BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riforma del lavoro La Cgil dal Prefetto “No alla fiducia sul Ddl”

Dopo la richiesta di fiducia alla Camera sul Ddl Lavoro, il 27 giugno la Cgil di Bergamo si recherà dal Prefetto per consegnare una lettera di denuncia.

Più informazioni su

Mercoledì 27 giugno alla Camera si voterà sul DDL Lavoro e la Cgil di Bergamo, il giorno stesso, invierà una propria delegazione in Prefettura per consegnare una lettera di denuncia dell’ennesima richiesta di fiducia alla Camera per l’approvazione della riforma del lavoro.

 

Quattro “fiducie” su altrettanti articoli della riforma del lavoro, già approvata dal Senato: il DDL lavoro è approdato nell’aula della Camera dove il voto finale sul provvedimento è previsto per il 27 giugno. In vista del voto sul DDL Lavoro, la CGIL di Bergamo si mobilita e, proprio mercoledì, invierà una delegazione dal Prefetto.

“Dopo lo sciopero generale di quattro ore che ha visto a Bergamo la sola CGIL incrociare le braccia il 14 maggio e dopo il nostro presidio fuori dalla Prefettura di via Tasso in protesta contro il voto di fiducia del DDL al Senato, una delegazione della CGIL di Bergamo si recherà il 27 giugno dal Prefetto per consegnare una lettera di denuncia dell’ennesima richiesta di fiducia alla Camera per l’approvazione della riforma del lavoro” ha detto oggi Luigi Bresciani, segretario generale provinciale della CGIL. “ Il DDL è un provvedimento iniquo che non aumenterà l’occupazione dei giovani e non contrasta il fenomeno della precarietà. Porre la fiducia sul DDL è un ricatto, l’ennesimo, ai danni dei lavoratori e non farà altro che peggiorare le condizioni di migliaia di persone”.

Di seguito, il testo integrale della lettera che sarà presentata mercoledì in Prefettura:

“Il DDL sul mercato del lavoro è un provvedimento iniquo e inadeguato, che non migliora la qualità del lavoro nel nostro Paese e non aumenterà l’occupazione soprattutto per i giovani. Il DDL riduce gli ammortizzatori sociali e non universalizza le tutele in caso di perdita del lavoro, aumenta il contributo a carico dei precari e non dà loro maggiori tutele, rende legittime le finte partite Iva con soli 700 euro al mese, un limite bassissimo che facilita l’abuso di questo strumento.

Serve invece un DDL che riduca le 46 forme contrattuali, servono regole chiare per impedire gli stage truffa e l’uso improprio dei contratti atipici. Serve un serio contrasto alla precarietà del lavoro, politiche attive del lavoro efficaci e finalizzate ad una occupazione stabile e tutelata, un diritto del lavoro che renda più certa ed esigibile la tutela contro i licenziamenti illegittimi. Serve soprattutto un vero piano di crescita del Paese che promuova la buona occupazione. Porre la fiducia sul DDL è l’ennesimo ricatto perpetrato ai danni dei lavoratori e non servirà a nulla se non a peggiorare le condizioni di migliaia di lavoratrici e lavoratori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ettore

    A furia di eccessi e storture sul diritto del lavoro tra poco ne resteranno soltanto le macerie. Anche per la mancata capacità di riformarsi del sindacato, i suoi estremismi e la pochezza della sua forza contrattuale. E lo dice uno che ha sempre votato a sinistra