BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Diritti alle coppie gay Fioroni sfida Bersani Tu con chi stai?

L'ex ministro all'Istruzione Beppe Fioroni pronto a candidarsi alle primarie contro il segretario del Pd Pierluigi Bersani se acconsentirà a concedere una legge alle coppie omosessuali. Il senatore Ignazio Marino pronto a presentare il decreto legge.

Più informazioni su

In corsa per le prossime elezioni il Pd inciampa in un sassolino che rischia di essere un masso. La lettera del segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, inviata per il gay pride è stata come una sassata all’anima cattolica del partito.

Bersani nella sia missiva sottolinea l’urgenza di una "legge che faccia uscire dal far west le convivenze stabili tra omosessuali, conferendo loro dignità sociale e presidio giuridico".

Al termine della sfilata del gay pride conclusa a Bologna, l’ex ministro dell’Istruzione Beppe Fioroni manda a dire a mezzo stampa a Bersani “di fissare programmi e contenuti” e che se il leader del Pd “dovesse fare di una legge sulle unioni omosessuali una delle priorità programmatiche del partito”, Fioroni è pronto a candidarsi per le primarie, a sfidare Bersani per tenere saldi certi principi. Principi che lo stesso Fioroni rimarca.

"Tutti dovrebbero cogliere i drammi legati a questo momento così complicato – afferma l’ex ministro –. Le persone che incontro non mi chiedono di coppie gay e di testamento biologico… Vogliono sapere di fisco e di esodati, di occupazione e di misure per la crescita".

Se non fosse abbastanza chiaro il messaggio inviato a Bersani, Fioroni aggiunge: "Certe questioni non sono da tessera di partito, ma interpellano la nostra coscienza. Io ho sempre avuto una posizione chiara e continuerò ad averla. Ho sempre detto i miei ‘sì’ e i miei ‘no’ e continuerò a farlo. Senza timore di essere messo alla porta e consapevole di non essere solo".

Nella sfida tra Bersani e Fioroni entra anche il senatore Pd Ignazio Marino: "Da anni  mi batto assieme ad altri nel Pd per promuovere una legge che riconosca a tutte  le coppie piena parità di diritti con le coppie sposate. Sono per garantire alle coppie omosessuali una pienezza di diritti assimilabili a quelle di una coppia sposata. In Italia la questione delle unioni civili è una ferita dei diritti delle coppie omosessuali ma riguarda anche oltre un milione di coppie eterosessuali che hanno dei figli".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da seriano

    scusate, ma che ci fa Fioroni nel PD? Non dovrebbe stare con Casini? Compagni (si fa per dire) del PD, trasferitelo d’ufficio!

    1. Scritto da daniela53

      Anch’io ce lo vedo decisamente meglio con casini. Mi chiedo che interessi abbia per continuare a stare nel PD. Mi sa comunque che è questione di tempo…

  2. Scritto da Dante

    Io penso che anche i gay si possano sposare e non solo avere qualche manciata di “dirititti” come accade nei paesi piu’ liberari

  3. Scritto da mario59

    Pd o PDL sono la stessa cosa…Fioroni uno della DC Bersani uno del PCI fatto sta che sono solo un sacco di sigle che servono come pretesto per abbindolare gli elettori… in realtà sono solo dei bravi chiacchieroni, ma uguali ..quello che conta è la loro poltrona.. punto e basta….Le coppie gay sono solo l’ennesimo pretesto per arraffare altri voti da una parte o dall’altra.

  4. Scritto da fora dal PD

    fioroni può andarsene dal PD come ha fatto la Binetti, non ne sentiremo la mancanza, anzi , c’è solo da guadagnarci

  5. Scritto da antonio

    I gay hanno il diritto di fare ciò che vogliono con la propria vita. Il matrimonio però resta come è naturale che sia tra un uomo e una donna. Cosa impedirà altrimenti in futuro che io mi sposi con mia sorella o peggio con il mio cavallo solo perchè io voglio così. Alcuni principi non sono negoziabile altrimenti la società imploderà

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Un recente caso giudiziario in Germania mette in discussione proprio l’incesto: due fratelli cresciuti separati si ritrovano, s’innamorano, fanno 4 figli. Chiedono: il divieto d’incesto è costituzionale? Il tribunale ha dato loro torto, ma del caso si discute. E non tiri fuori i figli disabili, sennò dovremmo sterilizzare una serie di portatori sani di malattie genetiche. Quella del cavallo è solo un’idea balzana: in nessun sistema giuridico gli animali hanno lo statuto delle persone; e anche se l’avessero, mettere la volontà e i sentimenti di due persone al pari della zoofilia dice molto – su di Lei, però. A volte mi verrebbe di essere contrario al matrimonio fra stupidi, pensi un po’.

  6. Scritto da orgoglio etero

    con Fioroni. Le coppie Gay (non quelle di fatto etero) sono destinate all’estinzione, NON GENERANO.

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Quindi anche le coppie sterili, giusto? E quelle che usano la contraccezione, giusto? E quelle che ricorrono all’adozione, giusto? Ah, a proposito di non generare, che ne facciamo dei preti e dei monaci, sposi della Chiesa, o delle suore, spose di Cristo? Non sono destinati all’estinzione pure loro? Ops, vero, di quelli ce n’è da un po’ di secoli… Sarà un’estinzione molto lenta. Mai come quella degli stupidi, purtroppo.

      1. Scritto da Antonio

        Caro signor Pinotti, le sue opposizioni non stanno in piedi per questi motivi:
        1) i gay hanno deliberatamente scelto un rapporto sterile e quindi naturalmente (non parlo di sacramenti) fuori dal matrimonio
        2) i preti non sono sposati naturalmente con Dio ma solo sacramentalmente e il loro compito non è generare ma essere corredentori e pastori
        3) chi usa la contraccezione all’interno del matrimonio non è nella verità naturale (un conto è seguire i metodi naturali e quindi il ciclo naturale della donna un’altro modificarlo chimicamente o con altri mezzi tipo condom) e sicuramente la coppia tenderà all’egoismo

        1. Scritto da Asdrubale

          Certo che se ne sentono di stupidaggini , una sequenza simile non si ricorda dai tempi dell’inquisizione (quelle robette coi roghi, ha presente ?). Raccapricciante

        2. Scritto da Narno Pinotti

          Le parole «verità naturale» sono prive di senso. In natura esistono: omosessualità, bisessualità, poligamia, poliandria, rapporti sessuali fuori dai periodi di fertilità, abbandono o cannibalismo dei cuccioli. Non esistono, in natura, né il matrimonio né la castità forzata, perciò sono insensati pure «sposati naturalmente» e «naturalmente fuori dal matrimonio». I metodi «naturali» esigono ausili tecnici sofisticatissimi (termometro, microchip). Con i preti Lei ammette che esistano diversi compiti e modi di vivere il proprio corpo: non solo la coppia con figli. Il Suo post è un cumulo di sciocchezze. Il finale sulla coppia egoista, invece, è un’offesa: come si permette di giudicare altri?

  7. Scritto da Sergio

    un partito laico e non pseudocristiano alla fioroni o peggio ancora ipocrita come quello di formiconi non può che osservare il corso degli eventi e dare il diritto, senza toglire nulla ad altri, anche alle minoranze o alle maggioranze come stanno diventando le copie di fatto

  8. Scritto da Mauro Invernizzi

    Non sto ne’ con l’uno ne’ con l’altro. Parità di diritti vuol dire che gli omosessuali possano sposarsi civilmente. Non è accettabile una via di mezzo, da cittadini di serie B. E a tutti gli omofobi che aborrono tale soluzione, rispondo: “Ma a voi cosa ve ne frega che due lesbiche o due gay possano sposarsi? Vi toglie forse qualcosa alla vostra vita?”

    1. Scritto da il polemico

      di questo passo,la prossima mossa sarà la ricca vedova che si sposa il suo gatto,tanto non fa del male agli altri….

      1. Scritto da Complimenti

        Dopo aver paragonato un essere umano ad un animale vedo che mette dei puntini ammiccanti . Soddisfatto della prodezza ? Io il gatto lo farei sposare a lei , mi sembrerebbe più all’altezza della situazione.

      2. Scritto da Narno Pinotti

        Complimenti. L’amore e la volontà di due persone messi sullo stesso piano della mattana di una vecchietta un po’ svanita. Ma un corso di logica no, eh? E pensi un po’: «non fare del male a un altro» è uno dei tre principi cardinali del diritto.

  9. Scritto da Sére

    Condivido FIORONI sia nell’opinione espressa che nel metodo democratico usato per manifestarla. BRAVO!

  10. Scritto da il polemico

    io sto con fioroni,le coppie gay non saranno mai come una coppia etero,inutile cercare sempre il cavillo,e quindi per quale motivo devono avere gli stessi diritti?

    1. Scritto da Boh !?

      Che ragionamento fai ? Certo che una coppia gay non può essere una coppia etero , lo dice la parola stessa . Ma possono essere una coppia (senza aggettivi). Gli vuoi dare almeno i diritti elementari ? Che disturbo ti da ?

      1. Scritto da il polemico

        disturbo nessuno,ma personalmente non mi va di essere paragonato ad una coppia gay,e se non si mettono delle regole,poi succede che tutti fanno tutto quello che vogliono,tanto vale dargli pure possibilità di adottare figli .chi dei due in un rapporto omosessuale fa la parte della madre e del padre?se nella coppia etero la madre ha più tutele del padre,in una coppia gay entrambi hanno stessi diritti?e allora perchè loro si,mentre ad una coppia etero è negato?

        1. Scritto da daniela53

          Le tuttele della madre? Andare al lavoro, correre a prendere il figlio/i al nido/scuola elementare/medie, tornare a casa, cercare di starci un pò insieme in modo decente cercando di non pensare a cosa devi fare per cena anche per il padre “poco tutelato” che rientra alle 19,30. Intanto caricare la lavatrice, finire di stirare quel che non hai fatto in tempo a stirare la domenica mattina, ecc ecc. ecc. Facciamo uno scambio di ruoli? O forse meglio una bella parità come tra le coppie gay o tra le coppie in generale d altri paesi un pò più avanti del nostro? Scusi sa, ma credo sia il caso che lei riveda il suo concetto di regole e tutele

        2. Scritto da Enza

          “Tanto vale” un cavolo , che bisogno c’è di saltare di palo in frasca ? Non stiamo parlando di adozioni, quando non si hanno argomenti si passa ad altro ?

        3. Scritto da Narno Pinotti

          Di «mondo senza regole» parlano, da secoli, tutti gli ottusi di fronte a ogni cambiamento. E da secoli il mondo progredisce. In quale epoca in occidente si viveva meglio di adesso? Me ne citi una. Una sola. E poi però ci vada anche a vivere, in quell’epoca. Quanto alle tutele, la soluzione è lì da copiare da altri paesi: stesse tutele a entrambi i genitori. Il congedo può essere del padre. Già ora le madri adottive godono di maternità e allattamento senza essere incinte né allattare: perché secondo Lei? Prima di parlare s’informi, qui non tutti vengono dal bar del Suo paese.

          1. Scritto da daniela53

            C’è già il congedo per il padre, da anni, anche in Italia. E’ che da noi i maschietti lo usano poco. Mentalità!

  11. Scritto da Giovanni Mangili

    Concordo con Ignazio Marino e Bersani per l’iniziativa. Rispetto il parere di tutti, compreso quello di Fioroni, ma una legge di libertà supera ogni individualismo. Fioroni si metta il cuore in pace, non condivida ma rispetti i diritti altrui. A Ignzio Marino chiedo che la battaglia di libertà di estenda anche alle copie di fatto.
    Lo Stato deve essere laico e riconoscere ogni suo cittadino senza distinzioni.

  12. Scritto da nino cortesi

    Ecco perchè serve un metodo che permetta ai cittadini di selezionare i politici. Questi due, con questo falso problema posto quando da anni gli iscritti Pd aspettano bel altre decisioni da Bersani, sarebbero spediti a casa. Le unioni omosessuali sono una cosa assurda, se vogliono unirsi lo facciano chiudendosi in casa e spegnendo la luce. Da Bersani sono anni che aspettiamo di sapere con chi sta, fuori i nomi.Questa è politica non il suo modo di prendere in giro la gente non decidendo nulla ma ponendo problemi come questo di pura lana caprina. E Fioroni vada in Vaticano a fare il politico che qui siamo in Italia e vogliamo essere cittadini liberi mentre ora tutti cimettono i ceppi ai piedi.

    1. Scritto da daniela

      se per lei i diritti civili sono una questione di pura lana caprina!…ma guarda un pò!

  13. Scritto da daniela

    Non solo sto con Bersani e Marini, che era proprio ora che si dessero una mossa. Ma anche aggiungo che i Fioroni vari, con la loro retriva intolleranza mascherata da moderatismo e i soldi che hanno dato alle scuole private da ministro, per il PD, secondo me, sono una palla al piede.