BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Risalita in soli 6 minuti: pronti 15 milioni di euro per il rilancio di Foppolo

La società Brembo Super Sky, formata dai comuni di Foppolo, Carona e Valleve, ha intenzione di investire (grazie ad un prestito) per dare il via ad un progetto strategico per il potenziamento del comprensorio sciistico.

Quindici milioni di euro pronti per rilanciare Foppolo. Sono quelli che la società Brembo Super Sky, formata dai comuni di Foppolo, Carona e Valleve, ha intenzione di investire (grazie ad un prestito) per dare il via ad un progetto strategico per l’ammodernamento e il potenziamento del comprensorio sciistico. L’accordo di programma è già stato siglato nel febbraio 2010 con la Regione Lombardia per le tre stazioni della società Brembo Super Sky, prevede un investimento di 22 milioni e 459 euro.

Una cifra simile era stata investita negli anni scorsi per il rinnovamento degli impianti di risalita, la sistemazione delle pista e l’uso della neve artificiale. Il nuovo intervento si occuperà invece della creazione di una cabinovia, in sostituzione delle vecchie seggiovie. Questo impianto sarà notevolmente rapido, permettendo la risalita in soli sei minuti. Un passo in avanti molto atteso dai tre paesi dell’Alta valle.

Un altro progetto è la trasformazione del piazzale degli alberghi -simbolo di Foppolo-, in un villaggio alpino, con migliaia di posti letto nella speranza una crescita turistica sempre maggiore. 

 

Nicolò Belloli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Renzo

    Il problema non è lo sci. E’ la selva di palazzoni da venti piani.
    Alla gente quella roba lì, le colate di cemento anni sessanta, non piacciono più. E questi che fanno? Altre “migliaia di posti letto”…
    Consiglio un giretto non dico in Austria, ma in Trentino.

  2. Scritto da sergioNONpelato

    puntiamo ancora sullo sci, dopo che abbiamo visto inverni caldi e soleggiati ? proprio non volete capirla di cambiare sport.
    basta sbragare la montagna per niente.

    1. Scritto da Giuseppe Quarti

      Per la verità gli ultimi inverni, tranne quello appena trascorso , sono stati molto nevosi, con innevamento abbondante da novembre a tutto aprile.

    2. Scritto da Alberto

      Certo,basta sci.Prima basta sport motociclistici,adesso basta sci, in montagna solio i pensionati che fanno le gite col cai e che arrivano in macchina fino all’imbocco dei sentieri. Oppure si perdono cercando funghi. Poi i valligiano tutti a lavorare njella bassa e le montagne abbandonate.

    3. Scritto da Alberto

      Certo,basta sci.Prima basta sport motociclistici,adesso basta sci, in montagna solio i pensionati che fanno le gite col cai e che arrivano in macchina fino all’imbocco dei sentieri. Oppure si perdono cercando funghi. Poi i valligiano tutti a lavorare njella bassa e le montagne abbandonate.

  3. Scritto da sergiopelato

    Stesso discorso di San pellegrino terme.Prima di parlare di investimenti di milioni di euro sarebbe meglio pagare le imprese e gli stipendi arretrati(in questo caso)