BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Roma ci blocca 99 milioni: siamo costretti a vendere gli immobili pubblici”

Strade marciapiedi, impianti sportivi, parchi, immobili istituzionali: per mantenere e valorizzare questi beni l'amministrazione comunale è pronta a sacrificare altri immobili pubblici. E' stato approvato dal Consiglio comunale il piano delle alienazioni.

Più informazioni su

Strade marciapiedi, impianti sportivi, parchi, immobili istituzionali: per mantenere e valorizzare questi beni l’amministrazione comunale è pronta a sacrificare altri immobili pubblici. E’ stato approvato dal Consiglio comunale il piano delle alienazioni inserito nel bilancio preventivo 2012. C’è anche casa Suardi in piazza Vecchia, ex sede dell’università, per la cui salvaguardia un anno fa è stata promossa una raccolta firme sottoscritta da oltre quattromila cittadini. Il sindaco Franco Tentorio ha ribadito la necessità di fare cassa per realizzare nuove opere e programmare manutenzioni a quelle esistenti. Il tutto senza rinunciare alle azioni Sacbo, società che gestisce l’aeroporto di Orio al Serio. “Abbiamo bisogno di trovare 25 milioni – spiega il primo cittadino – perché 6 vanno dati a Roma, 10 sono di nuove opere, 9 per le manutenzioni straordinarie, che non possono essere ridotte a livelli fisiologici. Non ci sono molte alternativa alla vendita di beni, anche Città Alta: se il patto di stabilità allenterà le maglie coglieremo l’occasione e non ci priveremo di quel palazzo”. Sacbo invece non si tocca. “Sarebbe una vendita poco opportuna. Se si esce da Sacbo si perde la presenza nella più grossa impresa della provincia di Bergamo. Si perde voce in capitolo, pur limitata, in consiglio di amministrazione. E’ impensabile non incidere più nelle scelte strategiche. Abbiamo 99 milioni bloccati a Roma. La nostra richiesta è che ce ne lascino usare almeno un po’, perché non possiamo sacrificare i diritti dei nostri cittadini. Mi auguro che questa richiesta ragionevole venga ascoltata, altrimenti di questo passo possiamo appena far fronte al patto di stabilità 2012 e 2013”.

L’amministrazione comunale ha anche deciso di cedere altri milioni di azioni di A2A, scelta figlia delle quotazioni bassissime dei titoli. Il Comune metterà sul mercato sette milioni subito e tre solo in caso di estrema necessità: la ripartizione è stata proposta dall’opposizione e accettata in primis dal sindaco. La proposta della Giunta era di vendere 10 milioni subito. “Suggeriamo una particolare attenzione prima di procedere all’alienazione – spiega Roberto Bruni, Lista Bruni – in relazione al fatto di valutare bene anche il trend borsistico e cercare di arrivare alla dismissione solo se strettamente necessario”. “E’ una scelta doverosa perché il momento lo richiede – risponde Tentorio -. Se gli uffici finanziari nei prossimi mesi manifesteranno il problema legato allo sforamento del patto di stabilità saremo costretti a vendere”. “Ora è più importante proseguire nei cantieri e dare ossigeno alle aziende bergamasche – gli fa eco l’assessore al Bilancio Enrico Facoetti – Non ci sembrava corretto non investire, abbiamo preferito questa strada piuttosto che stare fermi”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rota bruno

    solo il M5S ci può salvare da questi “esperti in politica” tanto cosa possiamo perdere ancora che non ci abbiano già tolto? se lasciamo fare a loro sanno solo portarci via quel poco che ci resta, chi li difende è perchè hanno troppi interessi legati a loro………..

    1. Scritto da Renato

      Si, come a Parma. Ma non fateci ridere. Ci fate piangere.

  2. Scritto da leo cat

    Ho visto Piazza Vittorio Veneto transennata e inagibile, proprio dove è stata eretta la tribuna x il giuramento dei cadetti della finanza, un mese fa. Se ci fosse un nesso di causa ed effetto tra le due cose, credo si dovrebbero stabilire le responsabilità e addebitare i danni ai responsabili, non ai cittadini. O l’impresa incaricata ha lavorato male, non ripartendo correttamente il carico, o i politici in tribuna erano troppi, e troppo pesanti. Inutile vendere i gioielli di famiglia, se poi si distrugge x incompetenza quello che si ha. O è responsabilità del sindaco e dei tecnici del comune, o dell’impresa. Paghino o gli uni o gli altri.

  3. Scritto da MAURIZIO

    A Parma il debito ufficiale era 600 milioni di euro. Peccato che non avevano messo in conto i piccoli debitucci delle società partecipate dai politici comunali le quali, a causa di questo destino particolarmente crudele, sono di solito sgangherate e piene di sapientoni nullafacenti con tanto di laurea e di ruolo. Morale, il debito è 1.110 e passa milioni di euro. Figuriamoci quindi se dobbiamo fidarci dei Tentorio e accettaare per buono il debito ufficiale di comune di Bergamo. Poi osano dare la colpa di patti di stabilità che gli impediscono di fare rotonde, palazzine per la famigerata asl, l’immacabile auditorium per spettacolini che il mondo della cultura invidia e deliziose aiuole.

  4. Scritto da MAURIZIO

    Non la vogliono proprio capire questi sindaci leghisti, del pdl o pd. Nulla da fare. L’Italia ha 2.000 MILIARDI di euro di debito che generano, OGNI ANNO che Dio manda in terra, circa 100 MILIARDI di interessi. Questo semplice fatto blocca i soldini di Bergamo, di Cuneo o di Caltanessetta. Ah, ma forse Bergamo non fda parte della nazione Italia. Comunque, da quanto il Comune dice (bisogna vedere se è vero. Secondo me, no!) il Municipio ha un debito di 10 milioni di euro. Avranno conteggiato i fantastici bilanci delle Spa pubbliche, chiamate dai soliti sgrammaticati multiutilities per darsi un tono, gestite da politici con la pancia, la fame atavica e il masterino d’obbligo? Chissà.

  5. Scritto da edo

    Basta vivere nelle favole, i soldi da qc parte bisogna prenderli. Sì alla vendita se serve x garantire i servizi

    1. Scritto da Però !

      Spero tu non sia un amministratore , garantisci i servizi (spesa corrente che c’è tutti gli anni) vendendo il patrimonio (che dopo non c’è più). Complimenti, capisci adesso perchè andiamo a rotoli ?

      1. Scritto da arpaleni

        perchè non rimettono i parchimetri davanti ai riuniti anzichè PAGARE dei parcheggiatori (che sicuramente costano molto,
        ma molto, ma molto più di 3 macchinette) ??
        nei 2 anni che ancora gli restano allo “sgoverno” della città, costoro la manderanno sicuramente a p. (come hanno cercato
        di fare i loro compagni di merende a roma con il resto del paese).

      2. Scritto da Brao brao

        Quei servizi e quelle opere che quando non vengono erogati o fatti portano la gente a lamentarsi….

  6. Scritto da Giova

    Tutti bravi a lamentarsi se si vuole vendere ma poi pretendono servizi e opere pubbliche . I soldi li tirate fuori voi? Volete la botte piena e la moglie ubriaca ..

    1. Scritto da Mannaggia

      Giova, non farmi bestemmiare che poi vado all’inferno : i soldi li abbiamo GIA’ tirati fuori NOI. Stringere la cinghia, dimagrire, please.

  7. Scritto da luc

    svendere con la consapevolezza che l’elettorato non vi voterà, questi sono gli ultimi affari amministrativi di un ceto politico in declino. amen, amen, amen ;)

    1. Scritto da Pablo

      forse tu non li voterai, ma tanta gente sì..me compreso

      1. Scritto da WWF

        Allora dobbiamo proteggerti !! (però se eviti di riprodurti è meglio ….. )

  8. Scritto da Z

    Così dopo in bilancio al posto di un patrimonio che si chiama casa suardi ci metterete qualche anonimo pezzo di cemento “perchè non si può stare fermi” ? Perchè di questo si tratta in quanto vendere il gioiello di famiglia per pagare interventi in spesa corrente sarebbe inconcepibile. Tirare un pò di cinghia no ?

    1. Scritto da S

      Quando si tira la cinghia, non va bene e ci si lamenta. Quando si votano le imposte, non va bene e ci si lamenta. Quando si vende patrimonio improduttivo, non va bene e ci si lamenta. Ogni scusa è buona per protestare ormai…

      1. Scritto da Z

        Non divaghi, ho detto di tirare la cinghia. Ed è vero il contrario : ogni scusa è buona per non farlo.

  9. Scritto da Sergio

    Roma ci blocca? Certo; quando al Governo c’era la Lega ladrona con la Destra del bunga bunga…A oroi doppi e tripli vitalizi e stipendi e a noi ci vengono a dire “PADRONI A CASA NOSTRA” mentre ci svendono la terra sotto i piedi o ci tolgono le panchine in piazza per sederci come disoccupati..Bel traguardo: grazie Lega..Grazie pidiellini..

    1. Scritto da Ghandi

      E adesso con i professori ed il PD come si sta? Stanno bene gli esodati? Ed i marò in India? Meno male che l’Italia con Monti doveva essere più equa e con maggior peso internazionale. Ma smettetela, per favore!

      1. Scritto da Renzo

        Avendo VOI riempito l’italia di disastrosi debiti e problemi si fa quel che si può , comunque se vuoi dichiarare guerra all’india per i marò fai pure. Comunque , se Monti riesce a farci portar fuori le penne dal vs disastro , tu e le tue tasche dovrebbero baciare dove passa !

        1. Scritto da b@ciare o sput@re?

          Ma come diceva qualcuno tempo fa, hai visto il trend dello spread, oggi, dopo sei mesi di cura del finanziere Monti? Gli economisti stimano che i derivati tossici, emessi dalle banche, nel complesso assommino ad una cifra compresa tra le 9 e le 16 volte il prodotto interno lordo mondiale. Questo significa che gli stati, TUTTI, sono già falliti, USA e Giappone compresi. Manca solo di prenderne atto. A meno di riprendere in mano il ns. futuro nazionazzando le banche, ripristinando la supremazia di una buona politica sulle scommesse indecenti e folli dei finanzieri. Usiamo i finanzieri per colmare il baratro che loro stessi hanno aperto!

        2. Scritto da Renato

          Se Monti …. Un’altro che crede alle favole.

  10. Scritto da artic

    Cosa succederebbe a Bergamo se Bergamo usasse almeno una parte di questi 99.000.000 in barba sl patto di stablità? mi chiarite la cosa per cortesia? Tutti i farmaci hanno anche controindicazioni spesso pesanti, ma si valutano i pro e i contro………

    1. Scritto da xxx

      Uscire dal patto comporta meno trasferimenti statali al Comune per il finanziamento dei servizi. Se si esce dal patto, per mantenere lo stesso numero di asili semigratuiti, biblioteche gratuite, centri anziani gratuiti e ludoteche gratuite oggi offerte dal comune, bisognerà aumentare l’addizionale IRPEF ed IMU sulle prime case.

      1. Scritto da Mirko Isnenghi

        Non è vero! Questo è quello che ci fanno credere: Basterebbe evitare sprechi quali consulenze esterne, Direttori generali del Comune a 130,000 euro che posso essere non assunti, dimezzare il numero di assessori ecc….

        1. Scritto da Fausto

          Non arrivi ai milioni di Euro necessari per far fronte ai tagli derivanti da sforamento del patto. E comunque, se si può ridurre la spesa, è meglio farlo prima di sforare il patto, non credi? Almeno non subiremmo la sanzione del taglio dei trasferimenti erarariali….

  11. Scritto da gigi

    vendere o regalare ? a qalche amico o parente ? sono tutti capaci di svendere il patrimonio di noi cittadini ma dopo che ci resta ? tagli ai politici subito ! smettetela di prenderci in giro !! non vi tolleriamo + !!!!

    1. Scritto da topo gigio

      Scusa ma chi evade, sottraendo risorse pubbliche? Gli italiani o i politici? Chi ha voluto mantenere la gestione dell’acqua sotto il controllo delle società pubbliche e della politica? Gli italiani o i politici? Prenditela con te stesso…

      1. Scritto da gigi

        topolino tu sei uno di quelli che tira in ballo di tutto e si perde in chiacchiere. ma già che ci siamo, gli evasori meritano la galera, ma tanta galera e perche devo prendermela con me stesso ? i politici hanno studiato un sistema nel quale i cittadini contano zero, loro si fanno le liste e perciò……speriamo che grillo li faccia saltare tutti ed io non vedo l’ora di andare a votare per chi mi garantisca l’eliminazione dei vari casini, rutelli alfano bersani tutta gente che ci ha rovinato

        1. Scritto da Urka

          Gigi , non fare confusione , questi sono stati 10 anni di governo di Berlusconi e Bossi . Vedo che non citi i nomi per cui te li riscrivo in maiuscolo : BERLUSCONI e BOSSI. Se tu li ha votati (dalla mancata citazione temo di sì) sei tra i responsabili perchè responsabile è chi governa, sei anche responsabile di avermi fatto togliere i diritto di scegliere la persona da votare ! epperlamiseria !

  12. Scritto da Tuditanus

    Non è meglio se si dimette?

    1. Scritto da paola

      per quale motivo dovrebbe dimettersi? perchè il comune non ha soldi a causa del governo centrale e a causa di una crisi di livello mondiale? Non mi sembra che questa “colpa” sia da attribuire a Tentorio… Inoltre, ben venga se si vendono delle proprietà sfitte che comunque sono un costo di gestione per il comune e resterebbero a fare muffa per x anni per poter offrire a Bergamo nuove infrastrutture e servizi che si utilizzano e che servono urgentemente.