BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La crisi immobiliare colpisce anche l’Aler: vendite in picchiata

Nei cento comuni della nostra provincia di Bergamo in cui l’Azienda Lombarda Edilizia Residenziale è proprietaria di diversi immobili sono meno di un centinaio gli appartamenti venduti.

Più informazioni su

Con la crisi economica anche il mercato dell’edilizia è fortemente in difficoltà. Basta vedere quanti cartelli con scritto “Vendesi” si trovano sugli ingressi delle abitazioni. Ma il fatto sorprendente è che a risentire degli effetti negativi della pressante crisi finanziaria ci fossero anche gli immobili di proprietà dell’Azienda Lombarda Edilizia Residenziale (Aler) di Bergamo. E’ quanto emerge dall’analisi dell’andamento delle vendite in atto dal 2008 ad oggi.

Nei cento comuni della provincia di Bergamo in cui l’Aler di Bergamo è proprietaria di diversi immobili, sono meno di un centinaio gli appartamenti venduti. A confermare il negativo bilancio, è il direttore dell’Aler di Bergamo, Bruno Marzia: “Degli oltre mille appartamenti di cui l’agenzia è proprietaria e che erano stati messi nell’elenco di quelli che potevano essere ceduti, solo una quarantina sono stati acquistati dagli inquilini che vi abitavano”. Gli appartamenti di proprietà di Aler e venduti agli inquilini che già vi abitano in quegli alloggi, tra l’altro, godono di un particolare sconto sul valore dell’immobile: 36% meno del valore stimato dell’agenzia del territorio.

Sarebbero due quindi le tipologie di case che Aler ha messo in vendita: da una parte immobili già abitati e acquistabili dagli stessi inquilini, e dall’altra quella totalmente nuovi, costruiti per essere venduti: “In entrambi i casi la situazione è negativa perché i piani di vendita degli alloggi pubblici che erano destinati agli inquilini delle case Aler, non prevedevano la crisi finanziaria in atto -prosegue il direttore Marzia- così, il nostro ambiziosissimo piano è sfumato”.

Nello specifico dall’indagine emerge che a Treviglio, sono stati venduti 5 appartamenti su 10 mentre a Calusco la proprietà è stata trasferita solo a cinque persone contro i 20 alloggi. A Calvenzano saranno presto pronti 12 appartamenti situati in una palazzina. A Castione della Presolana, invece, è stata ristrutturata un’ex scuola dalla quale sono stati ricavati cinque appartamenti, quattro dei quali sono stati venduti.

T.L

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cl

    x tutti i venditori immobiliari: dimezzate i prezzi e vedrete che la gente torna a comprare case!

    1. Scritto da pakos

      se si dimezzano pure tutti gli altri costi allora concorderei,ma se i materiali costano,che si fa??

      1. Scritto da Pikos

        Ma quando il lavoro c’era e le banche sparavano soldi a chiunque , chi comprava casa si sentiva dire che i prezzi erano alti perchè quello era il mercato e a quello bisognava stare , adesso che il mercato non è più a favore dei venditori a cosa bisogna fare riferimento ???
        P.S.
        Con i soldi che hanno “guadagnato” i costruttori e venditori all’inizio del boom edilizio negli anni 2000 e fino al 2007 , questi anche se adesso ci rimettono qualcosina E’ IL MERCATO caro mio .