BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Seriate, vandali alle scuole Due istituti allagati completamente inagibili fotogallery

L’istituto comprensivo Cesare Battisti e le scuole medie monsignor Carozzi di Seriate sono completamente inagibili a causa dell’azione di alcuni vandali che nella notte hanno allagato le strutture. Sono entrati in azione nella tarda serata di domenica aprendo bocchettoni antincendio.

L’istituto comprensivo Cesare Battisti e le scuole medie monsignor Carozzi di Seriate sono completamente inagibili a causa dell’azione di alcuni vandali che nella notte hanno allagato le strutture. Sono entrati in azione nella tarda serata di domenica aprendo bocchettoni antincendio e spargendo polvere degli estintori in aule e corridoi. Il composto chimico ha invaso gran parte dei due edifici, l’azione dell’acqua ha invece fatto crollare molte controsoffittature. I dirigenti scolastici sono stati costretti ad annullare le lezioni per ripulire completamente le due scuole, gli studenti sono quindi tornati a casa. I tecnici dell’amministrazione comunale stanno ora verificando che non vi sia pericolo per la ripresa delle lezioni oltre che quantificare i danni, che ad una prima stima pare siano ingenti. “Sono semplicemente dei delinquenti – commenta con molta rabbia il sindaco di Seriate Silvana Saita Santisi – hanno agito di notte, si nascondono perché sono indegni di definirsi persone. Noi Comuni siamo già fermi a causa dei mancati trasferimenti dello Stato e per colpa di atti vandalici come questi siamo costretti a togliere servizi alle famiglie, ai disabili agli anziani. I soldi sono sempre quelli, spenderli così è sconfortante. Da prime indagini, si sospetta che i vandali siano dei ragazzi seriatesi. L’Amministrazione comunale ha esposto denuncia all’autorità giudiziaria. Il comune si costituirà parte civile per recuperare l’ammontare dei danni dai responsabili o dalle loro famiglie”. Del caso si stanno occupando i carabinieri, che stanno già visionando le telecamere di videosorveglianza comunali. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da palovedi

    fate presto a parlare, ma voi non siete entrati a vedere la scuola, io sì e ho pianto…
    i danni materiali ci sono e sono tanti, ma quello che i nostri ragazzi hanno perso oggi è molto di più…

  2. Scritto da Cristina

    Mi viene sempre una gran tristezza quando vengono colpite le scuole.

    1. Scritto da Damiano

      Sono totalmente d’accordo! Anche se probabilmente, i somari che le hanno devastate, non hanno nemmeno compreso il senso e la gravità del colpire certe istituzioni. Volevano soltanto emozioni forti nel finire sui giornali (e speriamo invece che finiscano al riformatorio).

  3. Scritto da Pisto

    Le scuole sono quattro. C’è qualche ritorsione programmata, strano, molto strano

  4. Scritto da lotty

    e installare sistemi d’allarme anzichè spendere tanti soldi per le telecamere nelle strade?

    1. Scritto da seriate

      io sono entrata in quella scuola perche frequento la prima media e ho visto disastro che non so e ho pianto guardando la mia nuova scuola ridotta in quello stato l

  5. Scritto da caligola

    gesti assolutamente da condannare nel modo più duro. Ma perchè non hanno suonato gli allarmi antintrusione, i ragazzi sono riusciti a spegnerli? oppure semplicemente non ci sono?! chissà se l’assicurazione del comune pagherà.. oltre il danno la beffa!

    1. Scritto da mario59

      Visto che scrive citando dei ragazzi… lei per caso ha visto qualcosa?
      Diciamo che è presumibile che siano stati dei ragazzi, ma finchè non saranno stati presi i colpevoli, penso proprio che si debbano imputare i fatti a ignoti.
      Dal mio punto di vista, quando accadono fatti come questo, finchè non ci sono i colpevoli, i danni andrebbero redistribuiti equamente, tra gli abitanti del comune danneggiato…diciamo che è una forma di educazione civica che induce ad avere più rispetto delle cose pubbliche, inoltre se ci fosse qualcuno che sa qualcosa sull’accaduto, potrebbe sentirsi più incentivato a informare le autorità competenti.
      Ovvio che se prendono i colpevoli..pagano tutto loro.