BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ora Pirovano passi dalla politica degli annunci a quella dei fatti”

Proposte concrete, per dare una svolta al bilancio della Provincia di Bergamo. Il Partito democratico prova a dare qualche consiglio al presidente Ettore Pirovano e alla sua Giunta: sette punti precisi con i quali sfida la maggioranza.

Più informazioni su

Proposte concrete, per dare una svolta al bilancio della Provincia di Bergamo. Il Partito democratico prova a dare qualche consiglio al presidente Ettore Pirovano e alla sua Giunta: sette punti precisi con i quali sfida la maggioranza sul piano degli interventi in favore del territorio. Le proposte consistono nel destinare i contributi che la Rea versa alla Provincia per opere di compensazione ambientale condivise con i Comuni, costituire un fondo di investimento per interventi di housing sociale, destinare gli 800 mila euro previsti per la realizzazione del padiglione Expo alla manutenzione delle strade provinciali, prevedere con la società Teb l’aggiornamento dello studio di fattibilità dell’utilizzo metropolitano della tratta ferroviaria Ponte-Albano, individuare aree indistruali e artigianali da potenziare dal punto di vista delle infrastrutture tecnologiche, i servizi all’impresa, la riqualificazione ambientale e l’accesso ai finanziamenti comunitari, prevedere 65 mila euro di contributi ai piccoli Comuni per aiutali ad adottare il piano di governo del territorio e destinare 100 mila euro alla promozione di Porta Sud. “Da quando Pirovano ha abbandonato l’incarico a Roma ci sembra che stia utilizzando la Provincia come strumento di propaganda anti governativa – spiega il consigliere provinciale Matteo Rossi – per esempio sullo sforamento del patto di stabilità sono stati fatti annunci demagogici. Che cosa ritiene di tagliare l’anno prossimo per l’eventuale sforamento? Se volesse potrebbe risparmiare sulle funzioni doppie date ad alcuni suoi assessori”. Mirosa Servidati parla di “ordinaria amministrazione da parte della maggioranza. Si continua con la politica degli annunci, manca invece la programmazione e prospettiva in un periodo di crisi in cui dovrebbe essere la creatività ad emergere. Sui grandi temi infrastrutturali è tutto fermo, questa amministrazione deve tornare a fare politica dei fatti”. Il segretario provinciale del Pd Gabriele Riva accusa Pirovano e i suoi assessori di aver lasciato soli gli enti locali. “La Provincia dovrebbe essere un’istituzione che faccia da coordinamento territoriale, che sappia promuovere scelte strategiche per il territorio – commenta – invece non è così. Noi potremmo fare opposizione pregiudiziale, per esempio spargere sale sui rapporti tra Lega Nord e Pdl, invece vogliamo fare proposte concrete”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuan de ghisa

    Meglio che non faccia niente altrimenti combina altri guai.
    E i guai poi costano e sono a carico della comunità.

  2. Scritto da Pavlov

    E perché mai dovrebbero rinunciare alla politica degli annunci?
    In questi 20 anni gli italiani a ogni “sparata” li hanno rincompensati con più potere, più ossequi, più soldi, una casa più grande, una macchina più grande, un parente in più da poter sistemare, etc., etc.
    Ormai l’hanno cablato nel cervello che la politica si fa “sparandole” e non “realizzando”.
    Come i cani di Pavlov a un certo punto avevano cablato nel cervello che quando suonava il campanello poco dopo arrivava la carne e cominciavano a salivare.
    Se cambiano gli italiani poi cambieranno anche i politici.
    Ma cambieranno nel senso che “saranno altri”, non che “modificheranno i loro comportamenti quelli attuali”.

  3. Scritto da Tuditanus

    Il problema non è solo che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Il problema è che tra il fare bene ed il finire a fare male, anzi malissimo, c’è di mezzo un’autostrada a scorrimento veloce, ad esempio la assurda Bergamo-Treviglio.