BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il centro Le Due Torri raddoppia? Il sindaco: “Per ora solo richieste”

Per lo shopping center è previsto un ampliamento: è scritto nella "Ricognizione sui programmi ed equilibri di bilancio 2012": Eppure il sindaco Elena Poma minimizza: "Abbiamo avuto solamente delle richieste"

Non nega, anche se poi il sindaco di Stezzano Elena Poma (Lega Nord) taglia corto e ammette: “Abbiamo avuto solamente delle richieste e non mi sembra corretto parlarne per le parti interessate”. Si potrebbe anche tacere, per carità. Se non fosse che è proprio un documento del Comune di Stezzano a portare in evidenza la novità: l’ampliamento del centro commerciale Le Due Torri.

Nel testo della “Ricognizione sui programmi ed equilibri di bilancio 2012” si legge: “Nel corso dell’anno sono state portate avanti dal settore Edilia e Urbanistica anche le seguenti attività: riqualificazione asse commerciale lungo la via Boito; la vendita del terreno di via Rossini (indetta l’asta per l’offerta con scadenza 3 settembre 2012) e l’ampliamento del centro commerciale Le due Torri”.

Insomma, carta canta. Forse i cittadini di Stezzano vorrebbero proprio sapere perché il sindaco Poma abbia avuto degli incontri con la Regione Lombardia per definire un accordo di programma sulle attività produttive in quell’area. Di che cosa si tratta? Di quanto sarebbe l’ampliamento previsto? Aree commerciali o anche produttive? Di chi sono quelle aree e quali progetti sono previsti?

Se nella “Ricognizione sui programmi ed equilibri di bilancio 2012” si scrive che sono state portate avanti anche queste attività, non c’è nulla di male ad essere esaustivi nei confronti dei cittadini: per correttezza e per trasparenza dell’amministrazione comunale.

Rimane il fatto che proprio la Lega Nord aveva avviato una storica guerra contro i centri commerciali. Ma forse per questa battaglia, il Carroccio ha ceduto le armi.  

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CerchioMagico

    Basta strutture per “vendere” cose , abbiamo bisogno di creare ricchezza stabile “producendo” cose , diversamente non abbiamo più i soldi per ……. “comprare” cose !!!!

  2. Scritto da ugo

    Adoro trascorrere il mio tempo libero al centro commerciale !

  3. Scritto da elena

    ecco, ora a stezzano, che ormai si è mangiata quasi tutto il verde libero, ci manca di ingrandire il centro commerciale.

  4. Scritto da bastian contrario

    Ma smettiamola di lamentarci sempre… ma se è vero che c’è gente che vuole investire sul territorio (e personamente ci penserei un pò vista la situazione economica) lasciamoli fare. PS: Certo che dalla redazione siete forti.. vi scagliate contro i centri commerciali e poi metà delle vostre inserzioni commerciali sono loro. E poi parlate di coerenza!?!?! Questo vale anche per chi commenta.. la coertenza non si vende a peso..

    1. Scritto da Robademacc

      1) Caro Bastian, la situazione economica richiederebbe investimenti in altri settori ben più strategici 2) Se mai qualcuno pensasse che ormai sono troppi , per questo motivo non si dovrebbero pubblicare le pubblicità ? Ma che razza di ragionamento è ? Secondo lei le inserzioni diventano un motivo per mettere il silenziatore ? Già il problema in genere esiste, lei lo vuole addirittura istituzionalizzare ?

      1. Scritto da bastian contrario

        Bene!! Invece di parlare (scrivere) e basta.. li faccia questi investimenti.. io sarei il primo a sostenerla. Per quanto riguarda le inserzioni pubblicitarie ha evidentemente travisato il mio commento. La mia era una domanda etica in quanto a mio parere non ci si può scagliare contro la GDO o Centri Commerciali e poi banchettarci assieme. Sarebbe come se io fossi contrario alle pelliccie ma poi per comodità ne indossassi una perchè tanto l’animale lo hanno già ucciso. Buona giornata.

  5. Scritto da De Profundis

    Una volta la provincia di bergamo produceva tecnologia e manifatture, adesso produce centri commerciali . Di centri commerciali moriremo, anzi, siamo già moribondi.

  6. Scritto da poeret

    a parte che non sò cosa raddoppia un centro commerciale che (a quanto mi dicono) non è che abbia sempre il pienone, mettiamoci il calo dei consumi e si può parlare di pura speculazione ma..Stezzano? Lo stesso paese che si è schierato contro la Cittadella dello sport? Ovvero l ostesso paese che “mette becco” su strutture di un comune vicino, critica, fa caccioa alle streghe parlando si un centro commerciale invece che di un campo sportivo, ecc..ecc.. Ora voglio prorpio veder i cittadini se hanno coerenza..

    1. Scritto da enrico

      E’ un dovere, per un sindaco, “mettere becco” su un’ enorme struttura commerciale in progetto in un comune limitrofo. E il motivo è molto semplice: il suo comune rischia di subire solo traffico e inquinamento, senza incassare nessun onere di urbanizzazione. Anche Treviglio e Arcene, anni fa, litigarono per una porcilaia al confine tra i due comuni: ad uno spettavano anche i soldi, all’altro solo la puzza. L’esempio le chiarirà le idee.

      1. Scritto da poeret

        quindi se oltre alla puzza ci sono i soldi il discorso “verde” , saturazione centri commerciali, viabilità e tutto quanto cade? Forse, dico forse, pare un discorso un pò OPPORTUNISTICO.. la puzza è sempre puzza!! xchè una era cmq una struttura sportiva (che poi ci fosse del commerciale è vero) questa invece è puramente commerciale (e speculativa). Insomma BASTA PAGARE e tutto si fà? Bella amministrazione, complimenti..

    2. Scritto da mah

      concordo pienamente se ci si reca ora in questo momento è deserto si vede qualcosina verso le 11 e o il pomeriggio dalle 16 alle 19 figuriamoci.POCA GENTE A ORIO si trova gente all’apple store a ORIO MA IL 95%CURIOSITA’

      POI dipende dal tempo ovvio se piove le persone dove vanno???
      ovvio centro commerciale DOMANDA QUANTO SPENDONO??
      NULLA CIOE’ ZERO COMUNQUE I NEGOZIANTI L’AFFITTO LO
      PAGANO GARANTENDO SIA IL FRESCO CHE IL CALDO

      se ci sono negozianti che volessero aprire potrebbero andare a CORTENUOVA la di spazio ne avete quanto volete hanno chiuso circa 100 negozi

  7. Scritto da H2o

    e’ a conoscenza la sig.ra Poma che alla piscina fanno PAGARE le docce ai bambini?
    e’ forse l’unica piscina in Europa con questa caratteristica!!

    1. Scritto da steza'

      siamo sicuri?
      la piscina comunale non puo’ fare una cosa del genere
      io pago l’entrata e nel servizio ho la doccia…altrimenti che piscina e’?

      1. Scritto da robi

        confermo……ora le docce sono a pagamento…..!!!…

        1. Scritto da Cristina

          Eccome, si pagano. Da martedì della settimana scorsa è stato introdotto quest’obbligo. La piscina non è esattamente “comunale”, il discorso è un po’ complesso. Di certo chi gestisce la piscina ha introdotto una modifica al contratto che i clienti avevano stipulato e lo ha fatto senza preavviso. Noi clienti potremmo tutti disdire in massa il contratto, poi non lo facciamo perchè non possiamo dire ai nosti figli “Caro, da domani il nuoto non lo fai più”. Chiaramente si è trattato di un abuso imposto.

          1. Scritto da boicottiamo

            …io simche me ne vado!
            Finisco le entrate e poi torno a Dalmine dove andavo 5 anni fa
            sono dei dilettanti e purtroppo vedo che l’amministrazione se ne fa un baffo dei problemi dei cittadini, ma son li’ a fare?
            ricordiamocene alle prox elezioni!!!

    2. Scritto da Mavala'

      non ci credo!!…anzi Si….pur di far soldi con i poveri cittadini…..

      1. Scritto da vado a dalmine...

        cornuti e mazziati!
        e’ come andare al mare e pagare x entrarci….
        ….quindi io vado a nuotare e poi mi lavo a casa? dopo aver fatto un’ora di nuoto?…veramente allucinante

  8. Scritto da mao

    Al suon della moneta ogni animo si acquieta!!!

  9. Scritto da waz

    adesso vediamo se i cittadini di stezzano fanno il comitato del ” NO”… sono curioso

    1. Scritto da si può' fare...

      il comitato NO ALLE DOCCE!!!

  10. Scritto da Luciano Avogadri

    Io sarei ben felice nel vedere una attività economica che vuol crescere.
    Non condivido quindi il tono dell’articolo, e nemmeno l’atteggiamento da carbonara della Sindaca.
    Non vedo proprio che cosa ci sia da nascondere, mentre se fosse vero troverei molti argomenti per festeggiare.

    1. Scritto da non ci sto'

      BASTA CEMENTO. A L B E R I e. P R A T I

    2. Scritto da Cecità

      Io no, non trovo essun argomento per festeggiare , abbiamo già centri commerciali che sono cttedrali nel deserto , nella Bassa. E’ ora di dare una svolta, basta centri commerciali, logistica e consumo del territorio , basta investire in questi settori al limite della consunzione e “bruciatori” di territorio . Ci vuole una svolta, dopo anni di gozzoviglie e soldi facili in queste aree, dove si sono buttati tutti, anche imprenditori di altri settori più strategici ,si incentivino e si investa in attività tecnologiche e produttive . Finiremo ammazzati da “servizi” che non serviranno più niente perchè non produciamo più niente in termini di ricchezza vera.