BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Schiuma nelle rogge di Spirano, i Comuni devono vigilare”

Pubblichiamo il comunicato di Legambiente della Bassa Bergamasca che segnala un episodio di inquinamento delle rogge a Spirano, colme di schiuma.

Pubblichiamo il comunicato di Legambiente della Bassa Bergamasca che segnala un episodio di inquinamento delle rogge a Spirano, colme di schiuma.

Nuovo episodio d’inquinamento nelle rogge di Spirano . Lunedì sera su segnalazioni di alcuni cittadini, i nostri volontari usciti per un sopralluogo notavano , verso le 17, la presenza di schiuma e di un’acqua verde – grigiastra su tutto il tracciato di alcune rogge da nord al sud del paese . Al fontanile delle Montagnete alle ore 19 l’acqua della roggia era ancora piena di schiuma. A questo punto abbiamo avvisato la polizia provinciale , che arrivata sul posto ha allertato ARPA. Anche l’Amministrazione di Spirano è stata allertata . L’inquinamento ha probabilmente origine nella zona industriale di Urgnano . La polizia provinciale ha fotografato il tutto e redigerà un verbale sull’accaduto ; nel frattempo dopo le 21,30 circa al momento del prelievo Arpa l’acqua iniziava a d essere piu’ trasparente e meno schiumosa . Preoccupa il ripetersi di questi episodi. Chiediamo una maggiore attenzione da parte della Provincia , di ARPA e del Comune di Spirano e dei Comuni vicini . Le origini e le cause di questi inquinamenti sono spesso note , ma non si interviene per rimuoverle e mettere in sicurezza il sistema delle rogge .

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tawuanda

    Sig. Sindaco Malanchini, rispondo alle sue affermazioni che ha rilasciato ai vari giornali locali per l’eposodio della roggia inquinata di Spirano, gentilmente mi spieghi perche’ non dice mai …che l’assesore all’ecologia / vicesindaco ,e, un’altro’ giovanotto coi capelli rossicci erano sul posto a fotografare la roggia lunedi’ alle 17,40 circa ? Io , uscivo dal lavoro e mi sono fermato nel verificare cosa stessero fotografando, le assicuro che l’inquinamento era abbastanza serio gia’ quell’ora!

    1. Scritto da Sindaco

      Risponda pure evitando di mantenere l’anonimato. Sono queste le cose che mi danno fastidio: tutti sembrano sapere ma nessuno si prende responsabilità. Ai giornali ho detto che, se per qualcuno le cause erano già note, non doveva far altro che denunciarle all’autorità di Polizia senza inscenare inutili sospetti su chi “sa ma non interviene”. Io non avevo notizie ma sto facendo di tutto per averne e intervenire. E poi perchè mi “risponde”? Si sente chiamato in causa dalle mie affermazioni a mezzo stampa?

  2. Scritto da giuan de ghisa

    Signor Sindaco, visto che afferma che l’inquinamento arriva da un Comune più a nord e che non è la prima volta, perchè non fatto un esposto alla Procura della Repubblica? Mi permetto di consigliarLe che uno dei mezzi più semplici che Lei ha è quello di scrivere e denunciare i fatti : “Verba volant scripta manent”

    1. Scritto da Sindaco Spirano

      Fatti sempre denunciati alle autorità competenti per materia. Il problema non è la denuncia, che tutti sono obbligati a fare a fronte a qualsiasi ipotesi di reato). Il problema è ottenere dati concreti utili a localizzare la fonte. Io sto interpellando gli amministratori dei comuni localizzati più a nord lungo il fosso, chiedendo massima attenzione e sorveglianza. Prima che arrivi a Spirano e scenda nella bassa la schiuma ne ha già fatta di strada. A Spirano è stata localizzata e segnalata ma fa danni lungo tutto il corso del torrente. E’ necessario avvicinarsi il più possibile alla fonte di inquinamento. Più ci si avvicina alla fonte inquinante, più gli effetti sono visibili.

      1. Scritto da giuan de ghisa

        Per cortesia, mi fa un elenco dettagliato delle autorità competenti in materia a cui avrebbe denunciato i fatti?
        Non vorrei che fosse il solito girotondo……

        1. Scritto da Sindaco

          Dai Carabinieri, organi di Polizia (Locale o Provinciale) fino agli organi proposti ad effettuare analisi (ASL o ARPA). Se ci sono gli elementi c’è il successivo passaggio in Procura. Notizia buona: proprio oggi mi è giunto un verbale dal quale sembra identificata la fonte di inquinamento sul territorio di Urgnano. Ora andiamo avanti. Sono abbastanza immediato e diretto in ogni cosa (forse troppo). Non mi piacciono i girotondi: se fossi uno che scarica responsabilità non starei neanche qui a rispondere e a chiedere collaborazione.

          1. Scritto da giuan de ghisa

            Grazie Sindaco, anche la mia vuole essere solo collaborazione.
            Ora , spero che con la buona notizia che ha ricevuto sull’identificazione della fonte di inquinamento Lei vada avanti.

          2. Scritto da davide

            sono di Urgnano; spero che la fonte di inquinamento venga davvero sanzionata ora che anche il comune di Spirano l’ha identificata.. Qui ad Urgnano sta storia va avanti da anni, e di denunce ce ne sono state, ma NESSUNO ha mai fatto nulla… Stiamo a vedere se Lei sig. Malanchini, con i suoi modi da sceriffo riuscirà a fare giustizia.. Vediamo.

  3. Scritto da Malanchini, Sindaco di Spirano

    Da quando sono in carica il problema, sul fosso indicato, è stato rilevato alcune volte. La fonte di inquinamento è in un comune più a nord (non abbiamo scarichi di reflui industriali di Spirano su tale fosso): ad oggi non c’è alcun elemento oggettivo che ci possa indicare dove sia. E’ necessaria la massima tempestività nelle segnalazioni, al fine di eseguire indagini nel più breve tempo possibile. Il fatto che succeda quando piova molto e i fossi sono pieni è indicativo del dolo che sta dietro al fenomeno. Concordo con Artiko: se qualcuno conosce le cause le segnali, senza giri di parole. Confermo la mia disponibilità ad usare tutti i mezzi che abbiamo per perseguire i colpevoli.

  4. Scritto da Alex

    Il problema di Urgnano è ultraventennale. Concerie e tintorie dell’area industriale nord scaricano le acque della lavorazione nelle rogge e nella fogna, anche chi dispone di un impianto di depurazione, che però non riesce ad abbattere la colorazione. Al di là dell’inquinamento o meno che dovrà stabilire Arpa e chi per essa (si tratta pur sempre di acque industriali), la beffa è che dopo tanti anni si era riuscito a progettare e finanziare il collettore industriale che avrebbe convogliato i reflui al depuratore di Cologno. Notizia delle ultime settiname: Uniacque (titolare dell’opera) ha stralciato il progetto perché naviga in pessime acque finanziazie. E tutto rimane come prima….

  5. Scritto da tawanda

    te ne dico un’altra , Arpa BG è arrivata due ore dopo la chiamata della polizia provinciale , l’azienda a fatto a tempo a svuotare la sua porcheria nel fosso prima che si organizzasse nel prelievo dell’acqua, considero questoritardo , una presa in giro a tutti noi che li paghiamo per tutelarci dall’inquininamento delle fabbriche ,la salute pubblica è in mano a degli incompetenti !!

  6. Scritto da giuan de ghisa

    Mi meraviglio di quello che sta capitando a Spirano.
    Dalle parole del suo Sindaco pensavo fosse un paese modello, invece a quanto pare mancano anche le fogne.

  7. Scritto da davdre

    Scusate se intervengo… Io sono di Urgnano, e devo denunciare anche qui, e non l’ho fatto solo in questa sede, che nel mio comune ci sono una serie di industrie più o meno piccole o medie che da anni inquinano i corsi d’acqua con il benestare del Comune (fino adesso un po’ tutte le amministrazioni) che non ha mai fatto nulla di DETERMINANTE per evitare che ciò si ripetesse e ciò per via del ricatto occupazionale e chissà per cos’altro… Forse i cittadini di Spirano dovrebbero reclamare anche ad Urgnano affinchè si facesse chiarezza.. Va bene che c’è crisi, ma qui sono anni che nessuno fà NULLA.

  8. Scritto da nino cortesi

    Ma a Spirano non hanno messo un sacco di telecamere e di autovelox. Che fine ha fatto il corso “fà balà l’òc!”. Persino Bossi ve l’ha fatta.

  9. Scritto da artiko

    “Le origini e le cause di questi inquinamenti sono spesso note , ma non si interviene per rimuoverle e mettere in sicurezza il sistema delle rogge”. Perche’ ? A chi non va di intervenire ? chi c’e’ dietro ? … Sveglia con le indagini !!!! Fuori i nomi delle aziende che inquinano il nostro territorio e i nomi di chi gli permette di farlo !