BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ponteranica & Impastato “Il sindaco strumentalizza il nostro padre Baggi” fotogallery

Sacramentini, Libera e Comitato preparano per il 13 giugno un seminario per ricordare padre Giancarlo Baggi e Peppino Impastato, vittima della mafia. Rifondazione Comunista e Movimento studentesco pronti a dare battaglia durante la cerimonia.

“Non siamo stati invitati e nemmeno informati. Riconfermiamo la nostra distanza da questa iniziativa del Comune di Ponteranica. Padre Giancarlo Baggi aveva grande sensibilità culturale e ci dispiace che la sua persona venga strumentalizzata e contrapposta a quella di Peppino Impastato, che ha dato la sua vita per combattere la mafia. Se si voleva ricordare padre Baggi bastava scegliere un altro luogo, una via, una piazza, una sala. Lanciamo un appello perché il sindaco Aldegani riveda la sua posizione”.

La richiesta è di padre Giuseppe Bettoni, vice provinciale dei Padri Sacramentini. A questo appello si uniscono Vanni Cassis e Rocco Artifoni, rappresentanti di Libera Bergamo, e di Carlo Colombi del Comitato per Peppino Impastato: “L’amministrazione comunale torni sui suoi passi”. Per ribadire la loro contrarietà i padri Sacramentini, Libera e il Comitato per Peppino Impastato hanno deciso promuovere una serata per il prossimo 13 giugno per mettere a confronto le due figure di Peppino Impastato e di Padre Baggi. Intanto hanno deciso di tenersi lontano dall’annunciata cerimonia di intitolazione della biblioteca civica al sacerdote bergamasco: “Non vogliamo creare tensioni”.

Anche i familiari di padre Baggi si dicono stanchi di questa strumentalizzazione del proprio congiunto.

Chi invece ha deciso di protestare contro la decisione del sindaco Aldegani sono il Movimento Studentesco e Rifondazione comunista che promettono contestazioni e presidi proprio nella giornata di martedì 5 giugno. Insomma gli animi tornano a scaldarsi anche sul Web, proprio come tre anni fa quando il sindaco di Ponteranica appena eletto, e a capo di una maggioranza di Lega e Pdl, come primo atto del suo mandato decise di togliere la targa della biblioteca, intitolata a Peppino Impastato nel 2008 dopo una serie di iniziative e percorsi culturali ed educativi per far conoscere la battaglia contro la mafia.

La prima delibera dell’amministrazione Aldegani segna la decisione di intitolare la biblioteca civica a Padre Giancarlo Baggi, scomparso nel 2000.

La delibera fu impugnata di fronte al Tar, ma non fu chiesta la sospensiva. L’amministrazione comunale di Ponteranica non poteva intitolare nulla a padre Baggi perché non erano trascorsi dieci anni dalla morte. Polemiche e un braccio di ferro con cittadini, opposizione e associazioni antimafia portarono a Ponteranica da tutta Italia circa sette mila manifestanti. Dopo tre mesi di battaglia il sindaco e la sua giunta decisero di soprassedere. Sono passati tre anni da allora e mercoledì il Comune di Ponteranica ha deciso di tirare dritto per la sua strada intitolando la biblioteca a Padre Baggi.

Martedì 5 giugno in calendario ci sarà la cerimonia. A meno di un ripensamento dell’ultimo minuto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bah !?

    Questi sono degli UFO che a questo punto non sanno più neppure di esserlo.

  2. Scritto da 04mano

    Buono quel ROCCO ARTIFONI di libera, coordinatore per l’abbattimento delle barriere architettoniche della provincia di Bergamo, è da due anni che aspetto una risposta se la scuola media di SCANZOROSCIATE possiede i requisiti di accessibilità per persone disabili.

    1. Scritto da Giosuè Carducci

      Evidentemente a Scanzorosciate non c’è la Lega Nord da attaccare (oppure la cosa non dà la stessa visibilità…)

  3. Scritto da fus

    ma a chi interessa Impastato??? a chi interessa la mafia??? se la mettano in sicilia calabria puglia la targa !!!

    1. Scritto da Andrea

      Complimenti vivissimi: è grazie a questa mentalità che in Lombardia oggi c’è più mafia che nel Meridione.

  4. Scritto da Carlo Colombi

    X SANTO – Che bello invitare all’ultimo i locali Padri Sacramentini facendo leva sul fatto che Padre Luca Zanchi è arrivato solo da pochi mesi nella nostra comunità e quindi nulla sa della biblioteca e delle vicende del 2009… E del autentico raggiro ai danni della scuola vogliamo parlarne?
    Un operazione indegna che sfrutta e calpesta la Memoria di Peppino e dello stesso Padre Baggi …VERGOGNATEVI non esistono giustificazioni

    PS Ma si potrà intitolare un luogo ad un defunto contro il parere del suo ordine ed il volere degli stessi Familiari ?!?!

    1. Scritto da Davide

      Complimenti Carlo, col tuo contraddittorio di cui sopra, sei riuscito a dar ragione a Santo. se il Santo a cui ti riferisci è lo stesso che conosciamo, hai preso un granchio in quanto se c’è una persona che scrive e dice quel che pensa, Santo è.
      leggendo i tuoi post su facebook, covi un astio nei confronti di Santo e magari lui non lo sà.
      sei un bimbo viziato colto con le dita nella marmellata. Tu ben sai a cosa mi riferisco.

  5. Scritto da gio

    adesso capisco perche tutti i giornali sono stati tagliati dalla biblioteca
    non ci sono soldi ???
    o non volete che veniamo a conoscenza di tutte le belle informazioni della lega lingotti diamanti lauree albanese spese personali all infinito ????
    e si la stampa l informazione la verita da fastidio
    che delusione
    visto che non ci sono giornali e libri mettetevi a vendere fata e coke in biblioteca

  6. Scritto da santo

    Padre Bettoni omette.
    Chieda, s’informi prima di parlare…. altro che non sono stati invitati i padri sacramentini e non solo loro, a meno che Padre Luca Zanchi, superiore dei padri sacramentini di Ponteranica, non sia padre. Ma tanto questo sono certo non lo pubblicherete.

    1. Scritto da Davide

      Stai distruggendo un paese sia nei fatti che nei simboli, mettendo i bastoni fra le ruote alle persone e alle associazioni che sopperiscono alle mancanze del comune e in generale delle istituzioni. Levare un simbolo della lotta alla mafia ha un significato potentissimo e gravissimo, ma a te non te ne frega niente, non sei in grado di fare autocritica, non ascolti quello che ti dice la gente, sei ubriaco di potere, e gongoli nel vedere che puoi permetterti di fare quello che vuoi. Non pagherai mai abbastanza i danni che stai facendo al paese di Ponteranica.

      1. Scritto da a.c.

        @Davide: le tue parole sono incontestabili verità.
        Il sig. Minetti e compari non si rendono conto di quanto tutti i cittadini di Ponteranica si stiano vergognando di loro… persino i loro elettori li stanno deridendo ormai da mesi… che figura barbina, altro che ostentare sorrisi e orgoglio padano, roba da nascondersi.
        @Santo: in questo momento il pensiero va a tua moglie e ai tuoi figli che stanno pagando e pagheranno a lungo l’umiliazione delle tue azioni insensate ogni volta escono da casa, ne vale la pena?

  7. Scritto da nino cortesi

    Padre Baggi si rivolta nella tomba.