Quantcast
Testamento biologico In tre mesi: 68 richieste allo sportello dei Valdesi - BergamoNews
Bergamo

Testamento biologico In tre mesi: 68 richieste allo sportello dei Valdesi

Sabato 6 ottobre, dalle 15.30 alle 17.30, riapre lo sportello nella sede della Comunità Valdese. Delle 68 deposizioni la grande maggioranza è di persone non legate alla Chiesa evangelica. Dal sito di Bergamonews è possibile scaricare i modelli e le istruzioni.

Testamento biologico: sabato 6 ottobre riapre lo sportello per la raccolta nella sede della Comunità Cristiana Evangelica-Chiesa valdese, in via Roma a Bergamo.

Riprende così un servizio alla comunità civile che era avviato lo scorso mese di marzo.

Due ore il sabato pomeriggio, dalle 15.30 alle 17.30, ogni quindici giorni la comunità valdese ripropone questa opportunità. Una servizio che ha raccolto diversi consensi, basti pensare che da aprile a giugno sono stati depositati ben 68 testamenti biologici.

“La maggioranza delle persone che hanno depositato il loro testamento biologico non appartiene alla nostra comunità” affermano i Valdesi. Per una maggiore informazione si possono scaricare sia i moduli sia le informazioni in merito alla direttiva anticipata di fine vita. Ecco le date di apertura dello sportello presso la Chiesa Valdese: 6 e 20 ottobre; 3 e 17 novembre; 1 e 15 dicembre, sempre dalle 15.30 alle 17.30.

Più informazioni
leggi anche
A Bergamo la Chiesa Valdese apre lo sportello per il testamento biologico
Fine vita
Testamento biologico A Bergamo ora è possibile Valdesi aprono lo sportello
L'ufficio per la consegna del testamento biologico
Fine vita
In coda dai valdesi Bergamo ha voglia di testamento biologico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it