BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Solidarietà piccante Peperoncino in vendita per un progetto in Malawi

AfrodisiacAll è l'iniziativa proposta dall'associazione Africall Onlus. Sabato 16 giugno a Gorlago e domenica 17 a Trescore propone una vendita di piantine di peperoncino. Il ricavato andrà alla scuola di Mikoke in Malawi.

Africall Onlus, associazione di beneficenza con sede a Gorlago che si occupa di promuovere e sostenere la realizzazione di importanti opere e progetti di sviluppo nei Paesi dell’Africa subsahariana, ha in agenda per il prossimo weekend un’iniziativa di raccolta fondi molto… piccante! Il nome dell’iniziativa – "AfrodisiacAll" – è già tutto un programma. Già, perché protagonista incontrastato dell’evento sarà il peperoncino, da molti ritenuto il più potente afrodisiaco naturale.

Con un contributo minimo di 7 euro sarà possibile portarsi a casa una bellissima piantina di peperoncino. Ne sono presenti di diverse specie, dalle classiche qualità nostrane (capsicum annuum) alle ricercatissime varietà caraibiche, i famosi "habanero" (capsicum chinense), micidiali per piccantezza. Oltre alla piantina, riposta in un originale e coloratissimo portavaso realizzato a mano dalle attiviste di Africall, verrà fornito anche un dépliant contenente le istruzioni per prendersi cura della pianta e alcune ricette da preparare con i suoi frutti.

Tutte le piantine che saranno esposte il prossimo weekend sono state coltivate direttamente dagli attivisti di Africall. Tutto è ha avuto inizio lo scorso mese di febbraio, con la semina effettuata con la tecnica indoor: in una germ-box capace di mantenere temperatura, luce ed umidità controllate elettronicamente sono state riposte decine di vaschette di terriccio nel quale sono stati immessi i semi delle varie specie di peperoncino. Con l’arrivo della primavera e di temperature più miti, poi, è stato effettuato il travaso dei germogli, che sono stati poi sistemati all’aria aperta e dove sono rimasti finora, divenendo nel frattempo vere e proprie piantine. I frutti arriveranno nel mese di luglio: le prime a fruttificare saranno le piantine di peperoncino nostrano, che danno frutto fino a settembre. Più delicate, invece, le piante di habanero, che danno frutto a luglio inoltrato e per periodo più limitato. Ovviamente, se adeguatamente protette e curate anche durante la stagione invernale, le piante di peperoncino potranno rifiorire anche il prossimo anno.

Gli attivisti di Africall saranno presenti sabato 16 giugno, dalle ore 9 alle 19, in piazza Gregis a Gorlago (di fronte alla filiale della Banca Popolare di Bergamo). Domenica 17 giugno, sempre dalle ore 9 alle 19, saranno invece a Trescore Balneario, in via Locatelli (anche in questo caso di fronte alla filiale della Banca Popolare di Bergamo). Oltre all’acquisto delle piantine di peperoncino, presso lo stand di Africall sarà possibile raccogliere informazioni sull’attività dell’associazione, dalle missioni in Africa che vengono organizzate ogni anno ai progetti di sviluppo promossi. Due, in particolare, quelli in favore dei quali verrà destinato l’intero ricavato dell’iniziativa "AfrodisiacAll": il progetto "Caro maestro", finalizzato alla realizzazione di due abitazioni per altrettanti insegnanti in servizio presso la scuola di Mikoke, in Malawi, così da rendere fissa la loro presenza nel villaggio e garantire così lo svolgimento delle lezioni; da quest’anno poi si finanzierà la carriera universitaria di un ragazzo che studierà per diventare a sua volta insegnante.

C’è poi il progetto «Saranno dottori», attraverso il quale si dà un sostegno economico a quei giovani dei villaggi capaci, meritevoli e, anche se privi di mezzi, desiderosi di proseguire gli studi per diventare medici o infermieri al servizio della loro gente. Per maggiori informazioni: www.africall.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.