BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bassa, quanti cinesi! Pagano cash e rilevano i bar

L'ondata orientale investe una zona fino a poco tempo fa molto florida. L'ultimo locale passato nelle mani cinesi è lo storico bar Aral di Romano. Gli ex gestori: "Sono gli unici che pagano la cifra richiesta, e poi lavorano anche la notte per fare i soldi"

Il territorio è più esteso e meno caotico rispetto a quelli occupati di solito, ma la Bassa Bergamasca può essere comunque definita come una nuova sorta di Chinatown. Sono numerose e in crescita le attività di vario tipo gestisti da immigrati provenienti dal Paese orientale. Bar, ristoranti, parrucchieri, centri massaggi e addirittura dentisti. L’ondata gialla non si ferma e, complice la crisi economica del nostro Paese, investe anche una zona fino a poco tempo fa considerata molto florida.

Diversi gli esercizi, anche storici, situati tra Romano di Lombardia e dintorni, passati negli ultimi anni nelle mani cinesi. L’ultimo di questa serie il bar Aral di Romano, noto locale che vanta quasi 40 anni di storia situato lungo la trafficata Statale Soncinese, che attraversa l’intera Bassa orientale. I precedenti gestori hanno salutato la chiusura offrendo ai clienti più affezionati un buffet, a base di carne alla griglia e polenta bergamasca. Anche lasciare un ultimo segno su un territorio che sta diventando sempre più “giallo”. Poi, con un pizzico di malinconia, la famiglia Comini ha abbassato definitivamente la serranda: “Gestivamo da quasi 20 anni questo locale e ci è dispiaciuto molto doverlo cedere –le parole della moglie del signor Claudio- ma siamo stati costretti a farlo. Sia per la stanchezza, con l’età che avanza, sia per il momento generale non più così florido a livello economico. Con la crisi la gente spende meno, anche al bar”.

Una situazione sfavorevole a livello economico che non tocca minimamente i cinesi, gli unici oggi disposti a sborsare certe cifre per investire nelle attività della nostra zona: “Gli italiani vorrebbero comprare un bar in centro ad un paese come Romano per 50mila euro: una vera assurdità –commenta la signora- Invece loro arrivano e sono disposti a sborsare l’esatta cifra richiesta (si parla di 500mila euro in contanti versati per rilevare l’Aral). Si tratta di una famiglia che abita a Milano, e che ha già altri quattro locali come questo in gestione”.

Nuova gestione, con i servizi di sempre e orari più agevoli per i clienti. E il giorno di chiusura? “Non esiste, loro non chiudono mai, sempre aperti sette giorni su sette. Al mattino aprono un’ora prima di noi, alle 6, e la chiudono alle 2 di notte. Gli abbiamo chiesto come facessero per le pulizie, senza nemmeno un giorno di stop, e ci hanno risposto che quelle le fanno la notte”.

Ritmi diversi rispetto a quelli degli italiani, che nel frattempo non riescono ad arrivare a fine mese: “La crisi c’è e si sente, bisogna ammetterlo. Ma c’è anche da dire che loro si fanno in quattro per lavorare, mentre molti di noi vogliono avere la pappa pronta. Se vogliamo uscire da questo momento dobbiamo essere più umili, e magari imparare qualcosa dai cinesi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antani

    Già far rimanere aperto il locale 7 giorni su 7 dovrebbe generare un introito di circa il 15% in più. La roba poi la comprano nei supermercati e non dai fornitori e lì è un altro 10% risparmiato. Ogni gestore lavora poi minimo 14 ore al giorno. I conti sono presto fatti.
    Impegno e dedizione.

  2. Scritto da Giovanni

    I cinesi sgobbano più di noi.
    Attenzione non vengono in cerca di lavoro ma vengono in veste di investitori.
    Diamoci una sveglia, non sono più disonesti di noi, sono solo disposti a sacrificarsi.
    Una volta anche noi italiani eravamo così, ma quegli italiani sono ormai tutti morti.

  3. Scritto da Cosa devo imparare?

    Imparare cosa? Lavoro in nero? Uso di immigrati clandestini come lavoranti? Violazione di ogni norma sanitaria e tributaria esistente? Abusivismo? Solo che i controlli vengono fatti sugli italiani e non sugli esercizi e le attivià degli stranieri.

    1. Scritto da mariosport

      1° Impara a pensare prima di scrivere.
      Io vado a bere il caffè tutti i giorni da loro. Marito e moglie e mai una volta si sono dimenticati lo scontrino. Dove andavo prima non si dimenticavano mai di evitare di farlo.
      Certo non saranno tutti così … come noi però. Ne meglio ne peggio.

    2. Scritto da mariosport

      1° Impara a pensare prima di scrivere.
      Io vado a bere il caffè tutti i giorni da loro. Marito e moglie e mai una volta si sono dimenticati lo scontrino. Dove andavo prima non si dimenticavano mai di evitare di farlo.
      Certo non saranno tutti così … come noi però. Ne meglio ne peggio.

  4. Scritto da hearthquake

    Se il bar dove vado a bere il caffe fosse rilevato dai cinesi smetterei immediatamente di andarci.Mi piacerebbe poi sapere dove i pakistani prendono i soldi per aprire i minimarket e i marocchini i negozi di kebab…

  5. Scritto da Ranger

    Hanno saputo che in italia pagare le tasse è facoltativo e al buoncuore. Il Bengodi !

  6. Scritto da pina

    Al mercato tutti i banchetti dei cinesi, indistintamente, non rilasciano lo scontrino fiscale se non dietro esplicita richiesta.

  7. Scritto da Ulix

    Quando si dice cash (terminologia inglese), non si intende contanti. Vuole semplicemente dire che non ci sono finanziamenti o mutui. Solo soldi contanti, a questo punto grazie alle leggi italiane tenuti in banca!!

  8. Scritto da GIANBA

    pagamento in ”CONTANTI” è un modo di dire per evidenziare che il pagamento viene fatto tutto e subito a differenza di un pagamento dilazionato o a rate.
    Cosa pensate che i cinesi vadano in giro con 500.000 nella valigetta e poi chi li riceve quando li versa in banca si trova una immediata segnalazione per operazione sospetta

  9. Scritto da boss

    La mafia cinese?…i fornitori di questi bar sono tutti cinesi.
    Scaricano prodotti in orari assurdi e da auto anonime… Non sarebbe opportuno che qualcuno verificasse?!?

  10. Scritto da La verità fa male

    E’ stato da poco creato il super cervellone SERPICO grazie al quale Befera e Monti ci hanno assicurato che gli evasori saranno stanati e costretti a pagare fino all’ultimo euro. E’ stato strombazzato il divieto assoluto di fare operazioni in contante “sospette” oltre i 1.000 euro (che devono essere segnalate immediatamente all’Agenzia delle Entrate). Sono in arrivo 300.000 lettere a sospetti evasori in cui si chiede di dettagliare le spese sostenute. Malgrado tutto ciò, da questo articolo si apprende che si vendono tranquillamente locali con movimenti vertiginosi di contanti. Aspetto fiducioso i commenti dei fans di Monti o di Befera o di quelli “viva Equitalia” ecc…

    1. Scritto da Sospetto

      Ci illumini: cosa c’e’ di sospetto, a parte il grave elemento oggettivo che hanno il muso giallo?

      1. Scritto da Jacques Clousot

        Beh, c’è di sospetto, ad esempio, il fatto che tutta questa gente possieda cospicui fondi in denaro, senza avere l’aria dell’investitore: anzi, sovente, ricordando, nell’aspetto e nei modi, un autentico povero cristo. Quindi, delle due l’una: o i cinesi applicano sistematicamente il più clamoroso understatement, oppure riciclano denaro sporco a nome di qualcun altro. Chessò, la mafia cinese, per esempio: lo ritiene plausibile o le pare un attacco xenofobo? Loro non hanno la tracciabilità in Cina e, quando sono qui, non devono giustificare il capitale con cui sono arrivati: anche questo le suona inverosimile? Se ha risposto sì a tutte le domande, o è cinese o è molto fiducioso. Molto.

  11. Scritto da michele

    … con 1000 euro al mese non posso boicottare proprio nessuno.
    SONO IO IL BOICOTATTO DI QUESTO STATO CHE ESISTE SOLO PER GLI INTERSSI DEI GRANDI e per i piccoli!!???
    SIAMO TROPPO FORTI; CE LA POSSIAMO CAVARE COMUNQUE VADANO LE COSE.
    Sono un RAZZISTA MORALE.
    La Terra, li 06-06-2012.

    1. Scritto da diversamenteabile

      motissimi operai prima di lei percepivano 1milione di lire mensili prima dell’euro ma facevano tutti o quasi 2 giornate specialmente operai di grandi fabbriche vedi DALMINE,SAME,BASLINI,ECC,ECC
      ma però chissa perchè questi non erano e non sono evasori mistero ITALIA e hanno tutti la casa di propietà forse 2 case MISTERI????

    2. Scritto da diversamenteabile

      motissimi operai prima di lei percepivano 1milione di lire mensili prima dell’euro ma facevano tutti o quasi 2 giornate specialmente operai di grandi fabbriche vedi DALMINE,SAME,BASLINI,ECC,ECC
      ma però chissa perchè questi non erano e non sono evasori mistero ITALIA e hanno tutti la casa di propietà forse 2 case MISTERI????

  12. Scritto da giustino

    certo che prendere 500mila € in contanti, il massimo non sono 1000€, poi assegni e bonifici? Come vanno i cinesi ad avere cosi tanto denaro in contanti?

  13. Scritto da anto

    Semplice….BASTA NON ENTRARE!!!
    BOICOTTIAMO IL MADE IN CHINA!!!

    1. Scritto da jack

      ” BOICOTTIAMO IL MADE IN CHINA!!!
      Ovviamente tranne quando ti mettono sul tavolo mezzo milione di euro…..

      1. Scritto da diversamenteabile

        LEI ha mota fantasia o vede troppi cinema demenziali.