BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scoppole e scivoloni Gli ultimi clamorosi harakiri dei nerazzurri

Dalle storiche sconfitte in Coppa rimediate con Lumezzane e Gubbio, alla debacle di Bari che è costata la panchina a Gregucci: ecco i disastri rimediati dall'Atalanta negli ultimissimi anni.

Più informazioni su

Domenica 30 settembre. I tifosi atalantini, fidatevi di noi, si ricorderanno a lungo questa data. Già, perché è quella che ha segnato l’incredibile debacle interna con il Torino. Un 5-1 che, nella memoria degli ultimi cinque anni nerazzurri, non ha nessun precedente.

Eppure l’Atalanta di scivoloni ne ha compiuti anche nelle ultimissime stagioni. Uno, ancora fresco fresco, porta la data del 21 agosto 2011. Al Comunale arriva il Gubbio, formazione neo promossa in cadetteria, e alla fine di una gara interminabile e ricca di colpi di scena sono i rossoblù a vincere con un clamoroso 4-3. Per i nerazzurri è la fine dell’avventura di Coppa Italia ma, per fortuna della Bergamo atalantina, è anche l’inizio di un cammino travolgente ed entusiasmante che porta verso la storica salvezza partendo dal -6.

Se vogliamo spostarci un attimo più indietro, è la stagione 2009-’10, quella della sciagurata retrocessione per intenderci, la più ricca di "figuracce". La prima i nerazzurri la servono al San Nicola e costa la panchina ad Angelo Gregucci: il Bari asfalta l’Atalanta con un secco 4-1 e dà inizio a quell’era Conte che tutti ricorderanno molto bene.

In quella stessa annata si ricorda anche la scoppola che i bianconeri servono al Comunale il 7 novembre 2009 con un 5-2 che mette in mostra tutti i limiti tecnici e tattici di quella formazione nerazzurra.

Ma resta impossibile da dimenticare anche quell’1-0 subìto contro il Lumezzane davanti al pubblico amico. Una sconfitta, arrivata per mezzo di una formazione di Lega Pro (di medio-bassa classifica per di più), che elimina dalla Coppa Italia i bergamaschi e porta Conte a compiere l’ennesimo piccolo passo verso il grande disastro arrivato al culmine qualche settimana dopo, al termine del match perso ancora al Comunale contro il Napoli.

Ma quella, è proprio il caso di dirlo, era davvero un’altra Atalanta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da simona

    evviva è arrivato il saputello….lo sappiamo, NON preoccuparti,
    ma devi sapere che vale gli stessi punti come una vittoria per 1-0 o il 2-1 di Bonacina al 90° o lo 0-1 di Evair….
    domanda ma quando cantano Odo….canti e saltate pure Voi BG ??? o vi nascondete, senza dir nulla ???
    salutateci i vostri cuginetti Bsuini…..che per veder la serie A devono venire a S.Siro e, ironia della sorte,vederci anche VINCERE …ahahah

  2. Scritto da simona

    sarà….ma io mi ricordo SOLO Bilan v Atalanta 0-1 Cigarini….

    1. Scritto da edo

      la partita con piu’ gol in assoluto del campionato resta sempre saldamente al comando : Milan-Atalanta 9-3, anno 1972

      1. Scritto da Ol Claudì

        Si ricordano tutti del 9-3 col Milan. NESSUNO dice che l’Atalanta fece scendere in campo la Primavera, quindi il Milan prese 3 reti dalla primavera dell’Atalanta :D

      2. Scritto da simona

        ah, dimenticavo, invece di farne così tanti per 1 sola partita o a Barcelona….ne tenevate 1 di scorta….per Istambul…..eheheh
        …e la coppa è rimasta ad Istambul !

        1. Scritto da LF

          Brava Simona