BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cassano e Balotelli stendono l’Irlanda: l’Italia è qualificata fotogallery video

La Nazionale supera la squadra del Trap grazie ai suoi due uomini simbolo e con la vittoria della Spagna sulla Croazia raggiunge i quarti di finale. Gli Azzurri giocheranno domenica a Kiev contro una tra Francia, Inghilterra e Ucraina.

Più informazioni su

Niente biscotto tra Spagna e Croazia. Ma soprattutto l’Italia stende l’Irlanda grazie a Cassano e Balotelli e raggiunge i tanto attesi quarti di finale. Vittoria doveva essere e vittoria è stata, anche se non delle migliori. E’ una squadra azzurra timorosa quella che a Poznan affronta i giganti verdi di Trapattoni, già fuori dagli Europei ma per nulla intenzionati a concedere sconti. Prandelli chiede frutti alle novità messe in campo, con il passaggio dal 3-5-2 al 4-3-1-2, e il ritorno al vecchio rombo. Balzaretti e Abate provano a spingere sulle fasce, e là davanti Cassano e Di Natale provano a farsi notare.

Lo stesso Totò prova il guizzo alla mezzora, con una conclusione da posizione defilata e Given battuto, ma l’onnipresente St Ledger intercetta il pallone. Azzurri più fortunati quattro minuti dopo: calcio d’angolo di Pirlo e il piccolo Cassano anticipa di testa i colossi irlandesi: 1-0. Apoteosi azzurra, anche perché dall’altro campo Spagna e Croazia sono ferme sullo 0-0 e, con questo risultato, l’Italia sarebbe addirittura prima.

La ripresa, però, vede un’Irlanda ancora più intraprendente, con Prandelli che perde anche Chiellini per un infortunio muscolare. L’Italia soffre, e non poco, le avanzate dei verdi. Così il ct azzurro butta nella mischia Balotelli per un Di Natale sottotono. Super Mario si fa notare subito, con una tentata gomitata su Dunne. Per fortuna ha anche i numeri per stupire con le giocate e, poco dopo la notizia del vantaggio spagnolo con Navas, arriva il raddoppio azzurro. E’ un pezzo di bravura quello di Balotelli che in semirovesciata scarica la sua rabbia dentro la porta difesa da Given. 

La partita finisce e gli sguardi dei giocatori si proiettano nel maxi schermo dove scorrono le immagini di Spagna-Croazia. La Spagna regge e consegna i quarti di finale all’Italia, come aveva fatto l’Olanda quattro anni fa. Ora gli azzurri torneranno in campo domenica contro la prima del girone D, una tra Francia, Inghilterra e Ucraina. Possibilmente con uno spirito, e un gioco, diverso. Ma per almeno un giorno si fa festa. Senza biscotti, però: meglio qualche cornetto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da PINCOPALLINO

    WIVA L’ITALIA

  2. Scritto da Corrado

    Non capisco come mai Prandelli abbia preferito Diamanti a Peluso, e questo errore lo abbiamo visto ieri, dove Diamanti ha dimostrato di non essere certo un giocatore da nazionale. Grave errore che nel prosequo delle gare si pagherà, perchè abbiamo un ricambio in meno.
    Speriamo nella buona stella di Prandelli.

    1. Scritto da luca

      Diamanti è un trequartista, Peluso un terzino o comunque uomo di fascia

      forse potevi dire che si poteva dire di portare il buon Peluso al posto di giaccherini o abate per esempio

  3. Scritto da nino cortesi

    E’ un’ Italia bolsa in mezzo al campo e con i due laterali di difesa troppo scarsi tecnicamente. Diamanti giochicchia tecnicamente ma non è da nazionale. Montolivo dorme sonni profondi. Oltre a Balotelli, vero ariete della squadra, penso che serva vedere al più presto in campo Nocerino e Giovinco. Altrimenti ci spediscono subito a casa. Magari avesse convocato Peluso e Schelotto.