BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Morirono due ragazzi Inaugurata la nuova viabilità in via Mai

Presentata con una sobria cerimonia la nuova viabilità di via Mai: la zona è stata messa in sicurezza dopo il grave incidente del 28 dicembre 2011, costato la vita ai giovani Pancrazio Calì e Valentina Mitro.

Più informazioni su

È stata presentata con una sobria cerimonia davanti al Liceo Lussana la nuova viabilità di via Mai, con la messa in sicurezza e con un nuovo tratto di pista ciclabile.

Il 28 dicembre 2011 la zona era stata teatro di un terribile incidente che era costato la vita a due giovani ragazzi, Pancrazio Calì, 19enne di origini siciliane residente ad Azzano San Paolo, e Valentina Mitro, 17enne di Erbusco: lo scooter con a bordo i due ragazzi entrò in contatto con un monovolume che stava svoltando in via Foro Boario e l’urto contro i paletti metallici di protezione del marciapiede fu fatale per entrambi.

“L’amministrazione comunale ha mantenuto le promesse fatte – ha commentato Gianfranco Ceci, assessore alla Mobilità – Un atto dovuto nei confronti di Valentina, Pancrazio e dei loro genitori. Siamo stati attenti alle richieste degli studenti, i tempi sono stati allungati dalla ricerca delle risorse, dalla progettazione e dalla gara: dopo la messa in evidenza dei problemi la progettazione è stata condivisa da tutti. La nuova viabilità è un buon risultato, con un occhio sempre rivolto all’ambiente. Il messaggio che vogliamo dare è che la sicurezza stradale è importante ed è sempre stato un nostro obiettivo”.

L’intervento per la messa in sicurezza è costato al Comune 110 mila euro ma, come spiega l’assessore ai Lavori pubblici Alessio Saltarelli, “ha eliminato quei pericoli che purtroppo sono costati la vita a due giovani ragazzi”.

Massimo Bandera, assessore all’Ambiente, ha invece voluto invitare i ragazzi a sfruttare di più l’utilizzo di un mezzo veloce ed economico come la bicicletta: “E’ un appello che voglio fare agli studenti: stiamo dotando la città di piste ciclabili, usatele”.

Una piccola polemica sulla cerimonia l’ha accesa Lorenzo Cortinovis che, in qualità di rappresentante degli studenti dei tre Istituti scolastici della zona, ha voluto ricordare come l’inaugurazione e il taglio del nastro erano momenti di “festa” che mal si sposavano con la motivazione di fondo che aveva portato alla modifica della viabilità: “Ringrazio l’Amministrazione comunale per l’intervento ma qui sono morti due ragazzi e l’evento è fuori luogo”.

A tagliare il nastro è stata infine la mamma di Pancrazio Calì che ha però specificato come il gesto sia stato fatto solo in rispetto dell’impegno che l’Amministrazione si è presa e ha portato a termine.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bruna

    mi spiegate cosa è cambiato in termini di sicurezza? Le macchine possono girare in via Foro Boario o solo di autobus?

    1. Scritto da strada

      è stato ripristinato il senso unico davanti al Lussana. si puo’ procedere solo in direzione di via Paleocapa usanto tutte le 3 corsie.
      E’ tornato tutto come era prima in parole povere…

  2. Scritto da ottone erminio

    un opera doverosa e importante. Purtroppo nel nostro paese le leggi e le opere vengono realizzate all’indomani di tragedie, comunque un plauso all’amministrazione per il tempestivo intervento.