BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riapre dopo un anno il parco di via Marconi: più verde in paese fotogallery

Sabato 9 giugno è stato riaperto il giardino pubblico, che nella stessa sera ha fatto da cornice all’undicesima edizione del Biblofestival, la manifestazione culturale bergamasca rivolta ai più giovani.

Più informazioni su

Doppio dono da parte del Comune di Curno ai suoi cittadini. Nel corso della serata di sabato 9 giugno è stato riaperto il parco di via Marconi, che nella stessa sera ha fatto da cornice all’undicesima edizione del Biblofestival, la manifestazione culturale bergamasca rivolta ai più giovani. Il piccolo angolo di verde nel cuore del paese era rimasto chiuso per circa un anno, per alcuni lavori di ampliamento e sistemazione al suo interno. La sua riapertura è stata accolta da numerosi curnensi di ogni età, che hanno apprezzato molto la nuova versione del giardino pubblico cittadino.

Un’occasione di aggregazione per la comunità, che dà il bentornato al parco di via Marconi giusto in tempo per i mesi estivi. “E’ bello vedere questo parco riaperto, ce n’era bisogno -ha spiegato il sindaco Perlita Serra, presente alla manifestazione -Riavere questo spazio verde proprio al centro del paese è molto importante, per i bambini delle vicine scuole materne, ma anche per gli anziani, che avranno un posto ben ombreggiato per l’estate”. Il sindaco ha spiegato poi come il parco ha assunto la forma attuale: “E’ stato un progetto di lunga gestazione, circa 7-8 anni, iniziato due amministrazioni fa: a quei tempi il parco era più piccolo, ma è stato acquistato il terreno confinante assieme al vecchio edificio vicino alla chiesa. Sotto l’amministrazione precedente è stato deciso di ampliare il parco sfruttando quel terreno ed ecco il risultato. Il parco necessita ancora degli ultimi ritocchi, ma data la sua lunga chiusura abbiamo deciso comunque di riaprirlo. Altri intereventi serviranno ad aggiungere gli arredi dei bagni, le rastrelliere per le bici e delle nuove panchine”.

Emanuele Tomassoni

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pluto

    In municipio c’e qualcuno che fa lo gnorri. Gandolfi, Serra, Mastromattei vi prendete la briga di rispondere e spiegare le ragioni del costo stratosferico di questa ristrutturazione? Perché’ qui siccome ci sono di mezzo tre maggioranze differenti, nessuno sente la responsabilità’ di spiegare questo salasso inflitto ai Curnesi proprio nei giorni dell’IMU. Allora, ci spiegate se ci sono le piastrelle d’oro e gli alberi coi pomi d ‘oro oppure se va tutto bene e perfetto? Forza e coraggio: aspettiamo un comunicato DETTAGLIATO sul sito del Comune.

    1. Scritto da Plutonio

      Ciao Pluto.
      E’ vero che a Mapello applicano la tariffa prima casa anche dall’appartamento 2 al 7 di proprietà?
      e solo dall’ottavo scatta l’IMU seconda casa?
      Mi fai sapere?
      Ciao.
      PS e se una volta nella vita ti informassi prima di parlare?

      1. Scritto da Pluto

        Per Mapello vada al sito del comune come altrove in Italia. Per le informazioni mi bastano le delibere e le determinazioni degli uffici. Il resto sono peteguless. Non scimmiotti i nick altrui.

  2. Scritto da una cittadina

    ma sinceramente senza pregiudizi oggi sono andata a vedere il parco be” io non sono ne geometra ne architetto, ma io l”avrei fatto molto meglio, mi spiego ci sono 3 giochi in tutto uno appiccicato all”altro e poi anche pericolosi specialmente la ruota, hò pur letto cosa si è speso, per quell”opera, è una VERGONA……

    1. Scritto da un'altra cittadina

      Ipocrita!

  3. Scritto da Marco

    E’ retaggio regale far bene ed esser vittima di cattiva voce.

  4. Scritto da Il gufo

    È mai possibile che Pluto, cane bonaccione di Pippo, soffra di acidità di stomaco? Si prenda una bella pastiglia antiacido di marca Serra-Pedrettista, quella usata in passato per costosissimi ecomostri. Sicuramente guarirà. Salvo controindicazioni che spesso tali farmaci inducono, con gravi effetti collaterali. In ogni caso, prima di commentare dei costi per opere belle e molto ben studiate ed eseguite, è opportuno conoscere con precisione tutte le voci che li compongono, a partire da quelle delle imposte e tasse inerenti, che anche il Comune paga. Quanto alla replica alle mamme, è persino difficile immaginare cosa essa possa significare. Forse l’acidità è salita dallo stomaco più in alto…

    1. Scritto da Pluto

      Mi pare che il maldi stomaco stia venendo a chi deve rispondere. La giunta Gandolfi deve spiegare ai Cittadininquanto costa a mq il giardino nuovo, quanto costa quello ristrutturato, perché’ e’ andata fino a Como per trovare i due progettisti e perché’ per rifare un giardino ha chiamato una impresa edile stradale anziché’ una del ramo. E gia’ che c’e dica ai Curnesi quante migliaia di euro costerà’ ogni anno di manutenzione e mantenimento dopo aver messo impianti stretti come sardine. E deve spiegare l’enormità della cifra
      a chi sta pagando l’IMU…

  5. Scritto da Giulia

    il parco è molto bello, ha reso felici centinaia di bambini e non solo, ho sentito due papà che dicevano che sembra di essere all’estero tanto è fatto bene, non capisco tutto questo accanimento, comunque fate come vi pare, noi siamo contentissime.

    1. Scritto da Pluto

      Cosa vuole che sia un bel parco al posto di una sostanziosa IMU. Sempre a star qui a sottilizzare… Coi soldi altrui…

  6. Scritto da Pluto

    C’e in giro il classico silenzio assordante da parte di chi ha approvato il progetto. Forse sperano che tutto fili via e si esaurisca da solo….

    1. Scritto da Aristide

      “Malmostós”: ecco che cosa mi sento di dire. Secondo il Vocabolario Treccani, come pure secondo il Dizionario Garzanti, la parola avrebbe questa etimologia: «comp. di “mal(e)” e “mostoso” (nel sign. di “ricco di mosto, sugoso”)». Non so se l’etimologia sia corretta. Ma una cosa è certa: a Pluto non ne va bene una, quando si tratta di Gandolfi o iniziative afferenti a Gandolfi. Che cosa mai gli avrà fatto, il Gandolfi?

  7. Scritto da un cittadino

    MA è VERO? 304.000 EURO, PER UN PARCO!! qualcuno mi sa dire se corrisponde al VERO??

  8. Scritto da mamme

    il parco è costato il giusto, il rapporto qualità prezzo è ottimo, la permuta difficoltosissima durata decenni è stata risolta finalmente dalla giunta precedente, un terzo del parco è stato creato dal niente, con gazebi (compreso quello delle toilette ricostruite da zero), i giochi il sindaco Gandolfi li aveva fatti scegliere a noi mamme dal catalogo una ditta specializzata e non al supermercato, dice bene infatti il Sindaco Serra quando sostiene l’importanza di questo parco. Mi hanno detto al parco l’altra sera che il parco è stato realizzato senza fare mutui, questo per Curno è un risultato di non poco conto, vista la situazione finanziaria pesante di cui abbiamo saputo in questi anni.

    1. Scritto da Papà

      Io ho da obiettare solo sulle orrende panchine in cemento.
      Non so chi le abbia scelte ma a mia memoria mai ne ho viste di più brutte. in nessuna parte del mondo. Anche quelle scelte dalle mamme?

    2. Scritto da Pluto

      Racconti quanto costa al mq questa ristrutturazione e poi confrontiamo la cifra col costo di costruzione di una casa. Quanto ai giochi certo che non li hanno presi in pasticceria ma forse non vi siete rese conto che avete rifatto il macdonald o se vuole un leroy merlin? E nessuno vi ha detto che un parco non e’ una scatola di sardine coi giochi impacchettati uno sull’altro? E mi scusi: perché’ lei compera una casa mini e senza verde e poi pretende che gli altri cittadini le paghino lo spazio per far giocare i suoi figli? Mi vergogno di appartenere a un comune che in epoca di crisi spende una marea di soldi in questo modo. Che si fa? Se le mamme di Curno vogliono un campo di golf….

      1. Scritto da urbano

        Ma non siete mai contenti! sempre e solo critiche.
        Fosse stato per lei probabilmente staremmo ancora a rincorrerci con le pelli di gatto addosso come vestiario, poi avrebbe ancora da ridire perché non fa pendant (pan’dan) con la grotta. Sarà costato quel che è costato e conoscendo il rigore dell’allora sindaco; sempre meno di quel che si sarebbe speso se ci si fosse accordati con “10.000.000” di consulenti fittizi. Se non avesse fatto “nulla” avrebbe detto . Invece è bella la piazza antistante la parrocchia, quella si che è alto prestigio architettonico, finiture di pregio con vista verso il piazzale per l’ora d’aria. Lirica.

      2. Scritto da Pietro

        Mamme, casomai mamma. a) il parco è costato troppo. b) La priorità non era sicuramente il parco. Oppure la mamma ha dimenticato lo stato delle scuole a Curno, o forse i suoi figli/e sono piccoli e l’argomento lo tratterà + avanti, o frequentano le scuole fuori Curno, o il suo reddito è oltre la media.

        1. Scritto da ancistrus

          Concorco con chi sostiene che la vera questione da risolvere sia quella vergognosa scuola e annesso auditorium, iniziati e mai finiti! Da padre di due bambini dico poi che se si voleva realizzare un parco giochi per bambini, alla fine ne è venuto fuori un bel giardino verde ma con pochi giochi (una sola altalena e nemmeno per i bimbi piccoli, un solo scivolo…). Come sempre in Italia molta apparenza e poca sostanza.

  9. Scritto da Elle

    A Curno probabilmente non ci sono gruppi / volontari o società che operano nel verde che potevano migliorare la fruibilità e le condizioni del parco: è impressionante la cifra!!!!

  10. Scritto da Pluto

    http://www.halleyweb.com/c016089/mc/mc_attachment.php?x=718bdc46980e5b85e56578c749ce4333&mc=3414&
    Ma davvero arriverete a spendere 304.000 euro per questo parco? Ci avete messo le piastrelle d’oro zecchino e gli alberi coi pomi d’oro? A Gandolfi i soldi dei Curnesi non costavano niente?
    Se lo vengono a sapere i Curnesi in epoca di IMU vi rincorrono coi forconi.