BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ferreira Pinto amaro: “Meritavo più spazio, ma ora voglio restare”

Il brasiliano si sfoga su Bergamonews: "Perché hanno dato tanto spazio ad un giocatore preso in prestito e nemmeno riscattato? Qualche chance dovevano darla pure a me. Il mio futuro? Sono legato a questa maglia, vorrei restare a Bergamo".

Più informazioni su

Tanta amarezza per una stagione trascorsa più tra panchina e tribuna che in campo sulla sua fascia, ma anche tanta voglia di mettersi tutto alle spalle “perché sette anni passati con la maglia nerazzurra addosso valgono più di qualsiasi altra cosa”. Parola di Adriano Ferreira Pinto. Il brasiliano torna a parlare dopo il fattaccio che l’ha visto protagonista lo scorso 29 aprile quando, invece di festeggiare insieme ai compagni la matematica conquista della salvezza, si è avviato verso gli spogliatoi senza fermarsi nemmeno davanti ai richiami di Marino che, infuriato, l’ha fatto multare: “In quell’occasione – spiega a Bergamonews Ferreira Pinto – mi sono girati i classici cinque minuti e non ho ragionato su quello che stavo facendo. Ma ho già chiesto scusa a tutti, so bene che non mi dovevo comportare così”.

Ha parlato col presidente?

“Certo, è stato il primo a ricevere le mie scuse perché non si meritava questo comportamento. Lui che, nonostante l’infortunio dal quale stavo recuperando, due anni fa non ci ha pensato molto a rinnovarmi il contratto. Gliene sono grato e questo lo sa”.

Con Marino ha chiarito?

“Ho portato anche a lui le mie scuse spiegandogli il mio stato d’animo per quell’ennesima esclusione. Poi non so cosa pensi oggi il direttore di me. Quel che è certo è che io, quando l’ho contattato per scusarmi, sono stato sincero”.

E con i compagni?

“Con i compagni è tutto apposto. A loro quel giorno non ho mancato di rispetto uscendo dal campo”.

Se potesse tornare indietro rifarebbe quello che ha fatto?

“No, assolutamente. Anche se conosco il mio carattere e so che ero troppo arrabbiato per poter riflettere al meglio su quelle che potevano essere le conseguenze di quel mio gesto”.

Cosa l’ha fatta tanto arrabbiare?

“Il fatto che non venivo più considerato: piuttosto che dare spazio a me è stato preso a gennaio un giocatore in prestito che poi, nonostante abbia avuto le sue chance, non è nemmeno stato riconfermato. Questa cosa non l’ho capita e quel giorno, dopo la vittoria sulla Fiorentina, è esplosa tutta la mia rabbia”.

Contro la Fiorentina voleva sostituire Schelotto al posto di Carrozza, giusto?

“Esatto. E credo che me lo meritassi anche quel posto. Quest’anno non ho avuto occasioni di mettermi in mostra e, dopo quello che ho passato, penso non sia stato giusto nei miei confronti”.

Non pensa che i tifosi possano avercela con lei per quel gesto? La festa, dopo tutto, era anche per loro…

“No, non credo che i tifosi ce l’abbiano con me, anche perché io, quel giorno, sono uscito salutandoli come ho sempre fatto. E il rapporto che mi lega a loro è sempre stato splendido, non vedo perché le cose debbano cambiare per quella mia uscita”.

Il suo futuro sarà lontano da Bergamo?

“Non lo so, è ancora presto per dire cosa farò l’anno prossimo. Ora sono in Brasile e sto solo pensando a godermi queste vacanze”.

La sua speranza è di restare in nerazzurro?

“Certo. Come detto, sette anni passati con questa maglia e con questi tifosi non sono briciole e ora non voglio voltare le spalle a nessuno. Io a questa città sono molto legato, cosa che ho scritto anche nel mio libro, e non me ne voglio andare così”.

Sappiamo che il Lanciano, squadra che l’ha lanciata nel calcio italiano nel 2001, la rivorrebbe per rinforzarsi dopo la promozione in Serie B: non ci farebbe un pensierino?

“In Italia c’è il mio procuratore che ancora non mi ha fatto sapere nulla. Per ora resto un giocatore dell’Atalanta e sono felice di esserlo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    L’unico suo neo è che la ripresa dall’infortunio l’ha presa un po’ con troppa flemma. Nelle ultime due partite in cui è stato impiegato ha però dimostrato di esserci. Ed ha perfettamente ragione per il fatto che non l’hanno fatto giocare nelle ultime due partite. Adesso che sta bene è assurdo non confermarlo. E’ un buon giocatore, persona corretta e seria. E’ da Atalanta, vediamolo sino a gennaio. Penso che non ci sarà più flemma nel suo modo di giocare, l’ha capito.

  2. Scritto da digeo

    Il Pinto che abbiamo visto prima dell’infortunio del 2009 era un eccellente giocatore, meglio di schelotto secondo me. Poi però non si è più ripreso. Nell’anno della retrocessione ha giocato maluccio la seconda parte di campionato e nell’anno di B si è rifatto male. L’estate scorsa si è rifatto male in ritiro precampionato e,quando è rientrato, ha avuto davanti uno schelotto insostituibile quest’anno. Credo che, anche in caso di cessione di schelotto, sia davvero un rischio puntare su di lui come titolare il prossimo anno.

  3. Scritto da Francesco

    Grazie per quello che ha fatto, all’epoca di Del Neri, perchè poi è andato in calando fino ad arrivare ad un livello non da serie A. Invece di ringraziare la società che gli ha rinnovato il contratto anche se era molto infortunato sta facendo scenette da teenager… La porta è aperta, se vuoi giocare scendi di categoria. Non sei più da Atalanta

  4. Scritto da marco

    Ferreira Pinto è un grande giocatore e un grande Uomo di carattere. In mezzo ad un mondo pieno di voltagabbana e di gente che vende le partite per 4 bruscolini, un applauso a lui. Che rimane, con tutto il rispetto per ki la pensa diversamente, un ottimo giocatore. Ricordandoci, tutti, oltre al suo grave infortunio, la sua passione, la grinta, la tecnica, il coraggio, l’umiltà, l’amore per i colori neroazzurri.

  5. Scritto da Ale

    Pienamente d’accordo con Mitar1!!!! Poi se un giocatore cerca più spazio e dove è non glielo danno…..la porta è aperta!!!!!! Non capisco perchè si lamenta e poi vuole restare. E poi in una partita importante come quella con la Fiorentina, non si può mettere in campo un giocatore che gioca poco o niente e che quando gioca spesso delude!!!!!!!

  6. Scritto da ....:-) ......

    io spero che Adriano resti all Atalanta. Quest’ anno sono certo che tornera’ piu’ forte di prima,la cattiveria agonistica non gli manca,nel suo ruolo e’ un grande…FORZA PINTO MOLA MIA!!!

  7. Scritto da Mitar1

    E’ 2 anni che Pinto é inguardabile…. Grazie per le prime 3 stagioni e arrivederci!