BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mediterraneo, emigrazioni e culture Quattro incontri per capire

Da venerdì 5 ottobre al teatro Qoelet di Redona, quattro serate per una riflessione sul fenomeno migratorio a partire dai nostri emigranti, dalla nostra storia di popolo del Mediterraneo insieme ad altri popoli mediterranei.

Più informazioni su

Mediterraneo- Emigrazioni e culture è il tema che, La Tavola della pace di Bergamo, l’associazione Le Piane di Redona, il Coordinamento enti locali per la pace e il Tavolo asilo, propongono per la rassegna 2012 di Lontano Presente.

Quattro incontri progettati pensando alle preoccupazioni espresse dai concittadini verso gli immigrati che da qualche anno arrivano nella bergamasca e in Italia, alla paura di essere invasi dalle “masse” provenienti da molti paesi del mondo, alla sensazione che il nostro paese sia particolarmente toccato dal fenomeno migratorio che in realtà è un fenomeno mondiale

In modo divulgativo, ma nello stesso tempo di alto livello, i relatori proporranno una riflessione sul fenomeno migratorio a partire dai nostri emigranti, dalla nostra storia di popolo del Mediterraneo insieme ad altri popoli mediterranei.

La rassegna inizierà venerdì 5 ottobre con uno sguardo d’insieme sulle storie del Mediterraneo condotto da Gianluigi della Valentina – professore bergamasco- dal titolo “ Da Ulisse alle carrette del mare”.

Continuerà venerdì 12 ottobre con canti e musiche, letture di testi poetici e molte immagini, con Sandra Boninelli, Candelaria Romero, Angelo Bonfanti e Doudu Kouate. Le canzoni sono di migranti italiani, spagnoli, greci, albanesi, turchi,…….come anche i testi che saranno letti. Le immagini sono tratte da vecchi film e da documentari di oggi.

Il 19 ottobre con un titolo molto evocativo “L’Itaca che ci portiamo dentro” Caterina Pastura, del comitato di redazione della casa editrice Mesogea dialogherà con due scrittori sulle culture del Mediterraneo: Amara Lakous e Roberto Alajmo.

La rassegna di chiude il 26 ottobre con un film “Un tocco di zenzero” del regista greco Tassos Boulmetis. Il film darà modo di conoscere una forma di “emigrazione obbligata”, quella che porta una grande comunità greca insediata in Turchia a essere deportata in Grecia. Le molte scene “culinarie” del film faranno scoprire le affinità tra le varie cucine mediterranee. La serata del 26 ottobre si concluderà con assaggi di cibi mediterranei.

La rassegna si terrà al cineteatro Qoelet in via Leone XIII n. 22 nel quartiere di Redona a Bergamo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.