BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rumori, scarichi e disagi L’aeroporto è un incubo quanto devo sopportare?

Aldo Poloni, un altro residente ad Azzano San Paolo, scrive una lettera aperta indirizzata ai sindaci di Azzano e di Bergamo per rimarcare i disagi che subisce dai voli dell'aeroporto di Orio al Serio

Più informazioni su

Aldo Poloni, un altro residente ad Azzano San Paolo, scrive una lettera aperta indirizzata al sindaco di Azzano e al primo cittadino di Bergamo per rimarcare quanto sia diventato impossibile per lui vivere accanto all’aeroporto.

 

Egregi Sindaci di Azzano e di Bergamo,

Mi rivolgo a tutti Voi per segnalare l’ormai grande disagio che vivo in casa mia a causa dell’aeroporto di Orio al Serio. So che ci sono tavoli di discussione aperti e di trattativa per migliorare l’impatto di quest’ aeroporto nei confronti di chi giornalmente subisce un disagio più o meno grande, in base alle posizione della sua abitazione, ma sinceramente, quantomeno per Noi cittadini di Azzano San Paolo, cedo che non possiamo certo parlare di nessun genere di mitigazione, visto che gli aerei sono sempre più vicini, perché?

Io fino a qualche anno fa non avevo un problema particolare, anche se l’aumento dei voli era già un impatto considerevole ma oggi, i voli sono stati spostati verso casa Mia, perché?

Ci sono ormai mattine in cui i voli si susseguono a ritmo impressionante, fino a quando potremo resistere?

Adesso, con l’arrivo della bella stagione poi, il problema diventa veramente difficile da sopportare, ma come si fa a vivere con questo baccano e inquinamento?

Quando penso poi che la mia auto diesel Euro 2 non posso usarla per sei mesi l’anno perché inquino. Mi sembra inoltre di notare, semplicemente a occhio nudo, che i voli della compagnia Ryanair sono sempre quelli meno rispettosi della rotta definita, che leggo sui giornali dovrebbe passare sopra l’autostrada (e sono anche i più numerosi), perché?

Non Vi sembra che sia arrivato il momento di mettere uno stop a questo continuo disagio ? Il business raggiunto e con esso i posti di lavoro creati non possono essere considerati accettabili?

Fino a che punto ci si può spingere sulle spalle dei cittadini?

Chi decide che l’equilibrio benefici/svantaggi è stato superato?

Ho messo solo alcuni punti su quest’argomento trattato ormai da anni, spero solo di ricevere Vostre risposte una volta tanto semplicemente a favore di chi subisce questo disagio giornalmente.

Grazie e Cordiali Saluti

Aldo Poloni

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da damiano

    È sconfortante leggere i vostri commenti. Gente ottusa che pensa solo a se stessa. Litigate tra di voi invece di unirvi. Il popolo resterà popolo e i padroni continueranno a sfruttarlo. Ascolto, umiltà e partecipazione servono per cambiare le cose ma non ci arriverete mai.

  2. Scritto da sandokan

    Mi vergogno di essere bergamasco …. Hanno svenduto la vita di migliaia di famiglie per sette denari… Ingiustizie ed iniquità portano a disgregazione sociale…la misura é colma…

    1. Scritto da fRANCESCA

      A causa dell’anticipo della virata proposto dall’assessore M.Bandera, tutti noi azzanesi siamo costretti a subire questi disagi, prodotti essenzialmente dall’aeroporto di Orio. Con l’anticipo della virata, gli aerei in decollo direzione Ovest si ritrovano ad una bassissima quota di sorvolo sopra e vicino alle nostre abitazioni. L’assessore Bandera avrebbe dovuto preoccuparsi della qualità di vita dei cittadini di Bergamo città e anche dei paesi limitrofi, e non accontentare ogni richiesta di SACBO; avrebbe dovuto pensare alla dignità di migliaia di persone e non agli interessi economici della banca UBI, principale azionista di SACBO. Questo è solo arrivismo,VERGOGNA assessore Massimo Bandera

    2. Scritto da Danilo

      E’ stato dato spazio in televisione al presidente della SACBO, Miro Radici, senza la presenza dei sindaci e dei comitati, che avrebbero stimolato un vero confonto. Anche se erano presenti alcuni giornalisti, la trasmissione si è rivelata un monologo vergognoso. Vergognoso sia per l’ignoranza espressa dal sig. Radici ed in particolare modo per la sua assurda presunzione che esistano ancora dei “PADRONI”, quando il Radici si riferisce alla UBI e soci SACBO. E’ troppo offensivo nei confronti delle migliaia di cittadini che giornalmente subiscono i disagi prodotti da Ryanair, che non venga dato, in televisione, lo stesso spazio di replica ai sindaci ed ai comitati dei cittadini. VERGOGNA TV BG.

      1. Scritto da Paolo

        L’impressione di diverse persone, che come mè pensano che Orio abbia superato ogni lecito limite, è che i nostri politici sono incapaci di parlare onestamente ai propri cittadini. Non sono capaci di imporre un limite ai disagi, perchè non hanno sviluppato soluzioni almeno nel breve periodo. Probabilmente, una volta finita l’autostrada BreBeMi, parte del traffico aereo verrà obbligatoriamente spostato magari su Montichiari. E proprio per questo motivo M. Radici (SACBO) stà cercando di ottenere un accordo veloce con Verona “Il Catullo”, entrambi interessati al NON sviluppo come aeroporto LowCost di Montichiari, che ha dalla sua una pista bellissima, omologata anche per Boeing da 500 posti.

        1. Scritto da Blassi Alessio

          Ma che limite ragazzo? Avete capito o no che quella è una stima contenuta non nel VIA, ma cmq che serve per pianificare uno sviluppo nel corso del tempo.
          Dovete smetterla di pretendere di parlare per tutti

          1. Scritto da Paolo

            Ti ringrazio per il “ragazzo”, bei tempi passati. Il limite del 2015 è già stato superato, pertanto non è più possibile parlare di uno sviluppo da pianificare negli anni. Inoltre la tipologia degli aerei in discussione nel VIA era molto più leggera, avrebbero dovuto trasportare 100 passeggeri, come l’Embraer 190 del peso a pieno carico massimo di 45 tonnellate e non 77 tonnellate e 194 posti come gli aerei Boeing della Ryanair. Infatti la differenza di rumore in fase di decolo è impressionante, anche perchè gli aerei di peso inferiore si alzano in cielo velocemente e con meno inquinamento acustico ed ambientale. Sono molti coloro che la pensano così, guarda tutti gli striscioni di Azzano S P

        2. Scritto da Ugo Bassi

          Probabilmente, una volta finita l’autostrada BreBeMi, parte del traffico aereo verrà obbligatoriamente spostato magari su Montichiari.
          Fonte:???
          Se l’aeroporto non vi sta bene, potete anche emigrare altrove. Ma in tutto il mondo gli aeroporti inquinano.

          1. Scritto da Davide

            Mai sentito parlare di GIULIANO PISAPIA, il sindaco di Milano. Finalmente qualcuno che ha capito che la pista di MONTICHIARI è già pronta, è disponibile anche per aerei che trasportano 500 passeggeri pertanto può essere complementare a Malpensa, è ben posizionata tra MI-BG-VE-BS pertanto con un buon bacino d’utenza, ha già adottato con delibera n. 1812 del 31 maggio 2011 il PIANO D’AREA che permette uno sviluppo futuro, a breve sarà collegata a Milano anche con la BreBeMi, è già collegato alla linea ferroviaria veloce, …
            UGO volevi una Fonte, …ti ritrovi un candidato da votare … forza UGO apri gli occhi e le orecchie!

          2. Scritto da Davide

            Mai sentito parlare di “Piano di Zona”, ebbene a Montichiari è già in vigore, necessario per mantenere in futuro la possibilità di espansione dell’aeroporto. Nessuno della Regione Lombardia, della prov. e del comune di BG ha deliberato un PIANO D’AREA, in previsione di uno sviluppo futuro dell’aeroporto “Il Caravaggio”, pertanto chi ha permesso di costruire adesso NON può più pretendere, senza un giusto compenso, di creare così tanti disagi. Ne sono al corrente anche tutti questi pasticcioni di politici che ci governano, come anche noi che ribadiamo da diverso tempo che la SACBO, (una società privata obbligata a rispettare le leggi) deve indennizzare tutti coloro che ne hanno il diritto!!!

    3. Scritto da Colognolese

      “L’aeroporto mi ha rovinato la vita Colognola addio dopo 35 anni” diceva una tale di cogliognola. Chesta l’è a mo’ ché. Si vede anche solo da questo che siete dei contaballe.

  3. Scritto da basta!!!!!!!!!!!

    fine settimana dal 01-06 al 04-06 giornate invivibili una mitragliata di aeroplani voli bassi su colognola rumore rumore aerei moderni sempre piu’ rumorosi sindaci basta ,non dovremmo pagare l’IMU per il disagio il conto mandatelo all’aeroporto e adesso che l’estare arriva sempre piu’ voli basta !!!!!!!!!!!!!!!!!!1

    1. Scritto da pagine gialle

      fatti curare!

  4. Scritto da lillo

    L’aeroporto nasce nel 1937 per scopi militari. Nella provincia di Bergamo esistevano campi di volo già dal 1911 (ad Osio Sotto) e ne vennero costruiti altri durante la Prima guerra mondiale.
    Nel 1949 istituti bancari, gruppi commerciali ed enti locali costituirono un comitato per dotare Bergamo di un aeroporto civile. La conclusione di questo lungo iter si ebbe il 16 luglio 1970, quando venne costituita la SACBO, Società per l’Aeroporto Civile di Bergamo – Orio al Serio.

    1. Scritto da Luca

      Nell’anno 1970 la maggior parte delle case limitrofe all’aeroporto di Orio erano già edificate!!! Adesso cosa pretendete? Volete spostare tantissime famiglie solo per interessi economici di una ditta privata quale è SACBO S.p.A.???? Ma non inventatevi che l’aeroporto è assolutamente necessario con questi esagerati numeri di passeggeri e di merci perchè produce lavoro e guadagno. L’aeroporto non è assolutamente in equilibrio con il territorio che lo circonda, inoltre ci sono altri aeroporti che possono distribuirsi buona parte dei passeggeri che attualmente transitano da BG-Orio. Non è possibile che una sola compagnia aerea (RYANAIR) mantenga il totale controllo di un aeroporto nazionale!!!

  5. Scritto da lillo

    quando chiudiamo la statale per la valle brembana?inquina mi disturba ed ora la domenica iniziano le colonne……….che noi siamo abitanti di serie b

  6. Scritto da Stefano

    Coordiniamoci con tutti i comitati e una bella domenica mattina, visto che dormire non si può a causa del frastuono degli aerei, blocchiamo l’aeroporto! Non se ne può più, non è possibile che nessuno faccia niente e che il comune di Bergamo se ne freghi! Bravi tutti a prendere voti e poltrone, poi quando c’è da ascoltare il cittadino si fan tutti sordi!

    1. Scritto da sandokan

      Sono d accordo con te…é ora di agire… voglio vedere il nuovo vero padrone di bergamo mr ryan come reagirebbe ad un blocco dei suoi voli… Minaccerebbe la sacbo di andarsene e chiederebbe i danni alla città… stop allo scempio:-|

      1. Scritto da Bruno

        Il momento giusto per agire è quando rifaranno la pista di atterraggio ad Orio. In quelle due settimane tutti apprezzeranno cosa vuole dire VIVERE IN PACE E SERENAMENTE, come prima dell’arrivo di Ryanair a Bergamo. Si, il rifacimento della pista e la fine della BreBeMi con conseguente decollo dell’aeroporto di Montichiari è il momento giusto per la più grande manifestazione a Bergamo. Tutto il movimento cinque stelle si stà organizzando in proposito. Spargete la voce……che inizi il tam tam …..

      2. Scritto da Cecco Raul

        Ehi fenomeno prima ve la devi vedere con noi. E poi RYR si fa beffa di un branco di pezzenti disadattati come voi!

  7. Scritto da riky

    ho letto tutti i commenti e vedo che si cerca solo di scaricare il barile, soprattutto quando si parla di rispetto delle regole e in particolar modo per quanto riguarda gli orari di atterraggio.
    Avendo una certa esperienza per quanto riguarda i voli mi sento di dare la mia opinione,allora,per gli aerei in arrivo c’è da dire che sono tutti schedulati in maniera da rispettare gli orari previsti dalla legge ma purtroppo molto spesso subiscono ritardi non dipendenti ne dalla compagnia aerea ne dall’aeroporto di Orio,ma bensì dall’aeroporto di partenza(es per carico bagagli o controlli all’imbarco inutili).

  8. Scritto da Gibovi

    Gli abitanti di Colognola e di Azzano sono stati troppo pazienti e hanno creduto al rispetto delle leggi, e di chi avrebbe dovuto farle rispettare. Ora basta! Scendiamo nelle strade blocchiamo il traffico, protestiamo , e che nessuno si permetta di dire che siamo “disadattati”.

  9. Scritto da mah...

    se non siete voi di Azzano saranno quelli di Seriate..se non sono loro sarà qcun altro. gli aerei non decollano in verticale quindi rassegnatevi.l’aereoporto non si puo’ spostare,cose chiedete? a noi no,rompete i timpani a qcun altro?? mah…

    1. Scritto da Andrea

      Ignoranza oltre ogni confine! Non hai mai sentito parlare del PIANO D’AREA, che guarda caso permette a Montichiari un futuro e lecito sviluppo? Se nessun politico che si possa rispettare (pochissimi al giorno d’oggi sono veramente validi) ha mai pensato di creare e deliberare il Piano D’Area dell’aeroporto di Orio, oggi cosa può pretendere M.RADICI, di spostarci tutti, perchè i suoi “padroni” (gli azionisti di SACBO) hanno deciso di guadagnare oltre ogni limite? E pensare che UBI dice di voler portare un guadagno ed uno sviluppo per tutti….ergo… un guadagno di soldi per SACBO e un aumento gratuito di disagi per tutti noi!!!

    2. Scritto da civis

      Per prima cosa si chiede il rispetto della legge, che prevede un numero massimo di voli consentiti ed un orario entro i quali devono avvenire. regole, non privilegi.

  10. Scritto da Alessandra

    …………… e finchè gli aerei passavano sopra Lallio (qualcuno ci passa ancora …) tutto andava bene ????????

    1. Scritto da Rex

      Sicuramente no. E sicuramente nessuno di chi protesta ora si sarebbe permesso di sminuire il problema di Lallio quando c’era. Non si tratta di una guerra tra poveri, anche se a certi politici ed imprenditori farebbe piacere.

      1. Scritto da Alessandra

        Non lo sminuiva ma se ne fregava …

        1. Scritto da Rex

          E questo chi te lo dice? Sacbo?

          1. Scritto da Alessandra

            No, tutte le proteste che fioccano ora che i voli sono stati spostati. Non dico che abbiano torto, hanno pienamente ragione ma sembra quasi un chiedere di tornare alla situazione precedente in modo tale da far star bene gli Azzanesi e limitrofi (e il valore dei loro immobili) e far ricadere le pene aeroportuali sugli sfigati precedenti ….

          2. Scritto da fRANCESCA

            Ad Azzano San Paolo gli aerei Ryanair, a causa dell’anticipo della virata, sorvolano le nostre case a 120 – 130 metri di quota! Dire che è possibile paragonare: 40 aerei giornalieri a questa bassissima quota di sorvolo, con gli aerei che sorvolavano prima Lallio, non è accettabile. Meglio evitare commenti fuori riga. E’ altrettanto ovvio, che le punte di rumore raggiunte ad Azzano San Paolo, con aerei in piena fase ascensionale, producono un gravissimo danno al valore degli immobili privati, e questo succede in una vastissima area, proprio per la potenza del rumore disturbante e dal tempo di sorvolo: oltre 15 secondi di VERGOGNA!!!

          3. Scritto da Alessandra

            E’ evidente che tu non sia mai venuta a Lallio negli anni passati ma puoi venire ora dato che qualche aereo qui si sente ancora e perdonami ma …. 130 metri ?????? evita tu i commenti fuori riga !!!!!

          4. Scritto da fRANCESCA

            Vieni a vedere di persona gli aerei della Ryanair a che altezza sorvolano in decollo le prime case di Azzano San Paolo, ne rimarrai impressionata come tutti noi azzanesi!!!
            Gli aerei passano vicinissimi al Centro Servizi della Finanza, costruito nel 1994 e mai completato costato oltre 50 milioni di euro, che a causa del cambio di rotta degli aerei in decollo verso Ovest, dovrà essere demolito, pensa che spreco di soldi pubblici. Sicuramente anche Lallio è stato bersagliato dall’inquinamento acustico ed ambientale, ma adesso la quota di sorvolo delle abitazioni di Azzano SP è da VERGOGNA, non è possibile aver creato un simile disastro, siamo oltre ogni possibile umana sopportazione!!!!!!!????

  11. Scritto da Angelo

    La cosa ridicola è che vogliono risolvere la questione con quattro doppi vetri e due climatizzatori. Chiusi in casa come polli. Grazie.

  12. Scritto da Alberto

    Per motivi di lavoro, riesco a passare in casa solo la domenica. E’ ovviamente un piacere, dopo essere stato in giro tutta la settimana, ritrovarmi tra le mie cose. In questa stagione, abitando al quarto piano affacciato su un bellissimo parco, dormo con un po’ di tapparelle alzate e finesttre aperte: ore 6,30 e sembra di avere la guerra in casa con il decollo del primo aereo. La cosa si ripete ogni 5 minuti per un po’, ed ovviamente uno non riesce più a riaddormentarsi. Ore 14, dopopranzo sul divano con giornale in mano, cala la palpebra (anche per la levataccia), pregusto una pennichella, quand’ecco che ricomincia il bombardamento, che continuerà fino a mezzanotte. E’ vita questa?

    1. Scritto da Asia Quartieri

      Alberto! Chiudi gli occhi e sogni d’oro.

      1. Scritto da Alberto

        Asia! non riesco a riposare correttamente…, siamo in tantissimi cittadini che desideriamo riappropriarci della nostra serenità e non siamo proprio intenzionati a subire oltre ogni limite.

        BASTA AEREI COSI’ NUMEROSI E COSI’ RUMOROSI!!!!

        PRETENDIAMO PIU’ RISPETTO DA PARTE DI COLORO CHE SONO NELLA POSIZIONE DI DECIDERE, PRETENDIAMO CHE QUESTE PERSONE RESPONSABILI DIANO IL GIUSTO VALORE ALLA DIGNITA’ UMANA E SIANO MENO INCLINI AL SOLO VALORE DEI SOLDI!!!

        Soltanto dopo tutto questo, carissima Asia potrai offrirmi la camomilla per apprezzare i sogni d’oro. Grazie.

  13. Scritto da Tone

    Ci sono tre cose, in questa situazione, che risultano molto fastidiose. Prima di tutto, ovviamente, l’insopportabile inquinamento acustico ed atmosferico. Poi l’atteggiamento da padrone del vapore di alcuni politici (che fanno finta di nulla) ed imprenditori (che ingrassano sulla pelle di altri cittadini). Infine i soliti 4 pirla (l’ha detto formigoni, non è un insulto…) che ti dicono di cambiare casa, o che dovevi saperlo prima. Agli appartenent alle ultime due categorie dico solo: tranquilli, la vita è una ruota, prima o poi qualche sfiga toccherà anche a voi. Noterete allora quanto sarà bello vedere quanti si girano dall’altra parte fregandosene o chi vi deriderà. Auguri.

    1. Scritto da Ernesto

      L’ha detto Formigoni perciò non è un insulto? Vedi che ragioni con la testa di quel pirla?
      Che dici? Ti ho insultato o no? Forse così ritorni a usare la tua testa.

  14. Scritto da rossana

    ma quando comprate la casa vi guardate intorno a voi come è posisionata i problemi col vicinato o pensate solo al bel giardino ai metri quadri alla piscina da mettere la casa è un patrimonio la prima cosa da fare è chiedere non hai visto che la stavi comprando vicino ad un centro commerciale e allaereoporto

    1. Scritto da Laura

      Ma carissima, se io ho acquistato casa lì nel ’93, quando i voli erano pochissimi e le rotte di decollo diverse, cosa dovrei fare? maledirmi perchè non sono stato un veggente? cerca di rispettare il disagio altrui, non è obbligatorio scrivere un commento, soprattutto se sconclusionato. E sgrammaticato.

      1. Scritto da Prico Antonino

        No, signora, ma nel 1993 c’era già da tempo in voga in regione, un piano degli aeroporti lombardi, che risaliva al 1984.

        1. Scritto da fRANCESCA

          Sig Prico Antonino, si informi meglio,per favore. A Montichiari la Giunta Regionale con deliberazione n. 1812 del 31 maggio 2011 ha promosso il nuovo Piano D’Area. Questo Piano D’Area permette un futuro all’aeroporto di Montichiari, limita ogni tipo di costruzione civile o industriale che possa impedire l’ampliamento dell’aeroporto. Quando si dice che un aeroporto è nato bene eccolo: Montichiari a BS, vada a vederlo per favore. Un aeroporto ben disposto e già pronto all’uso, vicino alle autostrade e treni ad alta velocità, e importantissimo nessun centro abitato così vicino come l’aeroporto di Orio. Non si può pensare di avere a BG un aeroporto di tali dimensioni a meno di 3Km da Porta Nuova

        2. Scritto da Laura

          Ma certo, come no. E questo piano diceva forse che sarebbero state spostate le rotte di decollo verso Azzano e Stezzano? O magari diceva che il numero e l’orario dei voli avrebbe potuto tranquillamente sforare la normativa prevista dalla legge assecondando gli interessi privati e sacrificando quelli dei cittadini? Quello che si chiede è il rispetto delle regole, non un privilegio. Stia bene.

          1. Scritto da Prico Antonino

            non diceva. Diceva Linate: 32 voli l’ora. Linate oggi ha nel 2011 quasi il doppio dei voli di Orio e Linate ha il blocco a 20 voli l’ora. Orio al Serio aveva una stima di 20 l’ora e in un’ora ce ne sono 5, Malpensina una stima di 56, ma a 10 anni dalla sua entrata in funzione è rimasta sempre poco più o meno agli stessi livelli di passeggeri. Inoltre a Linate ci sono più abitazioni e centri abitati e paesi limitrofi che in questa terra di cervelli neuroazzurri, che fanno concorrenza ai cugini vostri bresciani solo per far casino, ma con la stessa finalità: per niente.
            Stia serena.

          2. Scritto da Laura

            Son già serena, piuttosto è lei che sembra agitarsi perchè in difficoltà (cervelli neurazzurri, vostri cugini bresciani: ma dov’è finito?) soprattutto dopo i suoi numeri incomprensibili, la sua tirata provincialista, e soprattutto il nulla -perchè nulla c’era nella normativa da lei citata- sul cambio di rotte di decollo. Stia e basta.

    2. Scritto da senza parole

      Mi scusi ma lei prima di scrivere pensa?!!Azzano esiste da prima dell’aeroporto e del centro commerciale…gli aerei non passavano sopra azzano però si è deciso che per FAVORIRE qualcuno hanno deciso di cambiare la rotta naturale e farli spostare sopra Azzano..se non lo sa Azzano essendo confinante con Bergamo aveva fino a 2 anni fa prezzi altissimi per le case in quanto è molto comodo ed è un bel paese..informatevi prima di parlare…è ora di finire di scrivere che azzano aveva i prezzi bassi,è un’invenzione..villaggio degli sposi,lallio e limitrofi costavano molto meno..

    3. Scritto da DannyBoy

      Sei talmente intelligente da non sapere che l’80% delle case dei paesi attorno all’aeroporto sono state costruite 30-40 anni fa, mentre l’aeroporto si è sviluppato negli ultimi 15. Informatevi prima di parlare, capre.

  15. Scritto da arpaleni

    di orio a bergamo proprio non se ne vuole parlare. sia il comune che la provincia detengono quote significative di sacbo, ma si guardano bene dall’intervenire. l’anomalia di un aeroporto con un volume di traffico in crescita esponenziale situato alle porte della città e nel bel mezzo di vari paesi di grandi dimensioni non viene assolutamente recepita. uno studio epidemiologico sullo stato dell’inquinamento ambientale non esiste. ryanair li tiene tutti per le p. e si fa gli affari suoi. purtroppo con i “governanti” che ci si ritrova non ci sono speranze di un cambio della situazione.

  16. Scritto da cri

    Non riesco a capire come certa gente si possa permettere di sminuire le giustissime lamentele di un altro cittadino.
    Sono nata e abito a Grassobbio che conosce il problema dell’aereoporto da sempre: rumori anche di notte, motori che rullano in pista per ore, zaffate di carburante, aerei a bassissima quota che scuotono le case, una volta è pure cascato un cargo a 2 passi dalle case!
    Bisogna SEMPRE farsi sentire e richiedere le giuste regolamentazioni, se non si difendono i propri diritti ci si impiega poco a farsi mettere i piedi in testa..e già capita fin troppo spesso!

    1. Scritto da Alice Quadri

      Confondere i diritti coi capricci è una cosa a dir poco… infantile

      1. Scritto da Alà, fiaba

        Capricci saranno quelli di chi si arricchisce creando forti disagi ad altri cittadini, cara abitante del Paese delle meraviglie.

        1. Scritto da Anna Craiolo

          Cara Fiaba vivi la realtà e pensa con la tua testa. I capricci intorno agli aeroporti li fate solo voi

          1. Scritto da cri

            I “capricci” intorno agli aeroporti li facciamo solo noi per NOI abitiamo intorno agli aeroporti. Ti sei risposta da sola, peccato però che bisognerebbe essere più uniti e più inclini a comprendere i disagi degli altri anziché liquidarli sempre come capricci

          2. Scritto da La fiaba sei tu

            Carissima Anna (o Alice, tanto è lo stesso), la realtà che vivo si misura -realmente- in decibel, e parla chiaro. Questo porta la mia testa, da sola, a pensare. La tua reltà ed il tuo pensiero invece sfuggono: si tratta di pochezza o di malafede?

      2. Scritto da DannyBoy

        E quali capricci? Avere 100 aerei al giorno a 100 metri sopra la testa è un capriccio? Respirare cherosene, non potere parlare e ascoltare la tv, coi vetri che tremano, è un capriccio? A me sembra che la maggior parte di chi pontifica non abbia la benchè minima idea di come si viva attorno all’aeroporto. Venite gente, a cena a casa mia. Offro io. Poi vediamo come cambiate idea. PS LA casa c’è da 40 anni, l’aeroporto così com’è c’è solo da 15. PARLIAMONE.

  17. Scritto da elena

    Il problema si avverte anche a Seriate, da un anno a questa parte ogni ora del giorno e alle 4 di notte puntuale boati fanno rimbombare le pareti, per non parlare delle tegole delle case che cadono. E riagganciandomi al primo commento: a Seriate non si doveva a regola avvertire il rumore degli aerei.

  18. Scritto da birichino73

    orio per chi viaggia parecchio e sopratutto per lavoro è una gran comodità ed io sono contento di averlo vicino a casa, mi fà risparmiare soldi e tempo, Soldi, quelli che non pago di autostrada bergamo milano malpensa ( circa 4.30 euro a tratta ) e quelli del parcheggio circa 16 euro al giorno. Tempo lo risparmio io mediamente 1 ora a tratta se ho la fortuna di partire in orari non di punta altrimenti diventano anche 2. w orio e anch’io come voi abito ad azzano!

  19. Scritto da andrea

    Con questi politici è inutile anche protestare. Al dio denaro niente si può opporre.

    Che poi l’intera città sia in preda allo smog poco importa.

    Alle prossime amministrative si faranno i conti.

  20. Scritto da franca perletti

    intanto orio sta dando luce e lavoro a bergamo…e non certo per i bergamaschi che non fanno proprio nulla per incentivare il turismo…( vedi lo sfascio della stazione….speriamo nella ricostruzione!!!)..a chi si lamenta dei voli….quando avete comperato la casa ( e perchè le hanno costruite proprio lì??? costavano meno certamente!!!) non sapevate che gli aerei…volano?

    1. Scritto da lilli

      le faccio presente che molte case sono state costruite prima che diventasse un aeroporto civile, quando era aeroporto militare sicuramente il traffico non era così sostenuto come adesso. quindi i terreni non costavano meno come dice Lei, anzi, e il danno se lo sono trovati dopo la costruzione quando le rotte sono state deviate sui centri abitati.

  21. Scritto da Paolo

    Soluzione semplice: si fa un piano per spostare i residenti (cambiare casa) anche per quelli che l’hanno comprata pur sapendo che c’era Orio a due passi. Si parte con un accordo volontario, le zone svuotate diventano zona industriale/ infrastrutture ed in 5-7 anni si chiude la questione.

    1. Scritto da Allibito

      Proprio un bel piano, complimenti, la deportazione di massa (degno di Goebbels). E, tanto per la cronaca, in origine Orio era un aeroporto militare praticamente inutilizzato

      1. Scritto da Paolo

        Guardi il mio commento è chiaro e stringato. Prima di fare commenti fuori luogo legga due volte. Nazista sarà Lei. E poi cosa vuole continuare a vivere in quel posto così inospitale. Orio non chiude di sicuro, ergo un piano economico di riconversione delle aree limitrofe è l’unica soluzione radicale. Ma magari lei si accontenta di un’insonorizzazione.

    2. Scritto da gino

      Non sarebbe più semplice se incentivassimo i Gigolò nostrani a frequentare le ‘strade’ di casa nostra? avremmo in un colpo due vantaggi: meno aerei verso i paesi dell’est (dove i numerosissimi Berghhèm Gigolò si vantano di cuccare) e di conseguenza un DRASTICO calo di traffico aereo. Eviteremmo anche la fuga di capitali all’estero e incentiviamo le ‘attività’ locali. AHAH!

  22. Scritto da Marie Antoinette

    Basta, avete stancato. Sembra che solo chi vive ad Orio abbia disagi e debba essere ascoltato… E chi vive vicino alla A4? O alla superstrada? O nel caos del centro? O nei pressi dello stadio? Ad ognuno il suo disagio, in alternativa ci sono dei posti meravigliosi sulle Orobie.

    1. Scritto da DannyBOy

      Ogni Ryanair in decollo inquina come 2000 automobili nello stesso istante. Moltiplicati per 100 aerei giornalieri sono 200 000 automobili sulla testa ogni giorno. Non mi sembra un problema paragonabile agli altri che hai citato, dal punto di vista dell’impatto ambientale. Se poi vuoi renderti conto di come si vive, ti invito volentieri a cena a casa mia quando vuoi. PS La mia casa c’è da 40 anni, l’aeroporto così com’è c’è da 15.

  23. Scritto da mario 2

    ti rispondo io,Secondo te sei piu’ importante tu o l’aereoporto? bene adesso datti una regolata consiglio,invece di lamentarsi cambia casa,o forse quando sei andato a vivere ad azzano non sapevi che l’aereoporto era vicino? per cui la tua e’ una lettra sterile.

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Gente, ma è peggio del cane di Pavlov: nomini Orio e subito salta fuori quello che non-rompere-compravi-casa-da-un’altra-parte. Argomento smontato mille volte in cento modi. Mario 2, se si ammalerà di cancro non venga a chiedermi di pagarle le cure con i soldi delle mie tasse: forse quando ha comprato la macchina non sapeva che il benzene è cancerogeno? Peggio per lei.

      1. Scritto da Claudia

        Parole sante, bravo!

      2. Scritto da Quericone Walter

        professore, questo che Lei dice succede anche con l’Atalanta, ma l’Atalanta a Bergamo sacra e Orio è il diavolo in persona, che, però, mi sembra che ammali questi disadattati.
        E poi, professo’, non rompa le balle, che tanto Lei sta a Treviglio e lì passano e si sentono meglio anche quelli di Linate!

        1. Scritto da Taricone Balzer

          Complimenti, quanta ottusità in poche righe…

    2. Scritto da dacci i soldi

      dacceli tu i soldi e cambiamo casa tutti. Azzano e stezzano fino a 2 anni fa non erano toccati direttamenti dagli aerei in decollo, poi improvviamente sacbo ha cambiato le rotte e così adesso gli aerei ci passano pochi metri sopra il tetto di casa, Chissà che magari un giorno non decidano di cambiare ancora le rotte e di passare a bassa quota sopra la tua di casa poi non farai più tanto lo spiritoso e vedremo se tu cambierai casa (vendendo la tua, se ci riesci, ad un prezzo stracciato). Più rispetto per quelle persone, e sono migliaia, che subiscono dei disagi. Mi consola il fatto che il rumore lo subiamo solo noi ma l’aria inquinata la respiri anche tu !!

    3. Scritto da mauro

      no, forse non lo sapeva perchè magari come me si era comprato casa in un periodo in cui Azzano era un’isola felice. Adesso, oltre ai rumori e all’inquinamento, c’è pure una casa svalutata. Me li da lei, caro signore, i soldi della svalutazione? Mors tua vita mea… così ragionate… Per questo l’Italia va a rotoli, perchè la gente guarda solo al proprio giardino..

  24. Scritto da cittadino disperato

    orio è diventato una vergogna….. e sta rovinando la vita a migliaia di famiglie… è ora di fare qualcosa contro questo schifo!!!!!
    Non ci sono più parole per descrivere quello che sta succedendo….

    1. Scritto da Italo Balbo

      Facciamoli atterrare a San Vigilio, porca l’oca: rivoluzione aviatoria!