BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ztl allo stadio, troppi pass concessi agli amici degli amici”

Pubblichiamo la lettera di un lettore tifoso dell’Atalanta che solleva il caso dei pass concessi a molti automobilisti per entrare nella zona a traffico limitato. "Se nella ZTL non si può entrare...non si entra e basta, big compresi!"

Più informazioni su

Pubblichiamo la lettera di un lettore tifoso dell’Atalanta che solleva il caso dei pass concessi a molti automobilisti per entrare nella zona a traffico limitato.

Spettabile Redazione,

sia domenica scorsa, che la prima con il Palermo, ci siamo recati allo stadio con largo anticipo e dopo aver regolarmente parcheggiato, ci siamo fermati per quattro chiacchiere all’ingresso del parcheggio della tribuna coperta. Non abbiamo potuto non notare una colonna di auto che passavano i vari varchi mostrando un pass. Non erano ne portatori di handicap e neanche delle forze dell’ordine ma persone conosciute residenti in città che per grazia ricevuta…avevano un magico lasciapassare. Ho controllato allora la delibera del comune che allego e oltre alle dieci categorie giustamente autorizzate ad entrare nella ZTL all’ultima riga ne indica una molto vaga "veicoli autorizzati o in possesso di specifici contrassegni di riconoscimento". La mia domanda è questa, chi sono questi miracolati e per quale motivo per loro le regole non valgono. Notare, ho incrociato il sindaco di Bergamo in bici e altri politici a piedi, benissimo. La ZTL è oltre ad una regolazione del traffico, anche un modo per ristabilire ordine e credibilità. Non ci devono essere a parte chi ne ha effettivo bisogno, differenze tra i cittadini, che siano tifosi oppure dirigenti o amici dei tali, a cominciare da chi ne è al vertice, che darebbero con una salutare camminata, un buon esempio a tutti. Se nella ZTL non si può entrare…non si entra e basta, big compresi! Grazie dell’attenzione.

Gutemberghem

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da poeret

    articolo fazioso, ok è una lettera ma verificare la notizia non costa nulla..ma daltronde, ormai i giornalisti (o giornalai) son così in ogni redazione. Chi ha il pass per la ZTL dello stadio..oltre a residenti e categorie ben citate è chi ha il parcheggio al LAZZARETTO.. ovvero chi versa 700€ x parcheggiare 19 volte. Visto non è una ZTL x inquinamento è lecito e aperto a tutti, basta pagare. Moralmente forse è meno accettabile, ma almeno c’è chiarezza e no ci voleva un veggente x informarsi.

    1. Scritto da Gutembergem

      Fazioso perché,? Ho solamente evidenziato una situazione reale da nessuno contraddetta. La ZTL è stata introdotta per il disagio che i veicoli causano al quartiere e non basta avere 700 € da spendere per “ritenersi una categoria protetta”. Con al sua logica, le regole valgono per tutti, a meno che si paghi. Ma si rende conto di quello che ha scritto. Spero che vedendo il suo commento, chi di dovere verifichi la situazione e provveda. E già che ci siamo…di chi è il Lazzaretto e chi incassa questi 700 € (sempre che sia così?).
      Buona serata a tutti.
      Gutembergem
      NB: Ovviamente è sempre colpa dei giornalisti!!!

      1. Scritto da POERET

        si..è fazioso xchè il giornalista o redattore ha pubblicato la sua lettera senza dare una VERIFICA,giusto per aizzare il popolino, lo sanno in tanti del parcheggio (non è il primo hanno). non è una categoria protetta ma se hanno il parcheggio il problema non sussiste visto è ZTL x parcheggi non per inquinamento.Cmq non era un richiamo alla sua lettera, legittimo aver un dubbio..certo prima di accusare basta informarsi (ci voleva anche meno) cmq oggi è apparsa una risposta del comune, spero le sia sufficiente. I soldi li incassa l’Atalanta che paga l’affitto al comune, insomma soldi che vanno al pubblico.. ocrede li diano ai cattivissimi tifosi? suvvia..

  2. Scritto da manu

    TUTTI LO FANNO…………………..ma nessuno è stato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Scritto da PIERPA

    Credo, ripeto credo..i permessi siano stati dati a chi ha il parcheggio (xchè sono “venduti” a stagione i posti auto per le partite interne) al Lazzaretto..dove naturalmente (visto anche il prezzo) parcheggiano i più facoltosi. Affitto, multe e € dai parcheggi in questione e poi non capite xchè fà comodo lasciar lo stadio dove è..

  4. Scritto da Fabio

    Ma la colpa è ancora nostra, dei caproni che pensano di aver ottenuto giustizia con le 200 multe di multe, le quali andranno a gonfiare privilegi e tasche di quella gente che se ne frega di ztl e divieti, tanto a loro tutto è concesso

  5. Scritto da darioflautista

    non saremmo a Bergamo, dove Ceci chiede ai ristoratori borgo santa caterina di portare pazienza e poi il suo ufficio sforna pass per amici e parenti, freschi ogni giorno

  6. Scritto da Andrea

    Le regole valgono….ma solo per gli altri….

  7. Scritto da curioso

    A proposito: il presidente dell’atalanta ha detto che “fare una camminata per arrivare allo stadio fa bene alla salute”. Ma lui, come ci arriva?

  8. Scritto da rosa

    ….giustamente questo lettore ha fatto emergere la questione “permessi per lo stadio” con conseguente passaggio dalla ztl. Io vorrei allargare l’argomento ponendo questa domanda: perchè i nostri rappresentanti in Comune (consiglieri, assessori…) hanno i permessi per poter circolare e sostare in tutta Bergamo? Capisco per sostare in Piazza Matteotti quando c’è il Consiglio Comunale ma…… vederli nei week end fare shopping o andare al ristorante piazzando l’auto dove pare e piace con il permesso “pass partout” non è certo un buon esempio.

    1. Scritto da Marco Brembilla

      Egr. Sig.ra Rosa, sono un Consigliere comunale e le posso dire che l’unico permesso ufficiale dei consiglieri consente la sosta solo davanti al Palazzo uffici, in Largo Gavazzeni (retro ATB) e in nessun altro posto.
      Non so se ne esistono altri ufficiosi che permettono di parcheggiare ovunque, io (e penso anche gli altri colleghi) è l’unico che ho.

      1. Scritto da rosa

        Grazie della pronta risposta. Leggerò con più attenzione i pass sulle auto dei suoi colleghi/e (e altri esponenti del Comune) quando parcheggiano in centro e in Città Alta ma in due occasioni ho avuto modo di leggere “accesso alle ZTL”…. e non mi risulta ci siano in piazza Matteotti e Largo Gavazzeni. Faccio solo un esempio tra i vari visti personalmente: un sabato pomeriggio una sua collega ha parcheggiato con il pass in piazza Matteotti e ha caricato il bagagliaio dell’auto con 3 sacchetti di noti negozi del centro (io comune mortale per fare la stessa cosa devo spendere 4 euro nel parcheggio a pagamento). Può sembrare una stupidata ma la correttezza parte dalla piccole cose.

        1. Scritto da Marco Brembilla

          Signora Rosa, Lei ha letto bene, il pass dei consiglieri consente anche l’accesso alle ZTL, ovviamente per motivi di servizio, quindi non per andare la domenica in Città Alta a mangiare il gelato. Chi lo fa sbaglia. Quanto al parcheggio di fonte a Palazzo Uffici, non è a tempo, ma riservato “anche” ai consiglieri e comunque non può essere usato da persone sprovviste di pass. Non siamo casta, mi creda: è l’unico bonus che abbiamo.

        2. Scritto da Dexter Morgan

          Sarebbe interessante argomentare il tutto con delle prove. Esempio filmati. Tutti i telefonini ne fanno ormai. Sarebbe sufficente un filmato di pochi secondi da mandare in redazione.
          Della serie: non solo chiacchere e distintivi!

          1. Scritto da rosa

            A livello di “notizia” lei ha pienamente ragione…. ma spesso la mancanza di “malizia” fa si che il cittadino non sia sempre pronto con il cellulare in mano. Solo a mente fredda si rivalutano le situazioni viste, anche in virtù dei fatti emersi recentemente a livello nazionale.

  9. Scritto da permesso? avanti..

    magari uno di questi sarà lo stesso che parcheggia sempre il macchinone davanti al sagrato di s. alessandro(in divieto) con contrassegni vari della regione e una bella patacca della lega sulla targa…