BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un pezzo del passato di BergamoScienza a “Futuro Remoto”

C'è un pezzo di Bergamoscienza nell'allestimento che sarà inaugurato il 3 ottobre 2012 alla Città della Scienza di Napoli nell'ambito della 26° edizione di "Futuro Remoto". Lo ha ideato e curato il giornalista scientifico Eugenio Sorrentino.

Si intitola “Le Fabbriche del Cielo” la mostra che si inaugurerà il 3 ottobre alla Città della Scienza di Napoli nell’ambito della 26° edizione della manifestazione “Futuro Remoto” realizzata dalla Fondazione Idis-Città della Scienza in collaborazione con l’ASI – Agenzia Spaziale Italiana nel contesto del 63° Congresso della Federazione Internazionale di Astronautica che si celebra nella città partenopea.

Vicky ad Ebe sono le due guide extraterrestri che accompagneranno il visitatore di Futuro Remoto alla scoperta dei risultati più innovativi ed importanti della ricerca spaziale e aerospaziale contemporanea.

Un percorso multisensoriale, una vera e propria passeggiata interattiva, in cui si susseguono videoinstallazioni che invitano il visitatore a toccare con mano i misteri dello Spazio e dell’Aerospazio e scoprire quanto l’esplorazione spaziale sia importante per superare le sfide che l’umanità sta già affrontando e che affronterà in futuro.

Una delle nove sezioni, allestite in modo da consentire di compiere un viaggio tra reale e fantastico nella dimensione Spazio, è intitolata “Lo Spazio al servizio dei cittadini” e illustra i benefici derivanti dalle attività spaziale sulla vita di tutti i giorni riprendendo anche i contenuti della mostra “Dalla Luna alla Terra” ideata dal giornalista scientifico Eugenio Sorrentino nell’edizione 2009 di BergamoScienza e ospitata dal Museo di Scienze Naturali “Caffi” di Bergamo nel quarantennale della missione Apollo 11 e della conquista della Luna.

I contenuti di quella esposizione sono stati tradotti in pannelli e immagini che riassumono le ricadute tecnologiche piovute dallo spazio, a partire dal programma Apollo che all’epoca ha generato 160mila brevetti, molti dei quali entrati a far parte della vita quotidiana.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.