BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Federconsumatori: “Rifiuti, non compilate i moduli di riscossione della tariffa”

Pubblichiamo la nota di Federconsumatori in merito alle lettere inviate dall'amministrazione sulla riscossione della tariffa di igiene ambientale.

Più informazioni su

Pubblichiamo la nota di Federconsumatori in merito alle lettere inviate dall’amministrazione sulla riscossione della tariffa di igiene ambientale.

Nelle case dei residenti a Bergamo stanno arrivando migliaia di lettere inviate dall’Area Risorse Finanziarie Servizio Tributi e Catasto aventi per oggetto: TIA – Tariffa Igiene Ambientale 2012 – Avviso di pagamento. Agli sportelli di Federconsumatori, Sunia e APU si presentano decine di Persone che, non capendo ne i motivi delle richieste ne come fare a compilare i moduli ricevuti, chiedono aiuto e spiegazioni che, a nostra volta, “giriamo” ai promotori delle richieste. La lettera in questione, oltre le informazioni sul come pagare e sui conteggi effettuati, contiene un modulo “da compilarsi entro 60 giorni dal ricevimento”, che richiede l’ennesima dichiarazione dei dati catastali da parte dei contribuenti. Nessuna comunicazione invece che faccia riferimento al generico “per ottemperare a quanto previsto dalla Legge”(quale?). Nessuna indicazione per indicare se la dichiarazione è obbligatoria o a discrezione del contribuente. Nessuna spiegazione sull’eventuale utilità di tale dichiarazione. Premesso che la Gente ha appena superato le forche caudine imposte dal pagamento dell’anticipo sull’IMU con annesse dichiarazioni delle rendite catastali direttamente conseguenti alle “proprietà” in uso, ormai siamo all’assurdo: Ai Cittadini si chiede di fornire, sotto la Loro responsabilità, dei dati catastali che “Loro” dovrebbero richiedere proprio all’Ufficio Catasto del Comune che ne fa domanda. In subordine, per evidenziare l’ulteriore disagio arrecato a migliaia di Cittadini, con la convinzione che fare il proprio dovere di contribuente non debba comportare perdite di tempo per risolvere astrusi indovinelli, segnaliamo: A) il modulo da compilarsi prevede l’indicazione di un non meglio definito “CODICE UTENZA” che dovrebbe essere individuato sul foglio di avviso di pagamento; B) in caso di obbligatorietà della compilazione, non è descritta, tra le possibili forme di recapito, la opportunità di farsi protocollare il documento consegnato. Di questo abbiamo fatto segnalazione ai Responsabili dell’Ufficio chiedendo Loro di darne immediata informazione ai Cittadini in quanto noi riteniamo che prima e meglio si informano le Persone, anche attraverso comunicati stampa… meglio è. Rimane un’ultima considerazione da farsi: non più tardi di un mese fa, in ottemperanza al protocollo in essere tra Amministrazione Comunale e Associazioni di tutela dei Consumatori, si è definita la Carta dei Servizi di Aprica. In quell’occasione nessuno dei partecipanti al gruppo di lavoro è stato informato dell’iniziativa predisposta dall’assessore al Bilancio e Tributi in relazione alla riscossione della TIA, per il servizio erogato ai Cittadini dalla medesima Aprica Con un minimo di considerazione degli accordi si sarebbero scongiurati disagi ai Cittadini e, non ultimo, si sarebbero evitate spese inutili a carico dei contribuenti. In attesa di chiarimenti da parte dell’Amministrazione invitiamo i contribuenti a non compilare e consegnare la dichiarazione richiesta.

Federconsumatori Bergamo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giulia

    Come si suol dire… a pagar c’è sempre tempo

    1. Scritto da Samuele

      Si, è vero, però quando siamo chiamati a pagare, non si sa come, si arriva sempre alla gogna di Equitalia, dove se non fai come ti si dice, scattano sanzioni. Siamo stufi di dover sempre sopperire alle mancanze di altri. Ma controlli paralleli, tipo Consorzio di Bonifica, che al Catasto hanno accesso, non potevano essere fatti anche ora, in modo da avere già le indicazioni richieste?