BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gabriele e Angela, due ragazzi down campioni nella vita

Gabriele Rondi di Vertova e di Angela Galluzzi di Clusone (della Polisportiva Disabili Valcamonica) non solo non si sono arresi davanti alla malattia ma hanno voluto fare di più, brillando ai mondiali di atletica: "Ora sogniamo il titolo nazionale"

Più informazioni su

Sono partiti per le isole Azzorre alla volta dei mondiali di atletica per ragazzi affetti da sindrome di down, contenti di godersi il sole ma soprattutto convinti che, come in passato, avrebbero potuto ottenere dei risultati importanti. Sono Gabriele Rondi, di Vertova e di Angela Galluzzi di Clusone, due ragazzi affetti da sindrome di down (entrambi della Polisportiva Disabili Valcamonica) che, non solo davanti alla sindrome non si sono arresi, ma hanno voluto dimostrare di più.

E l’hanno fatto correndo, allenandosi costantemente, sudando come si sudano i grandi risultati. E così Gabriele ha conquistato ben 3 medaglie d’oro, laureandosi campione nel salto in lungo grazie alla straordinaria misura di 3,92 metri, nuovo record mondiale. Ma non solo, perché ha centrato anche la vittoria nelle staffette 4×100 e 4×400, contribuendo anche in questo caso ai nuovi primati. Ottimo risultato anche per Angela che negli 800 metri di marcia ha ottenuto un quarto posto.

Tornati in Italia da campioni, dopo i vari festeggiamenti, non si sono comunque montati la testa. Per vedere la loro gioia basta andare al centro sportivo dove si allenano, a Clusone: “Continuiamo ad allenarci – dice Gabriele – perché a metà mese abbiamo i campionati italiani a Macerata e, con i risultati appena ottenuti, non possiamo farci soffiare i primi posti da sotto il naso”. Poi se gli chiedi di fare una foto insieme sorridono ed esclamano “Che coppia”: una vera gioia di vivere la loro, da ammirare e prendere come esempio. 

 

Gessica Costanzo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marilena

    mi permetto di specificare che si dice ragazzi con la sindrome di down, non “affetti” perchè non è una malattia….grazie

    1. Scritto da Maria

      infatti, lo volevo specificare anche io!!! Grazie

  2. Scritto da William

    Notizia che riempie di gioia. Complimenti per l’impegno e per la passione. Mi sa che uno di questi giorni faccio un salto al campo e ricomincio ad allenarmi seriamente. Credo che con le misure stabilite nel lungo, ci sia da imparare da questo ragazzo. ( qualcuno che non fa sport provi a fare un balzo piu lungo di due metri e mezzo…) Continuate cosi. Bravissimi