BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Continuo a credere nella Chiesa ma io, gay, mi sento tollerato”

A Bergamonews è giunta la lettera di un credente cattolico di Bergamo deluso dall'atteggiamento ambiguo della Chiesa nei confronti degli omosessuali: se sei ricco e famoso ricevi quasi omaggi, se non lo sei, se va bene vieni tollerato.

A Bergamonews è giunta la lettera di un credente cattolico di Bergamo deluso dall’atteggiamento ambiguo della Chiesa nei confronti degli omosessuali: se sei ricco e famoso ricevi quasi omaggi, se non lo sei, se ti va bene vieni tollerato.  

 

Nei giorni scorsi Raiuno ha trasmesso la Messa dalla nuova Chiesa di Pantelleria e i giornali ci hanno spiegato che i paramenti liturgici indossati da Vescovo erano griffati: dono di uno stilista, cittadino onorario.

Nulla di strano, anche se con milioni di persone al di sotto della soglia minima di sopravvivenza, preferisco sempre la chiesa del grembiule a quella del potere ostentato anche attraverso le esteriorità.

Nel raduno mondiale delle famiglie tenutosi a Milano lo scorso giugno, nella serata d’apertura un noto cantautore si è esibito davanti al Papa.

Anche qui nulla di strano, ci mancherebbe!

I due episodi comunque sono utili per capire come la Chiesa si comporta rispetto alla tematica gay: se sei ricco e famoso non ci sono problemi, se non lo sei non ti scaccio ma ti tengo ai margini.

In quale altro modo potrei leggere queste due situazioni rispetto a persone che, giustamente, vivono la loro vita come madre natura li ha creati?

Il problema non è certamente loro, ma di un’evidente discriminazione rispetto ai tanti “nessuno” che vivono la medesima condizione e si sentono più oggetto di giudizi da parte della Chiesa che non di pari dignità. Non voglio parlare di comprensione, perché fa apparire ancor di più che uno è superiore e l’altro inferiore.

Per fortuna non tutti sono così: anche nella Chiesa ci sono tantissimi sacerdoti e pure Vescovi che vedono gli omosessuali come “persone” indipendentemente dalle scelte sessuali.

Questo non toglie comunque l’amarezza che deriva da una semplice constatazione: a parità di credo, se sei famoso e soprattutto ricco hai maggiori lasciapassare.

Se, invece, sei una persona normalissima al massimo ti senti dire: ti capisco ma sbagli, prova a vedere se tutto non è derivato da traumi infantili, sempre che non si sconfini nella sentenza della malattia da curare.

Nonostante ciò, continuerò a credere nella Chiesa, in quel Dio che può essere solo Amore altrimenti non sarebbe Dio. Continuerò a credere che, se nei secoli quelli come me ci sono sempre stati, non può essere una Sua disattenzione o un difetto di fabbrica.

Molto più semplicemente anche questo è parte della natura umana e, in quanto tale, necessita di tutto il rispetto e l’amore possibile, senza per questo rivendicare orgogli che fanno solo sorridere. Alla mia Chiesa chiedo minor attenzione al potere o meglio, come scriveva un Vescovo, la decisione di “passare dai segni del potere al potere dei segni”.

La strada è lunga ma percorribile, l’importante è che tutti possano camminarci e non vi siano primogeniture dettate dalla notorietà o, peggio ancora, dalle disponibilità finanziarie.

In fede

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo

    L PIANTO DEL COCCODRILLO DEI MASS- MEDIA .
    IL PIANTO DEL COCCODRILLO DEI MASS- MEDIA .
    Si può ditruggere un edifico in due modi, nel primo modo, direttamente, con esplosivo lo rado al suolo,nel secondo lo demolisco un pezzo alla volta . Nel primo caso distruggo tutto, nel secondo caso conservo solo dei pezzi separati . Ed e’ quello che è sucesso e sta avvenendo con la famiglia nella nostra società. A parte le demolizioni legislative che vengono sempre dopo, ma trasmissioni Tv come quelle condotte da Mara Venier ,oppure trasmissioni tipo Verdetto Finale o Grande Fratello dove la famiglia tradizionale è beffeggiata, derisa e CI viene proposta insieme da tutto il coro di nani e ballerine di esperti della cultura e dello spettacolo, un famiglia allargata ,moderna , orgoglisamente trasgressiva, come trasgressivi della norma sono tutti i modelli da loro scelti e proposti,anzi la loro stessa vita !!!! E guai a navigare contro . Sono loro poi a gridare allo scandalo per primi quando nei loro scoup e talk show ci descivono le tragedie familiari che loro stesso hanno contribuito a creare ogni girono con la loro morale e i loro modellli . Ipocriti, come scamperete al fuoco della geenna ?

  2. Scritto da Francesco Luigi

    Senza parole, attonito, sono ricapitato sul sito dei Domenicani: http://www.amicidomenicani.it, nella sezione “un sacerdote risponde”, tema morale sessuale.
    Provate un po’ a leggervi le risposte sulle domande inerenti i gay. Sentenze tipo “contro natura”, “peccato grave” e sinfonie del gente si sprecano. Incredibile la durezza dei giudizi senza sapere cosa cé dietro al singolo. Assurdo! Io credo che la chiesa sarà condannata alla insignificanza davanti alla generazione futura se non cambia, e alla svelta, tutti gli assurdi precetti in materia di morale sessuale. Tipo la convivenza, i rapporti prematrimoniale, la masturbazione ecc. ecc…

  3. Scritto da Lucky

    Vedremo più in là quando davanti al giudizio divino ed in base alla condotta di vita scopriremo se all’inferno andranno più gay o più preti…sicuramente ci saranno delle sorprese.

  4. Scritto da Francesco Luigi

    Concordo con quanto esposto nella lettera. Io mi sono allontanato, per gli identici motivi , dalla Chiesa pur provenendo da una educazione cattolica tradizionale. Non si può passare la vita ad essere tollerati. Invito tutti a leggere cosa dicono, tra gli altri, i Domenicani dei gay: http://www.amicidomenicani.it/leggi_sacerdote.php?id=2291

    Dopo questa lettura molti faranno come me: pregheranno a soli e a casa, senza intorno troppe tonache sentenzianti….

  5. Scritto da Carlo Pezzotta

    40 anni orsono, mi sono allontanato dal cattolicesimo per poi farlo definitivamente, proprio x questi motivi. Aggiungo anche che se sei importante e ricco, puoi avere anche l’annullamento del matrimonio. Il Vangelo è sempre stato un optional fin dai primi albori di questa religione, da usare quando c’è l’interesse. Non che le altre religioni siano migliori (islamismo), ma i cattolici se la tirano credendo di esserlo, ed invece sono completamente carichi di ipocrisia.

  6. Scritto da poeret

    un pò come per la comunione al (divorziato) Berlusconi in diretta TV..ricordo bene, e non per buttarla in politica ma per fare l’esempio che non è così in varie situazioni..poi se io convivo c’è il prete che mi vieta di fare da testimone al matrimonio!! pultroppo come scrive qui sotto “l’azienda chiesa è lontana da Gesù”

  7. Scritto da rodolfo pandolfini

    Io continuo a essere critico e diffidente nei confronti di queste famigerate lettere regolarmente anonime (mi si dirà, lo so, che lo si fa per proteggere la privacy) che la redazione riceve. Non so se questo intervento verrà pubblicato (visto che altri miei interventi probabilmente considerati fastidiosi non lo sono stati) ma a me viene sempre il dubbio che queste lettere siano inventate per scrivere articoli e fare accapigliare i lettori nei commenti. Non voletemene!

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      La stragrande maggioranza delle lettere pubblicate su bgnews sono firmate. Alcune non lo sono pubblicamente, ma chi ce le manda si firma anche se chiede l’anonimato. Libero di pensarla come vuole, naturalmente. Quanto ai commenti censuriamo quelli che non rispettano una serie di regole del buonsenso e della correttezza. Cordiali saluti.
      RdC

  8. Scritto da mario59

    Ma la chiesa si basa sulla tolleranza….loro sono quelli perfetti, perchè guidati dalla mano di dio….e i peccatori (gli altri) devono andare da dio (in pratica da loro) a chiedere il perdono…appunto ad essere tollerati.
    Io ci sono riuscito a staccarmi dalla sudditanza psicologica della chiesa…e vivo molto meglio di prima…non sono gay, ma sono sicuro che se lo fossi, non mi sentirei in colpa con nessuno.
    La chiesa offre il suo conforto a tutti, specialmente ai deboli e sofferenti, ma crea la sudditanza psicologica, che nella concretezza porta un sacco di vantaggi ai rappresentanti di dio..che in molti casi vivono la loro esistenza, nella totale agiatezza dei beni materiali.

  9. Scritto da renato

    Forse il nostro inserzionista fà confusione pensando che la chiesa rappresenti gesù. Unìassurdità visto che la Chiesa ama solo i famosi ed i ricchi.
    Lascia stare la chiesa e abbandonati a Cristo che. se ritornasse, brucierebbe preti e papi ripetendo la frase. “Avete fatto della mia casa una spelonca di ladri”
    Non perdere tempo con la chiesa, non dargli potere e segui il tuo sentire.

  10. Scritto da manuela

    Eh, si caro, funziona proprio così come hai descritto. La cosa più importante per la chiesa sono i soldi e il potere. Ovviamente ci sono sacerdoti con la S maiuscola, ma l’azienda chiesa è lontana dal sogno di Gesù. Sono credente e praticante e necessariamente obiettiva. Non scoraggiarti amico, sei quotidianamente nel cuore di Dio.

  11. Scritto da Gio

    Ma perché stracciasi le vesta se gli “uomini” di chiesa non tollerano, ufficialmente, l’omosessualità? Come se loro avessero il Dio in tasca e te lo danno se, secondo loro, tu fai il bravo come dicono. Non siamo più nel Medioevo, ma in un’epoca in cui ci sono i mezzi per farsi una cultura e ribellarsi a questo potere dell’uomo su altro uomo. Dio non è Chiesa, tanto meno Papa, Vescovo o Prete, ma soggetto di fede individuale e se lo ami, adoralo liberamente secondo coscienza, poiché anche la ricchissima Chiesa entrerà nel Regno dei Cieli solo attraverso la crune di un ago, se ci crede.

  12. Scritto da Gio

    Ma perché stracciasi le vesta se gli “uomini” di chiesa non tollerano, ufficialmente, l’omosessualità? Come se loro avessero il Dio in tasca e te lo danno se, secondo loro, tu fai il bravo come dicono. Non siamo più nel Medioevo, ma in un’epoca in cui ci sono i mezzi per farsi una cultura e ribellarsi a questo potere dell’uomo su altro uomo. Dio non è Chiesa, tanto meno Papa, Vescovo o Prete, ma soggetto di fede individuale e se lo ami, adoralo liberamente secondo coscienza, poiché anche la ricchissima Chiesa entrerà nel Regno dei Cieli solo attraverso la crune di un ago, se ci crede.

  13. Scritto da paèi

    ”…essi, che hanno mutato la verità di Dio in menzogna e hanno adorato e
    servito la creatura invece del Creatore, che è benedetto in eterno. Amen. Perciò
    Dio li ha abbandonati a passioni infami: infatti le loro donne hanno cambiato
    l’uso naturale in quello che è contro natura; similmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono infiammati nella loro libidine
    gli uni per gli altri commettendo uomini con uomini atti infami, ricevendo in loro
    stessi la meritata ricompensa del proprio traviamento” (Ro, 1:25-27).

    1. Scritto da Biglia Arturo

      L’unico atteggiamento ambiguo è quello della Casta privilegiata dei giornalisti. La posizione della Chiesa, invece, è chiara! ma la Casta la acculta alle persone, volendosi sostituire a Dio, perché vogliono essere Dio e come Dio. La Chiesa accoglie l’omosessuale, come tutti i suoi figli, ma condanna fermamente l’uso dell’omosessualità. Ciò avviene anche con i peccatori, perché non si vuole la morte del peccatore, ma la sua conversione. Invece la Casta vuole la morte del peccatore. Ad es. Vallanzasca viene cacciato dai giornalisti infami e senza Dio, il furto di Stato perpetrato a migliaia di Italiani con Alitalia col caso WindJet viene nascosto dai giornalisti ipocriti. Vado avanti?

      1. Scritto da rodolfo pandolfini

        Grazie ma per me ti puoi fermare qui. Mi pare già l’inizio sia piuttosto sconclusionato figuriamoci il seguito.