BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Presidenziali Usa: Romney-Obama 1-0 Chi ti convince di più?

Romney-Obama 1-0. Il primo faccia a faccia tra i due candidati all presidenza americana ha riservato un colpo di scena con lo sfidante repubblicano deciso e aggressivo nel colpire l'avversario sui temi di economia e lavoro.

Romney-Obama 1-0. Il primo faccia a faccia tra i due candidati all presidenza americana ha riservato un colpo di scena con lo sfidante repubblicano deciso e aggressivo nel colpire l’avversario sui temi di economia e lavoro, e il presidente in carica meno convincete ma, soprattutto, sulla difensiva, incapace di incalzare il suo avversario. Un esito, dopo un’ora e mezzo di faccia e faccia, subito sottolineato da un sondaggio della Cnn secondo cui e’ stato Romney, a uscire vittorioso con il 67% delle preferenze contro il 25% di Obama. Nel primo dibattito presidenziale, moderato dal famoso giornalista della PBS Jim Leher, si e’ svolto secondo il copione previsto con l’economia che ha fatto da padrona. Barack Obama e’ partito all’attacco sulle tasse mentre lo sfidante repubblicano per la Casa Bianca, Mitt Romney, ha ribattuto su quello che e’ considerato il vero tallone di Achille del presidente americano: l’alto livello del tasso di disoccupazione, sopra l’8%. "Sembrava che Obama volesse essere altrove", ha commentato il Washington Post. Dello stesso avviso il famoso giornalista politico della Cnn, John King. "Sembrava che Obama non volesse fronteggiare Romney". La prima domanda ad Obama e’ stata proprio sul lavoro considerando che nessun presidente americano e’ mai riuscito a vincere un secondo mandato con un tasso di disoccupazione superiore al 7,2%, dicono le statistiche. Obama si e’ difeso snocciolando i numeri suo posti di lavoro creati in primo luogo con il salvataggio dell’industria dell’auto. "In America serve un nuovo patriottismo incentrato sulla classe media" ha detto Obama, lanciando una sferzata a Romney che e’ sostenuto dal miliardario Donald Trump e che non e’ certo "un esempio di piccolo imprenditore della classe media". La ricetta di Romney, "per far ripartire l’America" si basa invece in primo sul taglio delle tasse, l’indipendenza energetica, il raddoppio degli scambi commerciali e una linea dura con la Cina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marialuisa

    Quello che propone Romney dovrebbe essere fatto anche in Europa per uscire dalla crisi, per questo vincerà…

  2. Scritto da Gianluigi

    4 anni fà nel New England dove vado spesso nei giardini davanti le case capeggiava la bandierina pro Obama. Quest’anno a settembre non c’erano bandierine se non quelle repubblicane. Il mio conoscente mi ha detto, ” a novembre la fine di un errore durato quattro anni ! “. Aspettiamo ……..

  3. Scritto da andrea

    barak hussein obama , era stato definito come il messia ,come il salvatore dell umanità, colui in grado di risolvere tutti i problemi del mondo (a mio parere solo perchè di colore)e invece mi sembra di capire che si è rivelato tutto fumo e niemte arrosto.
    P.S: illuminatemi se sbaglio

  4. Scritto da Luciano Avogadri

    Le posizioni americane vengono spesso scimmiottate in Europa, e in Italia in particolare. Spesso da noi poi l’assuefazione a uno Stato pervasivo (e spesso dissipatore) fa da velo completo alle posizioni della destra americana, che non è fatta da quelle marionette che ci autorappresentiamo in Italia per facilità di polemica.

  5. Scritto da Luciano

    Quello che Romney dice adesso è già stato macchiato dalle gaffe che si sono susseguite negli ultimi tempi. Purtroppo non mi pare di vedere che i candidati abbiano forza e carisma sufficienti per essere grandi Presidenti, diciamo che fossi un americano sceglierei il male minore. Direi Obama, ringraziando il cielo di non essere un elettore.

  6. Scritto da Gianluigi

    Per fortuna non decide nino ma i cittadini americani, che valuteranno l’operato di Obama senza preoccuparsi di cosa vogliano gli europei ne tantomeno la sinistra italiana che ha osannato 4 anni fa Obama.
    GOD BLESS AMERICA !!!!!!!!!!
    Romney sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti d’America perchè così la pensano gli americani …..

  7. Scritto da nino cortesi

    10 a 0 per Obama.

    1. Scritto da Eugeno

      su quale rete ha seguito il dibattito?