BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calcioscommesse e giocatori che si vendono: sto con Andreoletti

In questa amara e incredibile vicenda, e a maggior ragione in questo momento che le sentenze stanno per arrivare, da bergamasco oltre che da libero osservatore dei fatti quotidiani sento il dovere di stare a difesa della società AlbinoLeffe e del suo presidente. Questo non potrà piacere a tutti e mi spiace.

Più informazioni su

di Luciano Passirani

In questa amara e incredibile vicenda, e a maggior ragione in questo momento che le sentenze stanno per arrivare, da bergamasco oltre che da libero osservatore dei fatti quotidiani sento il dovere di stare a difesa della società AlbinoLeffe e del suo presidente. Questo non potrà piacere a tutti e mi spiace.

Sono consapevole che le scelte del presidente potrebbero significare non solo la forte penalizzazione chiesta da Palazzi, ma addirittura un ulteriore ruzzolone in quella che io chiamo ancora C2. Prima di porre alcune domande ad Andreoletti, parliamo degli ormai conclamati fatti che riconducono ad almeno una decina di giocatori seriani che giocavano a perdere. Erano istigati da un compagno, Gervasoni, che parrebbe averli convinti con l’affermazione: "Andreoletti non pagherà nemmeno questa volta per l’accesso ai playoff", riuscendo a coinvolgere, e non me lo sarei mai aspettato, tipi come Poloni, Ruopolo, Carobbio e Garlini (che smentisce e per questo ha scelto di non patteggiare). L’unico che vomitò veramente per il disgusto fu Cellini, ma non ebbe il coraggio di denunciare. Del Prato, storico capitano dell’AlbinoLeffe delle promozioni, ha dichiarato incredulo: "Non riesco a credere che abbiano compiuto illeciti". Non è dato sapere cosa pensi ora di Carobbio, o di Poloni che si alternavano al suo fianco. Per lui ci pensa la Nembro dell’oratorio che ha già provveduto a far sparire la foto del suo noto paesano.

Non risulta un Andreoletti in fuga, al contrario di Ruopolo costretto a lasciare in fretta e furia Padova, mentre ancora Carobbio viene insultato a Nembro. Così il tifoso deluso ha già emesso la sua sentenza. Mentre Platini si è espresso più volte per l’esclusione per sempre per i giocatori condannati. Altro che patteggiamenti, altro che responsabilità oggettiva, “questa è surreale”, tuona Giulia Bongiorno, che tra gli avvocati non è proprio l’ultima. Andreoletti poteva, patteggiando, accettare i 10 punti di penalizzazione proposti da Palazzi, secondo taluni difensori il patteggiare non vuol dire ammettere la colpa, in realtà è un modo previsto dal codice per transare su fatti non proprio cristallini. Infatti la storia non sempre ci ha trasmesso e dimostrato veri pentimenti, quindi grande rispetto per Andreoletti che scegliendo la via meno facile della dignità, potrebbe diventare il primo picconatore di un rivisitato concetto di responsabilità oggettiva, quando questa sia dimostrato essere solo a perdere.

Quindi responsabilità di che cosa? Va oltre l’avvocato Eduardo Chiacchio, che difese con successo il Benevento, ora a difesa dei seriani è convinto che chi è vittima non possa essere anche colpevole. Rimangono le domande che mi faccio, che mi pongono gli sportivi, gli stessi tifosi dell’AlbinoLeffe che sognavano il Chievo, si ritrovano una proposta di partire da meno 27 punti, con in mano una lettera di Andreoletti che dal quartiere generale di Zanica il 26 maggio scorso intitola: “Ma se si cerca un colpevole quello sono senz’altro solo ed esclusivamente io“. Solo così Presidente? Eppure per almeno sei gare addomesticate a perdere abbiamo lo stesso allenatore, in panca e al campo tutti i giorni, senza notare nulla, come i direttori generali e sportivi. Anche loro a non vedere niente?

"E’vero che non vogliamo pagare la colpa di non avere colpe e che preferiamo morire" intona una storica ballata di Claudio Lolli a proposito di Zingari felici. Speriamo che Palazzi se la ricordi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da simone p.

    Caro sig. Guido da Bg , prima di scrivere bisognerebbe leggersi le carte processuali. l’Atalanta ha vinto col Piacenza perchè i giocatori del Piacenza han deciso di perdere la partita (lo scrive sia il Pm di Cremona che Palazzi) ; ad Ascoli e Padova son state più le occasioni degli avversari che nostre quindi di “preparato” non c’era nulla (ricordo ancora un salvataggio di Consigli all’ultimosecondo a Padova) ; le telefonate di Doni sopno con il figlio di un dirigente (non è proprio la stessa cosa) … la sua è responsabilità diretta (mancanza di informazioni) , quella della Dea è oggettiva (abominio giuridico sportivo)

    1. Scritto da guido da bg

      Scusi Simone secondo Lei è normale che i giocatori chiamino il figlio di un dirigente anche dagli spogliatoi e più volte mentre dovrebbero concentrarsi per l’inizio della partita ? Guarda caso è la partita già arrangiata, forse è lei che non legge i verbali a proposito del rigore, tiralo di qua, no dall’altra parte, ecc. ecc.
      Se è normale allora io sono disinformato come dice il Sig.JL

      1. Scritto da John Locke

        Guido, non ho scritto che Lei non è informato, ma è chiaro che parla di aria fritta per altri ma Lei è il classico che legge una notizia, fa 2 + 2 e via. Invece occorre avere un’idea completa per poter commentare con perizia.Esempio: avrei commentato la notizia relativa alla bocciatura del bambino in prima elementare, ma non essendo un campo di cui conosco molto ho tralasciato. Lei parla di responsabilità ogg. sogg., dir. così a casaccio senza nenache sapere cosa signifihino nel calcio.

        1. Scritto da GUIDO DA BG

          JL non ci capiamo, sospetto che Ella non voglia capire perchè stare al di sopra delle parti non ci riesce, così vola lontano dall’argomento per non entrarci, Le cito episodi riconducibili al mio precedente argomentare e Lei divaga. Sono costretto a pensare che la Sua presunzione Le annebbia i commenti degli altri. Non si senta costretto a leggermi, soprattutto a rispondermi, io ci rinuncio da ora in avanti .

    2. Scritto da John Locke

      Grazie Simone. Hai risposto tu ciò che avrei scritto al caro Guido…che di aria fritta sembra intendersene ben più del sottoscritto. Piccolo appunto O.T.: ma la gente che scrive su qs sito, lo fa indefessamente e instancabilmente su qualsiasi notizia messa in primo piano e trascura totalmente la stessa se messa in secondo piano? Perchè più che interesse per certi argomenti a volte mi sembra che in alcun lettori ci sia solo una gran voglia di protagonismo a prescindere… Va bè, tanto sta cosa non la leggerà nessuno essendo il topic in seconda pagina…

  2. Scritto da benedetta

    forza albinoleffe, forza presidente!!

  3. Scritto da rux

    Quante teorie. Gira di qua gira di la il presidente è il presidente. E se non conosce le leggi, discutibiili che si voglia, la sostanza è questa. O sapeva, o è colpevole ignoranza.

  4. Scritto da L76BG

    scusate ma..siamo INDIETRO di un anno ed anzi, qui sentenza non c’è, già una squadra a BG, anzi la squadra di BG..ha subito, senza patteggiare, 6 punti di penalizzazione per illegiti di 1 suo giocatore. La seconda volta l’ha capita ed ha patteggiato, anche xchè il grosso errore è nella responsabilità oggettiva. Quindi se un anno fà ci fosse stato tutto questo appoggio forse oggi no nsi leggeva di -27..

  5. Scritto da GENU

    andreoletti non e’ assolutamente una vittima, se non e’ ingrado di controllare 13 suoi dipendenti che fanno i furbi, e’ meglio che cambi mestiere,che e’ meglio.E GIUSTIZIA SIA…

  6. Scritto da Yuri

    Grandissima citazione di Claudio Lolli, non me lo sarei aspettato da Passirani. Davvero complimenti !

  7. Scritto da John Locke

    Non vorrei riaprire polemiche con i tifosi seriani, ma non sono assolutamente d’accordo con il concetto espresso nell’articolo. L’atalanta ha patteggiato perchè non poteva far nulla di diverso. Essendoci la responsabilità oggettiva si è responsabili di ciò che hanno fatto i propri tesserati. L’atalanta ora che sa che Doni è colpevole ne ha preso atto e bon. Lo stesso dovrebbe fare l’Albino;Poloni,Carobbio, Gerva,Ruopolo colpevoli,..quindi con la normativa in vigore anche la società. Patteggiare non è da furbi,ma l’unica cosa logica da fare.

    1. Scritto da guido da bg

      Con una differenza tra Atalanta e Albino-Leffe, la prima ha tratto comunque vantaggio dall’attività illecita di un suo giocatore, perchè ha vinto con il Piacenza, pareggiato a Padova e a Ascoli, che fanno comunque cinque punti sicuri, l’Albino-Leffe ci ha solo rimesso, forse anche la serie A. E non mi pare poco, se vogliamo dire la verità fino in fondo, magari aggiungendo le telefonate di Doni a un numero di telefono di un dirigente dell’Atalanta, sempre prima di Atalanta-Piacenza. Questa è responsabilità quasi soggettiva, caro John, tutto il resto che racconti è aria fritta

      1. Scritto da paolo p

        si informi meglio..visto ha fatto un’accozzaglia di notizie senza saper o aver letto gli atti e le carte processuali. Cmq non si preoccupi, l’anno prox mentre sarà su qualche campetto della valle ha tutto il tempo per recuperare il tempo perduto.. saluti

        1. Scritto da guido da bg

          paolo p.
          suvvia riprenda in mano una grammatica, così non va,
          un verbo futuro (sarà) con un presente (ha tutto il tempo)
          mi sa ma tutto il tempo per recuperare i verbi futuri …….lo avrà Lei

  8. Scritto da greatguy

    basterebbe ricordarsi l’uscita di andreoletti giusto un anno fà per spiegare come mai a molti, a me sicuramente, fà piacere se l’albino leffe si becca 27 punti di penalizzazione!!! e a me l’albinoleffe ha sempre fatto simpatia…..