BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bersaniani-renziani, sulla rete è polemica Clima sempre più teso

“Pensate all’Italia, non alle primarie”. Le raccomandazioni di Pierluigi Bersani sembra che siano servite a poco. A Bergamo come in tutta Italia non si fa che parlare di renziani e bersaniani, un dibattito condito da sgambetti e insulti.

Più informazioni su

“Pensate all’Italia, non alle primarie”. Le raccomandazioni di Pierluigi Bersani sembra che siano servite a poco. A Bergamo come in tutta Italia non si fa che parlare di renziani e bersaniani, un dibattito condito da sgambetti e insulti. Gli ultimi della lunga serie sono comparsi sulla Rete. A scatenarli un attacco dell’ex consigliere comunale di Bergamo Pietro Vertova, che ha attaccato il consigliere provinciale Matteo Rossi. “Comunque sul Pd non l’hai contata giusta all’incontro con Sel. Hai dipinto Renzi e Gori come due meteore venute dal cielo e hai chiesto l’unione contro di loro. Il Pd è spaccato a metà, prima trovate l’unità tra di voi, poi cercate le alleanze”. Apriti cielo, la discussione parte ed è difficile fermarla”. “Ti riporto il mio discorso di domenica mattina, poi verificalo con chi vuoi – chiarisce Matteo Rossi -. Mi sono state poste due domande:dieci cose da fare per l’Italia e un giudizio sulle primarie in Italia e a Bergamo. Alla prima ho risposto con otto idee: green economy,diritti civili, beni comuni, formazione professionale, un welfare che superi la dicotomia stato-mercato,europa politica,lotta alla precarieta’, tobin tax. Sulla seconda: ho auspicato che alle primarie partecipino altre persone oltre a Renzi/Bersani perche’ altrimenti diventerebbero solo una conta interna al Pd (quindi proprio il contrario del tutti contro Renzi); ho sostenuto che la sfida lanciata da Renzi non e’ solo sulla premiership ma anche sul modello di partito e questo vizia la competizione trasformandola in un congresso anticipato del Pd. Ho detto che in quelle posizioni c’e’ anche un voler cavalcare l’onda antipolitica citando l’articolo in prima pagina di domenica su Repubblica che avevo appena letto. Ho posto a Sel il problema del rapporto con Di Pietro nei termini usati da Bersani a livello nazionale. Su Bergamo ho detto che: andrebbe deciso in fretta il percorso verso le primarie con un accordo non solo tra i partiti ma aperto ai mondi vitali della citta’. Ho diffidato, su tua esplicita’ domanda, dal seguire il modello palermo (se le primarie le vince tizio e non mi piace si puo’ anche correre da soli) avanzato da qualche interlocutore presente. Ho definito Gori un inestimabile valore aggiunto per la sfida a Tentorio rivendicando al tempo stesso il ruolo delle forze politiche e ponendo il problema della comunicazione e della stampa che sembra aver gia’ scelto su chi puntare. Sono le cose che tutti mi sentono dire nelle occasioni ufficiali o informali. Di queste rispondo, non di quello che hai capito tu. Fattene una ragione. Ciao”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Beckenbauer

    La destra, dopo essersi autodistrutta per turpitudine , parte alla conquista della sinistra, dall’interno. NO grazie.

  2. Scritto da Gianluca

    Che discorso alla Berlusconi quello di Matteo Rossi , green economy , diritti civili , ecc.. (populismo puro) , spieghi invece come riesce a fare queste cose , presenti delle proposte vere per realizzarli ; sono 20 anni che si sentono queste chiacchere da bar.
    Comunque vedo che nel Pd la corsa alla poltrona è lo sport più praticato. Complimenti!!

  3. Scritto da gigio

    Renzi sta alla sinistra come i monti Apalacchi all’Hindukusch, non centra nulla.
    Liberista radicale, democristiano politicamente, amministratore mediocre e spregiudicato nelle alleanze (lo vedono spesso sulla via di Arcore).
    A certo poi è anche giovane…… ma di cosa stiamo parlando?

  4. Scritto da Alberto

    Con tutti i problemi che dovrebbero essere affrontati, la classe politica s’interessa del proprio orticello: “primarie”, “sovvenzioni pubbliche”,” rottamazione” ( dei vecchi ). Intanto si sono dimenticati delle solenni promesse fatte: devolvere l’ultima tranche del “contributo elettorale” ai terremotati, cambiare la Legge elettorale, ridurrsi gli stipendi ( record in Europa).. Poi si lamentano che gli elettori guardano a Grillo come “ultima spiaggia”! I signori seduti in Parlamento sarebbero mtutti da “rottamare”.

  5. Scritto da in processione

    insomma le uniche 2 categorie rimaste della politica sono la giovinezza ( dato oggettivo) e la presunta bravura ( dato direi soggettivo) per il resto: quello che uno fa, la doppiezza della sua politica, le amicizie destrorse, l’ipocrisia, non contano nulla. Signori tutti ad Arcore in processione con il caro Renzi.

  6. Scritto da roberta

    Vedo che anche Bergamonews, per molti versi testata ottima, in questo caso ha deciso di seguire la via più comoda e di accodarsi alla strategia generale che tutti i media a livello nazionale hanno ormai adottato: cercare di seminare zizzania nel principale partito italiano, spettegolando in modo pruriginoso sul gossip interno e “dimenticandosi” casualmente di dare risalto alle iniziative politiche da esso organizzate. Va beh, portiam pazienza. Prima o poi ci sarà qualche altro argomento “di moda”.

    1. Scritto da Daniela

      Roberta…cosa stai dicendo…???Io ho visto i commenti su facebook:hanno fatto tutto vertova,rossi e saponaro.
      Bergamonews ha semplicemente riportato quanto io e tantissime altre persone hanno visto; si chiama dovere di cronaca.
      La zizzania la seminano con maggior bravura i quadri del pd (visto che rossi e saponaro fino a poco tempo fa,erano membri della segreteria del pd); stiamo vedendo con disgusto e rammarico le ultime beghe di un partito oramai al tramonto, questa è la verità.

      1. Scritto da roberta

        Cioè, fammi capire: tre persone (che evidentemente hanno molto tempo libero a disposizione) ciarlano fra loro su facebook, e questo fa diventare il loro scambio un “argomento di cronaca”? No, mia cara Daniela: il dovere di cronaca è inseguire le notizie, non i pettegolezzi e i pruriti. Scambiati, fra l’altro, tra persone delle quali una non è nemmeno iscritta al PD.

  7. Scritto da Luca

    W Matteo Rossi!

  8. Scritto da nino cortesi

    Crollata la destra per continuare a fare i vampiri bisogna imbrogliare a sinistra. Ecco Renzi il mascherato e Bersani il “nulla è servito!”.
    In Italia due soli partiti ormai “quelli con la legge” (Di Pietro) e “quelli che vogliono rubare sulla pubblica piazza, magari a Porta Nuova” (gli altri).

  9. Scritto da giovanna

    GIOVANE RIBELLE? Ma se questo qui è il top della democristianità, cosa centra l’eta valutiamo contenuti e Renzi appartiene al pleistocene politicamente parlando.

  10. Scritto da La verità fa male

    Signori, inutile girarci intorno, questa è l’Italia. A sinistra emerge (o almeno prova a emergere) un candidato giovane e bravo supportato da un gruppo di candidati giovani che vogliono semplicemente un ricambio generazionale e succede che 1) le vecchie cariatidi che occupano poltrone pubbliche da prima del crollo del Muro di Berlino (parlo dei vari Bersani, D’Alema, Bindi ecc…) si coalizzano e sparano a zero sul giovane, bollandolo come “berlusconiano” 2) si aggiunge un’altra cariatide della politica, il super trasformista Casini, il quale propone un’ammucchiata cattosinistra retrograda e stravecchia SEL-PD-UDC pur di spazzare via il giovane ribelle

    1. Scritto da massimiliano ratti

      Grazie per l’aiuto: Renzi guarda caso gode dell’appoggio di Burlesqueoniani e Storaciani come questo signore.
      Se questo è il nuovo, mi tengo il vecchio