BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stadio e cittadella sport, Cividini sempre disponibile Ora tocca a Percassi

L’incontro c’è stato, come da programma: l’ingegner Paolo Cividini ha dato la sua disponibilità a continuare il progetto della cittadella dello sport presentato con il presidente atalantino Antonio Percassi.

Più informazioni su

L’incontro c’è stato, come da programma: l’ingegner Paolo Cividini ha dato la sua disponibilità a continuare il progetto della cittadella dello sport presentato con il presidente atalantino Antonio Percassi. Il proprietario delle aree di Grumello del Piano ha avuto un faccia a faccia, l’ennesimo, con il sindaco di Bergamo Franco Tentorio che spera di riprendere il discorso bruscamente interrotto ad agosto. Come già confermato nei giorni scorsi, nulla osta a riprendere i rapporti con il patron nerazzurro, nonostante il vivace scambio di accuse dei giorni scorsi. Nel nome della cittadella dello sport Cividini è pronto ad incontrare nuovamente Percassi per tornare a presentare il progetto insieme, così come auspicato dall’amministrazione.

Un riavvicinamento tra la Stilo e il gruppo Cividini c’è già stato nei giorni scorsi, i due protagonisti invece non si sono ancora parlati direttamente. Ora tocca al presidente atalantino, chiamato a dire ufficialmente la sua. Un incontro era stato fissato per metà settimana, ma è slittato a venerdì, a meno di altri imprevisti. L’ultima parola è la sua: in caso di pollice alzato l’iter potrà continuare, in caso di pollice verso il progetto sfuma e così il sogno del nuovo stadio a Grumello del Piano. Non è escluso un colpo di scena, in puro stile Percassi, con la presentazione di un’idea tutta nuova per regalare alla sua squadra e ai tifosi nerazzurri una nuova casa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dante

    Per forza che è sempre disponibile a vendere i terreni così da agricoli diventano edificabili come quelli venduti per il nuovo aspedale. Le scelte le devono fare le istituzioni e non i privati. Tentorio vuole fare la regia con i soldi degli altri e si prende i meriti e se va male la colpa non è sua. Troppo comodo così. Ma quando sono scaduti i due anni dalla variante fatta e poi ritornava parco come era originariamente?

  2. Scritto da Dante

    Per forza che è sempre disponibile a vendere i terreni così da agricoli diventano edificabili come quelli venduti per il nuovo aspedale. Le scelte le devono fare le istituzioni e non i privati. Tentorio vuole fare la regia con i soldi degli altri e si prende i meriti e se va male la colpa non è sua. Troppo comodo così. Ma quando sono scaduti i due anni dalla variante fatta e poi ritornava parco come era originariamente?

  3. Scritto da waz

    avanti con lo stadio almeno riqualifichiamo questa città di beoti…
    molta gente ora non capisce ma più avanti ci ariverà e ringrazierà!!
    Lo stadio porterà anche un sacco di eventi musicali che a bg sn limitati alla penosissima fiera di BG!

  4. Scritto da giorgio

    Ma basta pantomine, un bel prato e via… non ne possiamo più di questi qui.

  5. Scritto da poeraITALIA

    manca il guadagno èh un ripensamento ma sicuramente PERCASSI
    le verrà incontro trovando una soluzione vive su queste cose guadagnare è la sua vita cioè la vostra.