BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zingonia cambia look: addio alle sei torri ecco nuovi spazi verdi

Le sei torri di Ciserano saranno abbattute, Zingonia sarà rilanciata con un progetto generale di riqualificazione urbana e sociale, condiviso dai Comuni di Boltiere, Ciserano, Osio Sotto, Verdellino e Verdello e dalla Provincia di Bergamo.

Più informazioni su

"Le sei torri di Ciserano saranno abbattute, Zingonia sarà rilanciata con un progetto generale di riqualificazione urbana e sociale, condiviso dai Comuni di Boltiere, Ciserano, Osio Sotto, Verdellino e Verdello e dalla Provincia di Bergamo". Lo ha confermato l’assessore regionale alla Casa, Domenico Zambetti, al termine del Comitato tecnico che ha approvato l’Accordo di Programma di Zingonia, alla presenza anche dei rappresentanti dell’Aler di Bergamo, di Infrastrutture Lombarde e dell’assessore al Territorio e Urbanistica, Daniele Belotti. Il progetto prevede appunto l’abbattimento delle torri degradate di Ciserano e la loro sostituzione con spazi verdi uniti a edifici a uso terziario, direzionale, commerciale e sanitario e una serie di azioni di riqualificazione in tutti i Comuni interessati, anche volte all’Housing Sociale, per le quali l’assessorato regionale alla Casa ha investito 5 milioni di euro, a cui se ne aggiungono 1.7 da parte di Aler Bergamo.

Nell’Accordo di Programma è compresa, inoltre, la realizzazione di un "laboratorio sociale" per arrestare il degrado – anche edilizio – della zona, in particolare nell’area di Verdellino compresa tra Corso Asia e Piazza Affari, e di un centro di sicurezza locale a Boltiere, la riqualificazione dell’asta stradale di Corso Europa, con la connessione delle reti di piste ciclabili e la messa in campo di strumenti per la gestione della viabilità e della sicurezza.

"Si tratta di un progetto molto importante per Regione Lombardia e per tutta la Provincia di Bergamo – ha aggiunto Zambetti – con un’azione di rilancio dell’area, tesa a fornire finalmente una risposta ai gravi problemi di degrado sociale, economici ed urbani di questa area". "Pur in un periodo di grande difficoltà, grazie al gioco di squadra tra comuni, Provincia e Regione, stiamo rispettando la tabella di marcia – ha commentato l’assessore Belotti -. Questo intervento può essere veramente l’occasione per un grande rilancio di Zingonia, un progetto in cui anche i privati hanno l’occasione di fare la loro parte".

"Il futuro di Zingonia parte dalla volontà di rilancio di tutti coloro che si vogliono rimettere in gioco – ha detto l’assessore all’Ambiente, Energia e Reti, Marcello Raimondi – a cominciare dagli abitanti dell’area. La Regione dal canto suo è in campo con questo progetto di grande importanza, che rappresenta una seria opportunità di riqualificazione e di sviluppo che siamo certi non tarderà a mostrare presto i suoi frutti". L’appuntamento con tutte le Amministrazioni interessate per la sottoscrizione definitiva è per il 29 ottobre presso la Sede Territoriale Regionale di Bergamo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dalminegiovani

    basta che non si mettano a ridistribuire tutta la feccia che abita le torri nei comuni limitrofi !!!!

  2. Scritto da Asfidanken

    Quante volte ancora passerà questo titolo prima che accada qualcosina di concreto ? Previsione : prima delle elezioni almeno altre 5 volte. Senza che accada nulla di concreto, ovviamente.

  3. Scritto da sergiopelato

    Zingonia (all’epoca) era stata progettata per essere la miglior citta’ d’ Italia……….in realta’ e’ diventata famosa (a livello nazionale e oltre) soltanto per schifezze varie. Personalmente vedo l’impresa impossibile…auguri.

  4. Scritto da Luca

    PERCHE’ NON FARCI UN BEL PARCO AGRICOLO????

    1. Scritto da vincenzo

      fateci quel C…O che vi pare purche paghino ilgiusto hai proprietari!!!!!!!!!!!!!! (spero che lo pubblic..nn vi in teresa di farlo)

    2. Scritto da waz

      ahahahah..grande…
      vediamo se anche qui spuntano comitati del no!!

      io la raderei al suolo e farei lo stadio nuovo

      1. Scritto da vincenzo

        6 tu possiedi una proprietà ci faresti lo stadio ha spese tue (cret..o!!!!!!!!) voglio vedere se lo pub….

      2. Scritto da Anto

        Sai perché no agli inceneritori?
        Sai perché no alla TAV?
        Sai perché non a nuovi centri commerciali?
        Sai perche no al nuovo stadio a Stezzano e direi altrove?
        Sai cos’è il consumo di territorio? impermeabilizzazione selvaggia? Biodiversità? Aumento tasso tumori in Lombardia? E sai che dopo il no c’è sempre un Si con proposta, ma che non viene mai ascoltato da nessuno? tutti in coro… ale ole ale ah ah!

        1. Scritto da waz

          parli addirittura di tumori?? quelli si legherebbero bene con l’inceneritore,ma uno stadio o altro non vedo che problemi darebbero.
          cmq era una battuta…

    3. Scritto da greatguy

      non è possibile, ci sono troppi alberi….a grumello è meglio li non c’è proprio niente…