Dec concordato preventivo Indebitata la società del nuovo ospedale - BergamoNews
Bergamo

Dec concordato preventivo Indebitata la società del nuovo ospedale

Il Gruppo Degennaro ha chiesto al Tribunale di Bari la procedura di concordato preventivo per la Dec Spa, la società che sta realizzando il nuovo ospedale Giovanni XXIII di Bergamo.

Pubblichiamo la nota che il Gruppo Degennaro ha inviati alla stampa in cui comunica la richiesta di apertura per la procedura di concordato preventivo per la Dec Spa.

 

E’ stata presentata questa mattina dal Gruppo Degennaro al Tribunale di Bari la domanda per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo per la Dec SpA. La richiesta trae origine dal piano di ristrutturazione aziendale resosi necessario a causa della congiuntura economica che, in particolare, sta colpendo il settore delle costruzioni nel quale il Gruppo Degennaro opera dal dopoguerra in tutta Italia.

La domanda di concordato prevede un percorso volto alla continuità aziendale e, nei limiti del possibile, occupazionale attraverso la costituzione di una nuova società, la ‘Nuova Dec Srl’, e l’affitto di un ramo d’azienda della Dec SpA, nel quale sono confluiti alcuni appalti pubblici per un valore superiore ai 100 milioni di euro aggiudicati nell’ultimo periodo alla Dec SpA, tra i quali un tratto della Linea Ferroviaria ad Alta Velocità Brescia – Treviglio.

La decisione del concordato preventivo è stata intrapresa per salvaguardare i creditori e per consentire al tempo stesso la conclusione di importanti attività, tra cui quelle di collaudo dell’Ospedale “Papa Giovanni XXIII" di Bergamo, appalto sul quale il management del Gruppo sta concentrando la propria attenzione tanto da aver previsto sin da subito il rafforzamento della propria presenza in territorio bergamasco.

Il contratto di appalto con l’azienda ospedaliera lombarda convoglierà nell’ambito della procedura concorsuale ai sensi dell’art.160 e ss. della Legge Fallimentare e seguirà le determinazioni che saranno prese in seno alla predetta procedura. Il contratto di gestione dei servizi dell’ospedale, stipulato tra GES.NOB. Srl e l’ATI formata da Dec SpA, Siram SpA e Kone SpA, prevedrà solamente la sostituzione della mandante DEC SpA con la ‘Nuova Dec’ che intende portare a termine numerose commesse acquisite da Dec SpA e intraprendere un percorso di crescita fondato su un articolato piano industriale con un management rinnovato. Il piano di ristrutturazione aziendale confluito nella proposta di concordato è stato elaborato da consulenti legali e finanziari di rilievo nazionale, e si adegua ai propositi del Gruppo Degennaro di affrontare con la massima trasparenza la situazione di difficoltà finanziaria, salvaguardando i valori umani, industriali e patrimoniali costruiti in 60 anni di attività.

Più informazioni
leggi anche
  • Nuovo ospedale
    La profezia del 2002: “I conti sono sbagliati”
    Generico
  • Le indagini
    “Dai De Gennaro soldi al braccio destro di don Verzè”
    San Raffaele
  • La grande opera
    Dec, il faro della procura sul nuovo ospedale e i ribassi in appalto
    Nuovo ospedale di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it