BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Afghanistan, ferito alla gambe militare bergamasco Nell’attentato muore carabiniere 29enne

I feriti sono il maresciallo capo Dario Cristinelli, 37 anni, originario di Castro e il carabiniere scelto Emilano Asta, 29, di Alcamo (Trapani), effettivi alla seconda Brigata mobile di Livorno e al 7/o Reggimento Trentino Alto Adige. La vittima è il carabiniere scelto Manuele Braj.

Più informazioni su

Un attentato, lunedì mattina, ha ucciso un carabiniere e ne ha feriti altri due in Afghanistan. I feriti sono il maresciallo capo Dario Cristinelli, 37 anni, originario di Castro e il carabiniere scelto Emilano Asta, 29, di Alcamo (Trapani), effettivi alla seconda Brigata mobile di Livorno e al 7/o Reggimento Trentino Alto Adige. La vittima è il carabiniere scelto Manuele Braj.

Entrambi i feriti sono stati subito soccorsi e trasportati all’ospedale di Shindand per delle ferite alle gambe.

L’attentato si sarebbe consumato intorno alle 9 (le 6.30 in Italia) mentre i tre militari italiani erano di guardia in prossimità di una garitta di osservazione che si troverebbe a ridosso della linea di tiro del poligono della base italiana. L’esplosione che ha ucciso il carabiniere Braj ha coinvolto anche quattro militari dell’Arma appartenenti al PSTT (Police Speciality Training Team), uno speciale nucleo addestrativo della polizia afghana.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da 081

    :-(((

  2. Scritto da mario59

    A casa tutti al più presto……non avrebbero dovuto nemmeno mandarceli i militari in Afghanistan.
    Ma si sa per compiacere gli americani, questo e altro….
    Trattasi niente meno che dell’ennesima guerra assurda innescata con il pretesto di esportare la democrazia e con lo scopo di mettere le mani sulle risorse petrolifere di quei paesi, per non parlare degli interessi dei fabbricanti di armi.
    Ripeto …Italiani a casa subito…abbiamo già perso anche fin troppe vite, tempo e denaro.