BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Noi abitanti di via Block costretti a vivere nella morsa della paura”

Una residente del quartiere Block di Spirano denuncia lo stato di abbandono e di paura della zona. Il sindaco Giovanni Malanchini: "Stiamo adottando tutte le misure necessarie per risolvere i problemi"

Più informazioni su

Via Block, la via che dà il nome al nuovo quartiere di Spirano che conta oltre 600 abitazioni, è ormai sinonimo di vandalismo e furti.

“Stamattina nel parcheggio pubblico sono stati trovati cinque auto con i vetri frantumati per rubare le autoradio – racconta Francesca –. Io abito qui da cinque anni, ormai ogni quindici giorni ci svegliamo con queste sorprese. Senza calcolare tutti i furti che subiamo in appartamento. Ci sentiamo abbandonati”. Francesca racconta che visto l’alto numero di denunce in zona passano i carabinieri e la polizia comunale. “Anche se i vigili fanno multe più che controlli” aggiunge.

“Per far fronte a questa situazione abbiamo chiesto di mettere delle telecamere, ma per ora non è successo niente – continua –. Qui lavoriamo tutti, siamo tutte persone che alla mattina si alzano per andare a lavorare per pagare un mutuo di una casa dove speri di rientrare alla sera e di trovare tutto apposto o di svegliarti al mattino sperando di trovare la tua macchina integra come l’hai parcheggiata la sera prima”. Aneddoti e curiosità sugli episodi di vandalismo e dei furti non mancano. “Abbiamo chiesto un incontro con il sindaco, c’è stata anche una serata per parlare dei nostri problemi, ma non si sono viste le soluzioni. Ecco, lancio un appello: sindaco ci aiuti, la prego” conclude Francesca.

Il primo cittadino di Spirano, il leghista Giovanni Malanchini raccoglie l’appello.

“La situazione di via Block la conosco perfettamente, due miei assessori vivono in questo quartiere che abbiamo ereditato da una passata amministrazione che vedeva il binomio Forza Italia e Pds. La responsabilità è loro. Purtroppo si è costruito senza pensare ai servizi, ai parcheggi, alle aree verdi” afferma Malanchini.

“Abbiamo istituito maggiori controlli da parte degli agenti di polizia locale per evitare episodi di vandalismo – puntualizza il sindaco di Spirano –. A due anni dalla nostra amministrazione lo scorso 18 maggio abbiamo approvato il nuovo Pgt che prevede a breve una nuova area edificabile in zona dove sono previsti parcheggi. Quanto è possibile fare per via Bloch lo stiamo facendo e nei tempi previsti dalla legge, mi sento di poter rassicurare chi abita in quel quartiere perché stiamo prendendo decisioni proprio per risolvere i loro problemi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lega Nord Spirano

    Ci siamo opposti da sempre a questa opera speculativa: rischiando querele e denunce. L’area è diventata comunale solo 18 mesi fa, dopo estenuanti trattative: una via non è ancora comunale. Abbiamo fatto una variante al PGT per portare a ridosso della Zona Bloch 4000 mq di paecheggi e 6000 mq di
    verde (scontentando i privati che devono realizzarli). Le 2 riunioni le ha organizzate il Comune (vi è stato spiegato che ci sarebbe voluto tempo). I vigili passano spesso e multano. Se non lo facessero? Meglio il prcheggio selvaggio? Noi ce la mettiamo tutta ed alcuni risultati sono stati conseguiti: ordine, regolarità nei parcheggi, variante al PGT. Ben accette critiche costruttive.

  2. Scritto da gigantino

    Sindaco, i problemi siano essi ereditati o nuovi sono sempre da affrontare. Anzi, se è capace di risolverli la gente lo capirà subito. Così come capirà se non ha la capacità di farlo.

  3. Scritto da Buon senso

    Il buon senso dice che un sindaco deve assumersi la responsabilità di risolvere i problemi, anche se ereditati. Ma non si possono buttare giù case già costruite per fare parcheggi o fare l’impossibile. Se ci sono 600 persone in un fazzoletto di terra, cosa si può fare? Anche altri aspettano le telecamere. Se la Polizia non fa le multe come andate a casa? Con l’elicottero? Infine: dove eravate quando avete acquistato la casa? Non può un’intero paese rinunciare ad altre cose per la zona Bloch. Va fatto il giusto. Dove ho costruito io ho lasciato tanto terreno per parcheggi e verde. Il Comune mi ha chiesto tanto. Voglio le telecamere prima nella mia via! Già detto al sindaco!

  4. Scritto da TEO

    una nuova area edificabile in zona dove sono previsti parcheggi e maggiori possibilità per furti e vandalismi: e le telecamere richieste?

    1. Scritto da raffaele

      Sindaco,non si può sempre dire che i problemi li abbiamo ereditati,lei è il sindaco e deve farsene carico senza se e senza ma.ci sono cose concrete che si possono fare subito,come le telecamere,non ci vogliono mesi per questo,è visto l’incremento delle multe, soprattutto in via bloch destiniamoli bene i soldi.Raffaele residente via bloch.