BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I Riuniti alla Rsu “Pronti al trasloco ma non dipende solo da noi”

L'Azienda ospedaliera risponde al comunicato diffuso in giornata dalla Rsu che esprimeva delle perplessità riguardo la conduzione del trasloco verso il nuovo ospedale.

Più informazioni su

La Rsu degli Ospedali Riuniti di Bergamo aveva espresso le sue perplessità sulla conduzione del trasloco verso il nuovo ospedale, chiedendo alla direzione una nota ufficiale con i dettagli dell’operazione. L’Azienda ospedaliera risponde tramite una nota:

Stupisce il tempismo della nota della Rsu, essendo già programmati sul tema nuovo ospedale due appuntamenti, il 9 e l’11 ottobre, nell’ambito della necessaria e corretta informazione che ha contraddistinto in questi due anni i rapporti fra Direzione e organizzazioni sindacali.

A coloro che continuano a ritenere la data l’unico aspetto interessante, occorre anche ricordare ciò che è noto a tutti, ma che spesso si trascura e cioè che è ancora in corso l’iter per il rilascio delle autorizzazioni necessarie all’attivazione del nuovo ospedale, rilascio in capo a enti e organismi terzi. E’ evidente che date e tempi precisi sono necessariamente collegati a questa circostanza, nonostante l’azienda ospedaliera sia pronta sin da ora al trasferimento, che rappresenterà una tappa epocale per l’ospedale e per tutta la città.

Il trasloco non si esaurirà infatti con una data d’inizio e di fine, ma con la riorganizzazione di tutte le attività, e per giungere a questo obiettivo è in corso da oltre un anno un importante lavoro di pianificazione, programmazione e analisi di eventuali criticità.

Le attività propedeutiche al trasferimento – a partire dalla conoscenza della nuova struttura, dei percorsi e alla presa di possesso dei propri luoghi di lavoro fino all’organizzazione pratica per compiti e funzioni di ogni singola attività del trasloco – sono in corso dal giugno scorso e stanno procedendo perfettamente in linea con i tempi previsti.

I numeri della formazione sono impressionanti: la prima fase ha visto quasi quattromila operatori coinvolti, e si è appena conclusa la seconda fase, rivolta ai responsabili medici e infermieristici di tutti i dipartimenti, in tutto 150, che a loro volta guideranno i propri collaboratori perché prendano confidenza con il Papa Giovanni XXIII entro ottobre. Tra questi due momenti forti si sono svolte le riunioni dipartimentali che hanno consentito un confronto con le Unità sanitarie e amministrative sulle modalità di trasferimento.

Rassicuriamo comunque la Rsu sul fatto che nel corso dei due appuntamenti già programmati vi sarà modo di informare e confrontarsi nuovamente sui temi sollevati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da numeri

    Premesso che sono d’accordo con “Yu-Li -Han” (che mi sembra un “Giuliano/a” orientalizzato) quando invita a sostenere tutta l’azienda nel momento del trasloco, non penso che il trasloco inizierà così a breve. Se tutto terminasse a inizio primavera 2013 senza aver causato grossi problemi, sarei soddisfatto.

  2. Scritto da Yu-Li-Han

    Attivare un nuovo Ospedale, e di questa grandezza, concezione urbanistica, connessioni infrastrutturali, scelte architettoniche, obblighi esecutivi, direttive di sanità, dotazioni tecnologiche di base e dipartimentali, strutture ed organigrammi dirigenziali, scientifici, medici, assistenziali, gestionali e poi soprattutto il trasferimento-mantenimento in cura dei pazienti ricoverati e dell’utenza dei laboratori di controllo pre/post ricovero, sono elementi di una tale novità, dimensione, complessità e delicatezza, che l’impegno operativo e lo studio e lo sforzo per la miglior esecuzione, meritano già da adesso la vicinanza e il sostegno e il plauso di tutti noi Bergamaschi. Bravi! Bravi!

  3. Scritto da cittadino

    Ha ragione l’azienda ospedaliera quando dice che: “Stupisce il tempismo della nota della RSU…”:Effettivamente nella storia del nuovo ospedale è difficile vedere del tempismo finora.Meno male che almeno le RSU hanno questo tempismo.

    1. Scritto da katia

      carissimo, gli rsu si sono svegliati solo ora! cerca nella memoria, quando mai hai letto un loro comunicato?