LA DISCARICA DELLA BERGAMASCA.

  8. Scritto da mozzese x fortuna

    Trovo sciocco mettere in discussione il disagio manifestato dai cittadini della zona aeroportuale. Se da anni protestano un motivo ce lo avranno pure, ovviamente.
    A mio avviso Il punto dovrebbe essere: esistono norme che regolano la convivenza tra un aer. e le abitazioni circostanti? Credo proprio di si. A Orio sono rispettate? Se sì, evidentemenete sono norme non sufficienti a garantire la qualità della vita dei cittadini e con quelle bisognerebbe fare i conti. Se non sono rispettate, poche storie, ha ragione chi protesta, sia che si sia costruito/comprato la casa prima sia che lo abbia fatto dopo l’ampliamento dell’aerop.

    1. Scritto da fRANCESCA

      Spostare la cittadella dello sport con relativo stadio nell’area attualmente in uso all’aeroporto e contemporaneamente spostare l’aeroporto sull’asse BRE.Be.Mi, risulato: Bergamo più vivibile e paesi limitrofi più ricchi di serenità. Possibilità di approvare un “Piano di Zona” intorno all’aeroporto che permetterebbe un futuro all’aeroporto stesso con enormi vantaggi per tutti, ed un lavoro sicuro a molti dipendenti. Inoltre avendo un nuovo aeroporto vicino a Milano, anche Linate potrebbe diminuire i suoi voli, con beneficio di tutti i cittadini che ancora adesso si lamentano, per l’eccessivo sviluppo. Insomma, le soluzioni ci sarebbero, MA MANCA LA VOLONTA’ di risolvere i problemi! VERGOGNA

    2. Scritto da Stefano

      parole sante, se tutti ragionassero cosi la vita delle persone sarebbe molto migliore, e non mi riferisco solo alla questione aeroporto. Purtroppo si mettono sempre davanti i soldi, sopratutto tra le classi dirigenti che dovrebbero essere i primi a tutelare noi e il territorio che calpestano

  9. Scritto da aldo

    io lavoro e percorro la strada azzano s paolo e stezzano sinceramente tutti quei disagi che dite non li vedo, per me siete un pò paranoici

    1. Scritto da monica

      oltre a percorrere la strada e a lavorare, dovresti, caro Aldo viverci e capiresti che quando si torna a casa dopo una giornata di lavoro si ha la necessità di trovare un pò di pace. Prova la sera, o meglio la mattina presto quando sei ancora a letto, a svegliarti di soprassalto grazie ad un aereo che decolla, poi mi dici che i disagi non li vedi,…..noi li vediamo e soprattutto LI SENTIAMO.

    2. Scritto da stefano

      Problemi d’udito forse?

      1. Scritto da aldo

        cosa ? eeehh ???? scrivi più forte che non ti sentooooooooooo

        1. Scritto da Danilo

          aldo leggi il commento di fRANCESCA: Spostare la cittadella dello sport con relativo stadio nell’area attualmente in uso all’aeroporto e contemporaneamente spostare l’aeroporto sull’asse BRE.Be.Mi, risulato: Bergamo più vivibile e paesi limitrofi più ricchi di serenità. Possibilità di approvare un “Piano di Zona” intorno all’aeroporto che permetterebbe un futuro all’aeroporto stesso con enormi vantaggi per tutti, ed un lavoro sicuro a molti dipendenti. Insomma, le soluzioni ci sarebbero, MA MANCA LA VOLONTA’ di risolvere i problemi! VERGOGNA. Vergognati anche tu aldo, per la incapacità! Non fornisci valori aggiunti, sei soltanto una sterile inutile polemica.

    3. Scritto da Davide

      Se sei in macchina, abbassa il volume quando passano gli aerei, dopo apri bene i polmoni. Tu ti muovi, noi ad Azzano San Paolo ci viviamo, con noi anche i nostri figli e tutti noi sentiamo di continuo il disturbo, oltre all’odore di cherosene.
      Dai Aldo, alza la musica che è meglio.

      1. Scritto da aldo

        non sono in macchina e l’odore di cherosene è nella vostra mente, l’arpa non ha rilevato nulla, le norme sono osservate, siete voi che mentite

        1. Scritto da Davide

          Le norme non sono osservate, ma tu aldo di cosa parli? Solo per farti capire quanto tu sei incompetente in materia: il jet fuels incombusto viene cercato da Arpa? la risposta è no! Si cerca di tutto tranne tutti i residui incombusti del cherosene! Sei proprio incompetente, faresti bene a continuare a girare con la tua automobile con il volume al massimo!!! ad Azzano purtroppo si sente l’odore di cherosene, vieni a passare più tempo da noi così anche tu sentirai il disagio che producono questa enorme quantità di aerei che decollano sia in direzione Ovest, ma anche in direzione Est.

          1. Scritto da aldo

            ma alla fine c’è qualche indagine in corso ? qualche denuncioa ? NO pertanto per me è tutto in regola. io non sono competente e non m’interessa esserlo, ma neppure voi lo siete, non avete i mezzi e la professionalità per fare valutazioni, ancdate a naso e ad orecchio pertanto le vostre valutazioni valgono quanto il 2 di coppe !

          2. Scritto da Paolo

            jet fuels = cherosene! L’ignoranza non paga caro aldo, leggi il commento di Enzo di Domenica, 07/10/2012 11.46, hai da imparare. Il valore aggiunto è quello di ricercare soluzioni fattibili che portino notevoli vantaggi, senza dover creare disagi ad altre persone. Il sig. Percassi è sempre stato capace di cercare queste soluzioni, ristrutturare l’attuale stadio con l’intenzione di costruirne uno nuovo in seguito, proprio nell’area dell’attuale aeroporto è una soluzione fattibile, che permetterebbe inoltre di mantenere inalterato il verde di grumello al piano

  10. Scritto da sandokan

    Questa è la solidarietà che mostra la gente di Bergamo verso i propri concittadini che da un giorno all’altro si vengono a trovare in GRAVE situazione di disagio, al limite dell’esasperazione? Ma questi W orio e fan aeroportuali vari o hanno interessi diretti nello scalo (è legittimo e farebbero bene a dichiararlo) oppure sono proprio dei poveretti che godono delle disgrazie altrui. Forse per non pensare troppo alla propria miseria umana!

    1. Scritto da Veronica

      Ad Azzano San Paolo vogliamo un’assemblea pubblica. Il nostro sindaco deve indire un’assemblea pubblica per spiegare alla comunità azzanese cosa succede, perchè tutti questi aerei sopra e vicino alle nostre case, come risolvere il problema, quali soluzioni. Inoltre occorre muoversi legalmente contro l’aeroporto, occorre passare ai fatti, le parole non servono più a nessuno. Sindaco, a quando l’assemblea pubblica?

      1. Scritto da aldo

        tu parli a nome di quante persone ? sei stato eletto da chi ? perchè di spacciatori di comitati abbiamo visto, alla fine sono poca cosa pertanto, essendo in una democrazia, adeguatevi alla maggioranza, da quando in quà una minoranza vuol dettar legge ?

        1. Scritto da Fabio

          In democrazia, di cui tanto ti riempi la bocca, si deve comunicare ai propri cittadini le scelte che possono sconvolgere il territorio. Nessuno ad Azzano ha chiesto il parere di tutti noi! Quando ci sarà l’assemblea pubblica, conteremo le persone, vedremo se aremo la minoranza che tu tanto decanti…

          1. Scritto da aldo

            inanzitutto il sindaco è il vs rappresentante coadiuvato da assessori e giunta, il tutto eletto da voi pertanto vi rappresenta e cmq se alla fine, come è scontato, voi siete la minoranza, accettereste la decisione ? non credo proprio

          2. Scritto da Veronica

            Tu sei quello che percorre in auto la strada che unisce Stezzano ad Azzano, sei il sordo che non sente il disagio che producono gli aerei in fase di decollo sulle nostre case. Tenti di screditare la nostra protesta con la tua sola sterile polemica, non hai mai espresso un tuo parere per diminuire i disagi, ti sei limitato a dare a tutti noi dei matti e ci definisci minoranza perchè non sei capace di confrontarti e non sai esprimerti in altro modo.Vai Aldo, alza il volume nella tua automobile quando vai al lavoro, a tutti coloro che leggono i commenti, tu non porti nessun valore aggiunto.

          3. Scritto da aldo

            io non voglio screditare le vostre proteste, vi riporto alla realtà che voi non sapete e volete accettare poi, continuate pure a fare fiaccolate in 20.30 persone e cercate di uralre per far credere di essere di più di quanti nella realtà siete, non m’interessa replico soltanto per evitare che vi montiate la testa

          4. Scritto da Paolo

            Come al solito NON PORTI NESSUNVALORE AGGIUNTO. Sei solo polemico.

  11. Scritto da dd

    posso capire coloro che si lamentano, ma faccio notare come hanno fatto altri, che l’aeroporto di Orio risale almeno agli anni ’30 del ‘900…. molte abitazioni di Azzano, Grassobbio, Colognola, sono state costruite a ridosso di questo negli ultimi anni..

    1. Scritto da mozzese x fortuna

      Lo dico con rispetto, ma non diciamo fesserie, per favore. L’aeroporto di Orio era MILITARE, piccolo e tutt’altro che fastidioso. A orio sono andata a vivere nel ’63, quindi ben dopo “gli anni 30”, perchè mio padre buon anima era maresciallo dell’aereonautica e lì’ ci ha lavorato per molti anni ancora, e quel piccolissimo luogo l’ho frequentato assiduamente. Comunque sia, o sono abusive le case costruite successivamente e non credo, o i piani regolatori non hanno tenuto conto del problema, oppure il problema è sorto e si è ingigantito nel corso del tempo. Che centrano gli inquilini delle case io proprio non lo capisco, signor dd

      1. Scritto da rood

        per anni so che i cittadini di Orio non hanno mai pagato l’ici sulla prima casa proprio grazie all’aeroporto, e in più i soldi che ha preso il comune per anni non hanno mai fatto schifo a nessuno.
        io abito da anni in un paese della bassa pieno zeppo di concerie, non dico che sia felice dell’inquinamento del mio paese, però se avessi voluto vivere in un posto più salutare sarei andato in collina o in valle Imagna che mi piace tanto.. le dò ragione che si è sviluppato troppo, ma non prendetevela con l’aeroporto, ma con coloro che hanno permesso che si allargasse in questo modo, e che la maggioranza di voi ha votato per anni-

        1. Scritto da aldo

          orio paga i comuni interessati però quello omettono di dirlo, come si suol dire vogliono la moglie ubriaca e la botte piena

      2. Scritto da Danilo

        Il futuro dell’aeroporto di Montichiari è garantito dal “Piano di Zona” che è stato già approvato. Questa “garanzia”, evita ogni edificazione sia privata e sia industriale, nei dintorni dell’aeroporto stesso. Ciò permette di evitare, come è successo ad Orio ed in altri aeroporti, di ritrovarti uno sviluppo incontrollato dell’aeroporto stesso a danno di migliaia di cittadini privati. Danno prodotto sia in termini di inquinamento ambientale ed acustico, che produce ovviamente gravissimi ed enormi danni economici, causa svalutazione degli immobili. Il dire che è nato prima l’aeroporto o le case diventa pertanto inutile, utile era approvare un Piano di Zona a BG ed il comune di ciò è COLPEVOLE!

    2. Scritto da usiamo il cervello

      Faccio notare che l’aeroporto militare di Orio è stato chiuso per ragioni di sicurezza e che esiste ancora una precisa disposizione (Notam) che stabilisce che tutti i decolli e gli atterraggi devono avvenire in direzione est.
      Oltretutto questo aeroporto ha già ampiamente superato (siamo quasi al doppio) il limite di passeggeri previsti dall’autorizzazione Ministeriale (VIA)
      Ma si sa che in Italia le leggi sono un optional (col benestare delle pubbliche amministrazioni)

      1. Scritto da Davide

        Raggiunti questi livelli come numero di decolli ed atterraggi, non è possibile credere che possano essere spostati i decolli tutti ad Est. Infatti il problema consiste proprio nel numero di aerei che vengono movimentati in un aeroporto, che si trova a soli tre Km da Porta Nuova in centro BG. NB: Tentorio ha sempre detto che la pista di Orio si trova a 5 Km da Bergamo, detto da un Sindaco c’è proprio da vergognarsi, non conoscere il proprio territorio è paragonabile a non conoscere le esigenze dei propri cittadini, ergo MEGLIO DARE LE DIMISSIONI! Inoltre, si vocifera che lo stadio verrà costruito a Grassobbio-Zanica: risultato altro caos vicino all’aeroporto!!! Inizieranno altri guai.

    3. Scritto da mario

      possibile che non capisca: le rotte di decollo con virata su su Colognola e Azzano sono state autorizzate nell’autunno 2009, altro che l’aeroporto esisteva prima!

      1. Scritto da Paolo

        Il sindaco di Azzano ha autorizzato il passaggio degli aerei, senza avvisare i propri concittadini. Come è possibile che il sindaco si sia presa una simile responsabilità, come è possibile che sia stata così ingenua da autorizzare gli aerei a sorvolare così vicino e sopra le nostre case. Il danno ambientale ed economico dovuto alla svalutazione delle nostre case è enorme, tutto il paese si trova in ginocchio. Come è possibile che le autorità preposte chiudano occhi naso ed orecchie?

  12. Scritto da Gino

    State tutti tranquilli che tanto l’aeroporto di Bergamo, così come lo conosciamo ora, avrà vita breve. Quando Rayan avrà raschiato il fondo del barile deciderà di andarsene in un altro dei mille aeroportini d’Italia. Rayan ha in sostanza monopolizzato lo scalo, fa il bello e il cattivo tempo e vorrei sapere, vista la posizione dominante, se gradisce o meno la presenza di altre compagnie. Un’azienda (l’aeroporto) che fattura la quasi totalità da un solo cliente non si può definire in buona salute. Ma tanto agli amministratori tutto questo non importa, per buona pace di chi oggi ci lavora e dei cittadini che sopportano tutto questo. Chi ci guadagna invece…i soliti

    1. Scritto da Franco

      Chi guadagnano sono proprio i soliti, SACBO! E cioè: UBI Banca, Camera di commercio di BG; Comune di BG, Provincia di BG, L’Eco di Bergamo, Percassi, Cividini…
      Immaginate invece chi subisce così tali e tanti disagi: ovviamente tutti noi e notabene siamo migliaia di cittadini!

  13. Scritto da Lisa

    La foto è tutta da commentare …. Aerei Luftansa a Orio non sono e non atterrano mai!!!!

    1. Scritto da stefano

      A parte l’assurdità del suo commento comunque aerei Lufthansa ce ne sono a Orio, la prossima volta si documenti prima di scrivere a vanvera

    2. Scritto da angilberto

      Ma che razza di commento è questo? Cosa sarebbe cambiato se ci fosse stato anche un aereo della Ryanair la foto è puramente simbolica.. Comunque io personalmente credo che per contenere questi disagi e pericoli per la popolazione cosi concentrata ed elevata in questa fascia metropolitana, bisognerebbe imporre un numero chiuso alla quantità di voli, oggi già troppo elevato, oltre che a chiudere l’aeroporto dalle 23 alle 07 come succede in altri city airport europei. Inoltre qualche decollo lo potrebbero effettuare anche dalla parte opposta cioè verso il Cassinone e suddividere così i disagi poiche gli atterraggi attuali su quel versante sono praticamente silenziosi e poco inquinanti.

      1. Scritto da worio

        la tua è disinformazione e manipolazione, voi contrari ad orio siete li che gufate alla grande per poter dire, l’avevo detto poi a voi, poi le sue teorie su cassinone e il resto fanno capire quanto poco onesti siete

        1. Scritto da angilberto

          Caro Worio io non sono cntrario all’aeroporto di Orio anzi.. mi sembra comunque ragionevole e reale contenerne i voli. Inoltre durante gli atterraggi notoriamente, proprio per un discorso fisico-meccanico, gli aerei sono più silenziosi e meno inquinanti rispetto a quando decollano. Pensi alla sua auto.. Altro che teorie, disinformazione e manipolazioni, si vede che sei un invasato politico.

    3. Scritto da Alberto

      Penso di ledere la sua intelligenza dicendole che, probabilmente, la foto non è stata pubblicata dalla signora che ha scritto la lettera.

  14. Scritto da Fabrizio

    Purtroppo la speculazione edilizia ha indotto a costruire a ridosso
    dell’aeroporto. Quando si è costruito, l’aeroporto era già esistente.
    Mi è capitato di vedere persone che si lamentano dei rumori dell’aeroporto tra cui anche dei Sindaci e po li ho visti imbarcarsi dall’aeroporto stesso. Lo stesso problema è equivalso oon le fabbriche.
    Prima hanno costruito le fabbriche e poi intorno hanno costruito le case e adesso le fabbriche danno fastidio. A linate quando i voli erano stati trasferiti a Malpensa e la gente era rimasta senza lavoro, gli stessi comitati anti-rumore hanno caldeggiato il rientro dei voli su Linate. Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.

    1. Scritto da aris

      purtroppo le cosidette Autorità giocano proprio sull’ ignoranza di certe persone per fare i propri interessi. Colognola già 20 anni fa aveva più di 10.000 abitanti, e dall’ aeroporto militare partivano dai 2 ai 4 voli giornalieri con vecchi aerei a elica (più piccoli e silenziosi) e non jet!! L’ unico jet che c’ era era quello privato di Pesenti! magari 2 volte la settimana. Dire che sì è costruito attorno speculando (a parte OrioCenter) è una emerita stupidata. Ah ma pare adesso ci faccciano anche i POLO DEL LUSSO (by Percassi)….che è il padre di quelli a favore dell’ aeroporto

    2. Scritto da La botte piena di buon vino

      Linate è arrivato a quasi 14 milioni di passeggeri prima di creare Malpensa,adesso a Linate transitano circa 8 milioni. Fabrizio, ma dove hai letto che “gli stessi comitati anti-rumore hanno caldeggiato il rientro dei voli su Linate. Occorre essere informato, prima di esprimere false idee, e probabilmente tu sei proprio la moglie ubriaca.

    3. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

      Ma di quale speculazione edilizia sta parlando?
      Ma la smettiamo con questo mito secondo cui magicamente di punto in bianco tutti i costruttori si siano concentrati a costruire a ridosso dell’aeroporto e la gente da kamikaze abbia cominciato a comprare casa proprio in quelle zone?
      Ma si rende conto di che castroneria sta parlando?
      Questi paesi c’erano già prima, questa gente già viveva prima in quelle zone, semplicemente si è deciso di fare cassa sulla pelle di questi paesi e dei loro abitanti aumentando a dismisura il traffico aereo e ignorando le regole e le relative limitazioni.

      1. Scritto da gigi

        lei dice castronerie condite da bugie. Certo che i paesi esistevano, ma si sono sviluppati a dismisura, forse lei non esce da casa sua e non vede, ma vada nel sito dei comuni d’italia e veda l’andamento degli abitanti nel corso degli anni e poi parli. Ho parenti e amici che hanno comprato ad orio per il prezzo e, forse, sottovalutando l’aereoporto. chiunque ha un’attività è ovio che tenda ad espanderla.

    4. Scritto da stefano

      Ma non mi faccia ridere, l’area è sempre stata densamente popolata, l’aeroporto c’è sempre stato e lo sappiamo tutti, ma con altri volumi! Ryanair non esisteva fino a 10 anni fa! Venite ad Azzano vi ospito per un weekend che poi cambiate idea!

    5. Scritto da ElleA1969

      sono d’accordissimo con te Fabrizio. E’ proprio in quello che scrivi che sta il nocciolo della questione

  15. Scritto da Fabrizio

    Purtroppo la speculazione edilizia ha indotto a costruire a ridosso
    dell’aeroporto. Quando si è costruito, l’aeroporto era già esistente.
    Mi è capitato di vedere persone che si lamentano dei rumori dell’aeroporto tra cui anche dei Sindaci e po li ho visti imbarcarsi dall’aeroporto stesso. Lo stesso problema è equivalso oon le fabbriche.
    Prima hanno costruito le fabbriche e poi intorno hanno costruito le case e adesso le fabbriche danno fastidio. A linate quando i voli erano stati trasferiti a Malpensa e la gente era rimasta senza lavoro, gli stessi comitati anti-rumore hanno caldeggiato il rientro dei voli su Linate. Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.

  16. Scritto da 081

    Il problema sussiste ed i disagi patiti condivisibili, ma imbarazzarsi con gli ospiti mi sembra eccessivo, no?

  17. Scritto da gigi

    l’aeroporto continua a INFRANGERE LA LEGGE con orari e sviluppo assurdo e ci guadagnano i soliti..i comuni continuano a LASCIAR COSTRUIRE riempiendosi le casse comunali e facendo riempire le tasche degli speculatori edilizi..CI PERDE SOLO IL CITTADINO..e nella guerra dei poveri c’è pure chi dà ragione al dio denaro..CHE TRISTEZZA

    1. Scritto da gigi 1

      e voi continuate a mentire su tutto. poi precisiamo, se i comuni lasciano costruire è perchè hanno richieste. poi CI PERDE SOLO IL CITTADINO è tutto da vedere, nessuno viene obbligato ad acuistare, se lo fanno è perchè hanno un buon prezzo e sottovalutano l’aereoporto. anch’io 15 anni fa potevo acuistare una villetta a schiera a orio, ma ho preferito un’appartamento a bergamo percò svegliatevi che nessuno regala nulla

      1. Scritto da aris

        secondo me gigi1 ha ragione, a colognola fino a 10 anni fa si viveva nelle grotte e sulle palafitte, poi per fortuna è venuto l’ aeroporto con gli speculatori che vi hanno costruito attorno case da poco prezzo (perdendoci) e gli abitanti primitivi colognolensi hanno fatto festa comprando le case per 20 kg di patate. Gigi1 sei un genio!!

      2. Scritto da fRANCESCA

        Fino a due anni fà i prezzi al mq in Azzano SP erano paragonabili ai prezzi di Città! Non erano per nulla economici, adesso a parte l’attuale crisi economica, secondo voi quanto potrà valere una casa fronte decollo aerei? Quando giri per il paese senti odore di cherosene, cosa credi che possano pensare i compratori? Andiamo tutti nel paese del cherosene? Pian piano anche Azzano SP come Orio, diventerà sucube e dipendente dall’aeroporto, con la fine della serenità.

  18. Scritto da viola

    caro lucky anche io abito ad azzano san paolo da molti anni e ti posso dire che mai come in questi ultimi 2-3 anni la situazione è diventata altamente fastidiosa. odio l’estate non puoi stare all’aperto, l’utlimo aereo che sento a mezzanotte e 30 mi sveglia ogni volta dal rumore terribile e se chiudo le finestre (che ho cambiato 2 anni fa per questo motivo) lo sento uguale.il primo aereo della mattina mi asveglia alle 6.30. Quindi

  19. Scritto da viola

    caro lucky anche io abito ad azzano san paolo da molti anni e ti posso dire che mai come in questi ultimi 2-3 anni la situazione è diventata altamente fastidiosa. odio l’estate non puoi stare all’aperto, l’utlimo aereo che sento a mezzanotte e 30 mi sveglia ogni volta dal rumore terribile e se chiudo le finestre (che ho cambiato 2 anni fa per questo motivo) lo sento uguale.il primo aereo della mattina mi asveglia alle 6.30. Quindi

  20. Scritto da pota

    i cittadini di Azzano si imbarazzano per lo sviluppo dell’aereoporto , i cittadini di Colognola si imbarazzano anche loro.Bene, ma l’aereoporto esiste da un bel po’ di tempo. Benissimo chiudiamolo e poi i migliaia di lavoratori che perdono il posto di lavoro vengono da Voi ad imbarazzarsi. I cittadini di monterosso si imbarazzano per lo stadio, quelli di Grumello, stezzano, e Lallio idem. Io invece mi imbarazza delle persone come Fiorito o tanti altri che ci governano!!!!!

  21. Scritto da Lucky

    …cara finta signora… (tanto si sa che sei un mascherato politico del centro sinistra) quando hai comprato casa non l’avevi visto l’aeroporto? …ah già… prima gli aerei facevano meno rumore… ma basta con questi articoli farlocchi !!!

    1. Scritto da Gabriele

      allora Lei potrebbe essere un politico del centrodestra?! Ma possibile che bisogna etichettare le persone e pensare siano sempre in malafede o con secondi fini?! Prima c’era l’ aeroporto ma non c’era il traffico da ” catena di produzione ” di ryanair..il rumore ma soprattutto l’ inquinamento sono insostenibili…ma si sa…in Italia la storia si ripete sempre…quando provocherà qualche effetto concreto allora si che le persone inizieranno a spaventarsi e ad interessarsi…speriamo che non sarà troppo tardi però..

      1. Scritto da alberto

        concordo a pieno se iniziamo a mettere anche qui chi sta al pdl, chi al pd siamo fritti.
        il problema è vero sussiste, però avere imbarazzo nell’invitare persone a casa mi sembra alquanto “eccessivo”.
        Basterebbe dare delle fascie protette, oltre le cui nessuno può sconfinare, almeno come inizio.
        E basterebbe che il cittadino medio iniziasse a partecipare un pò più attivamente alla vita attiva del comune, per il resto realisticamente credo che nn si possa chiudere un aeroporto,o adottare misure drastiche..alla fine è utile a tutti quando si deve fare un wek end a londra.

    2. Scritto da andrae

      Ma davvero credi che tutti quelli che si lamentano siano in malafede ?

      Non ti sempra possibile che gli abitanti della zona abbiano dei disagi causati dalla enorme crescita dell’aereoporto in questi ultimi anni, e giustamente vogliano far valere il loro diritto ad non vivere in mezzo all’inquinamento e riposare tranquillamente ?

    3. Scritto da Marcus

      Non sia ridicolo !
      L’aeroporto si è insinuato tra le case, nella maggior parte dei casi successivamente alla costruzione. L’aeroporto preesistente era una pista militare di nessun utilizzo.
      Mi scusi il tono ma non è accettabile che pervicacemente si ignori i disagi e le sofferenze che la presenza dell’aeroporto ha arrecato e arreca quotidianamente alla gente.

    4. Scritto da Marcus

      Non sia ridicolo !
      L’aeroporto si è insinuato tra le case, nella maggior parte dei casi successivamente alla costruzione. L’aeroporto preesistente era una pista militare di nessun utilizzo.
      Mi scusi il tono ma non è accettabile che pervicacemente si ignori i disagi e le sofferenze che la presenza dell’aeroporto ha arrecato e arreca quotidianamente alla gente.

      1. Scritto da Geppo

        Cambi casa. Ognuno ha dei disagi chi è vicino allo stadio, chi è in centro, chi vicino alle ditte che inquinano. Non so che dirle, mi spiace, ma se non ce la fa cambi casa.

        1. Scritto da Davide

          Le ditte che inquinano le puoi denunciare, perchè sono private. gli aeroporti invece si possono permettere tutto, ad esempio è SACBO che controlla le centraline che misurano il rumore, il controllato che controlla se stesso?!?!? Facciamo proprio schifo in Italia, siamo tutti degli ingenui che permettono simili SCHIFEZZE. Lo stato dovresse essere il garante dei diritti e dei doveri dei cittadini, invece nel Bel Paese, lo stato è assente e sempre più lontano dai suoi cittadini!

    5. Scritto da robi

      Peccato che …magari…quando uno ha comprato casa decollavano la metà della metà della metà dei voli…caro signore …..e poi basta con questa storia del politico del centro sinistra…Basta essere un cittadino disagiato la cui qualità della vita è decisamente peggiorata, di pari passo con lo sviluppo smisurato del piccolo aeroporto di Orio….e finiamola con questa storia che se un cittadino si lamenta per i disagi causati dall’aeroporto allora è un becero elettore del centro sinistra che è contro lo sviluppo e l’ammodernamento delle città…anzi….Ma basta con i commenti SEMPILICIOTTI come quelli del sig Lucky…

  22. Scritto da Andrea

    Interesse economico contro interesse pubblico… secondo Voi come va a finire????…. condivido pienamente pero’ anche il commento di chi sostiene che lo sviluppo dei centri abitati è stato tale che ormai manca solo di costruire sulla pista di Orio.

    1. Scritto da gitantedomenicale

      A questo proposito mi chiedo cosa diranno gli abitanti dei NUOVI palazzi in costruzione dietro il Famila di Colognola, precisi precisi per prendere il rumore degli aerei che virano sopra l’autostrada. Ma chi ha autorizzato la costruzione??

      1. Scritto da Davide

        E la zona commerciale-artigianale costruita parallela all’autostrada a4, vicino al cimitero di Colognola? Chi ha autorizzato la sua costruzione? Sempre e solo il comune di Bergamo. Prima costruiscono e poi spostano la rotta di decollo. Assurdo, amministratori voraci di soldi da spendere e spandere. Che schifo!

  23. Scritto da Il Naggio

    Secondo me il grosso sbaglio non è stato lo sviluppo dello scalo nel bel mezzo dei centri abitati, ma lo sviluppo dei centri abitati attorno allo scalo…

    1. Scritto da polaroid

      certo che quelli che hanno costruito porta nuova a meno di 3 km dalla pista o la chiesa vecchia di colognola (già nel ‘500) a 2 km sono stati davvero poco lungimiranti…

      1. Scritto da Il Naggio

        Non facciamo gli spiritosi. Sa bene a cosa mi riferisco.

        1. Scritto da robi

          Il signore avrà fatto lo spiritoso, ma purtroppo ha ragione…la maggior parte delle case c’erano quando l’aeroporto non era sviluppato come in questi anni…

  24. Scritto da mauro

    A Malpensa ci si mobilita (giustamente) contro la terza pista per salvare la brughiera e la fauna selvatica… A bergamo nessuno interviene per salvare quel poco di vivibilità rimasta in quartieri e paesi dove vivono migliaia di persone, famiglie bergamasche come tutte le altre!! Ma cosa sta succedendo alla città che amavo e rispettavo? Come si può spiegare questa situazione ormai arrivata all’esasperazione?

  25. Scritto da Geppo

    Sono gravi motivi di imbarazzo…..

  26. Scritto da GIOVANNI

    è veramente incomprensibile come oggi ci si possa lamentare in continuazione dell’unica opportunità che abbiamo di far conoscere al mondo intero la ns provincia,la ns città.
    Un areoporto come il ns ha fatto conoscere Bergamo al mondo intero,permette ai ns giovani di avere opportunità di viaggiare ,di fare esperienza,di lavorare e di far lavorare.
    La signora di Azzano,che si trova in imbarazzo nel ricevere,i suoi ospiti causa il rumore e addirittura la puzza di cherosene si dovrebbe imbarazzarsi per ben altro .

    1. Scritto da Yuri

      Così tanto onore che l’aeroporto si chiama Milano-Orio al Serio.

  27. Scritto da giobatta

    perche’ non quantifica la diminuzione di valore del suo immobile dovuta al rumore ed all’odore di cherosene? se la moltiplichiamo per tutte le abitazioni interessate, e’ una bella cifra, che non mi pare nessuno abbia mai considerato.

  28. Scritto da Mario

    Perchè gli enti preposto non intervengono ?
    Ricordo un’assemblea pubblica di alcuni anni fa, a Colognola.
    Il sindaco di allora, Veneziani, di fronte alle preoccupazioni dei cittadini per il disturbo causato dagli aerei, assicuro che lo sviluppo dell’aeroporto si sarebbe fermato alla soglia dei 2.000.000 di viaggiatori (numero allora ancora lontano).
    A quanti viaggiatori siamo arrivati ? 6.000.000.
    Ecco questa è la risposta alla sua domanda.