BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La sfida di don Bianchi rianimare l’abbazia cara a padre Turoldo

Don Attilio Bianchi, attuale parroco di Santa Lucia in città diventerà rettore dell'Abbazia di Sant'Egidio in Fontanella. Lascerà la parrocchia a monsignor Maurizio Gervasoni che diventerà vicario della città mentre monsignor Vittorio Nozza diventerà presidente della Caritas Diocesana di Bergamo.

Più informazioni su

Don Attilio Bianchi, 68 anni, parroco di Santa Lucia in città sarà presto promosso Rettore dell’Abbazia di Sant’Egidio in Fontanella. L’antico monastero vicino a Sotto il Monte era un luogo molto caro a Padre David Maria Turoldo che lo scelse per ritirarsi e studiare. Alla morte di Turoldo i padre serviti lasciarono la comunità su invito dalla Diocesi di Bergamo che costituì in Rettoria Vescovile l’antico Priorato con l’intento di preservare la vocazione millenaria alla preghiera e al silenzio che caratterizza la chiesa di Sant’Egidio.

Dopo una breve parentesi con una proposta dell‘Azione cattolica guidata don Emanuele Personeni, la rettoria era passata a don Gianluca Marchetti, attuale cancelliere vescovile. Con la nomina a rettore di don Bianchi, profondo sacerdote e fine intellettuale, la Diocesi di Bergamo pare trovare la persona più indicata per rilanciare questa oasi di preghiera. 
Alla notizia della nomina a parroco di Santa Lucia in città di 
monsignor Maurizio Gervazoni, alcuni lettori di Bergamonews, nei commenti indicavano che monsignor Gervasoni avrebbe aspirato a un incarico ben più prestigioso. Ebbene, pare che la Diocesi di Bergamo stia pensando per monsignor Gervasoni il ruolo di "vicario della città" un titolo e un ruolo finora sconosciuto e che coordinerebbe i tre vicariati di Bergamo città. 
Con questo nuovo incarico monsignor Gervasoni lascerà anche la Caritas Diocesana che sarà affidata a monsignor Vittorio Nozza, in qualità di delegato vescovile, che ha terminato il suo impegno in Caritas a livello nazionale.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da NICOLAS

    grazie Don Attilio,
    è stato per una luce, nei momenti difficile, e la ricordo caramente anche per tutto quello che ha fatto per le famiglie nella casa famiglia in atteso di trapianti e altro.
    grazie per questo grande esempio di umiltà.
    il Signore la Benedica e la protegga con la nostra Mamma del cielo.
    Auguri per il suo nuovo progetto e preghero per questo.
    con affetto.
    nicolas

  2. Scritto da Carlo

    Evidentemente la redazione di BergamoNews non è informata o non è correttamente informata della storia passata e attuale della comunità di Sant’Egidio. Ricordo a tutti che la comunità dei Padri Serviti, insediata da padre David Maria Turoldo, non ha ancora abbandonato il Priorato! Esiste, esiste … vive ed è viva! Per buona pace di chi, magari, vorrebbe il contrario. Quindi benvenuto ad Attilio Bianchi e un sincero buon lavoro. E auguri anche alla parrocchia di Santa Lucia in Bergamo, per il parroco di fresca nomina.
    Carlo

    1. Scritto da augusta

      ‘…i Padri Serviti lasciarono l’abbazia…’! Che ipocrisia! E’ un bene che qualcuno come Carlo ricordi a tutti la verità. Quanto poi a ‘seguire le orme di Padre Turoldo’ … ‘Tentare con molta fatica e cercare di seguire le orme…’ mi sembrerebbe più appropriato.

      1. Scritto da lupus

        I Padri Serviti lasciarono l’Abbazia: sì con decreto vescovile nel 1998 mons. Amadei costituì in Rettoria Vescovile l’antica Abbazia sottraendo la sua gestione ai Padri Serviti e nominandovi un Rettore. Che poi due Padri Serviti sono rimasti a vivere nelle vicinanze dell’abbazia è altro discorso.

  3. Scritto da marcellofumagalli

    Carissimo Attilio, insistevi tanto perché io mi avvicinassi a te…e alla fine tu, ancora, ti sei avvicinato a me!!!!!!Bene, con Padre Espedito di troverai…vedrò di non mancare, vista la vicinanza!!!!!!Il lavoro non è molto, ma moltissimo!!!!!!!grazie all’amico collega Gianluca che ha dimorato per un pochetto a Fontanella!!!!! marcello prete cattolico latino dal 1988, già conoscente di Davide Maria Turoldo…

  4. Scritto da Livia e Sandro

    Caro Don Attilio,
    grazie per quello che hai seminato, grazie per il tuo prezioso servizio della parola che ha sempre saputo toccare e risvegliare le nostre coscienze. Quante volte, tornati da messa, abbiamo ripreso durante il pranzo domenicale, con i nostri figli, le tue riflessioni. Anche da loro grazie per essere stato riferimento costante durante gli anni formativi della giovinezza.

  5. Scritto da Simone

    La partenza di don Attilio sconbussola un po’ tutti, ma nessun prete ha la residenza ad vitam in una parrocchia anche se una personalita’ forte concreta e diretta come lui lascia un eredita’ scomoda a chiunque (un po’ come il successore di Papa Giovanni P II).La mia preghiera va al vescovo : che si renda conto della mole di lavoro necessaria per sostenere le attivita’ di carita’ e sostegno che svolge la parrocchia,avere troppe cariche non distoglieranno il nuovo parroco dalla gestione di una parrocchia sovraccarica

  6. Scritto da pietro rock

    a malincuore ma è …giusto così! Il pastore se ne va ma la chiesa che dovremmo esser noi resta. L’impronta che Don Attilio ha lasciato in ciascuno di noi parrocchiani di S,Lucia rimmarrà indelebile (perlomeno personalmente).
    “…SE AVETE UN MAESTRO COME SE NON L’AVESTE, SE AVETE UN PADRE E UNA MADRE COME SE NON L’AVESTE… ecco il già e il non ancora che è chiesto al vero cristiano” grazie di cuore. Pietro R.

  7. Scritto da Ex allievo Esperia

    Frerola Terno D’iisola S.Lucia, Fontanella….
    Ti seguiremo ovunque. Ci hai insegnato a conoscere l’ uomo, ti ringrazio per ogni tralcio innestato,
    Per ogni servizio della parola che dai. Ti aspettiamo a Fontanella un luogo spirituale per eccellenza, ma che con te raggiunge il suo apice. Grazie per continuare a scuotere la mia coscienza di cristiano.

  8. Scritto da liliana

    Per noi è un parroco insostituibile. Uomo di profonda fede, colto, coerente sia nella parola che nei fatti, vicino a chi soffre o ha grandi problemi. La cartà fatta in silenzio, senza apparire.
    ………Ci mancherà moltissimo!
    Lo penseremo sempre con affetto e rispetto e gli facciamo tanti auguri per il suo nuovo incarico.

  9. Scritto da pierino la peste

    Auguroni di vero cuore a don Attilio.
    Una domanda al nostro caro vescovo da un parrocchiano di S. Lucia:
    Bergamo news è l’organo d’informazione ufficiale della curia, visto che è da una settimana che ha dato questa notizia, mentre noi parrocchiani di S. Lucia non lo sapevamo? è un nuovo metodo d’informazione … forse! saluti

  10. Scritto da liliana

    Per noi è un parroco insostituibile. Uomo di profonda fede e cultura, coerente sia nella parola che nei fatti, vicino a chi soffre o ha grandi problemi, attento ai bisogni con carità, modestia e umiltà.
    Ci mancherà moltissimo! Lo penseremo sempre con rispetto ed affetto

  11. Scritto da Albe

    A me, parrocchiano, non mancherà per nulla Don Attilio.

    1. Scritto da marcello

      mi piacerebbe sapere il PERCHE’?????????????????????????marcello, prete

      1. Scritto da Sergio

        da ateo radicale mi ha contagiato con la sua grande fede: come? con la coerenza e il coraggio della verità…..La Verità che non piace a chi vive nell’incoerenza: parlo di Cristianesimo e non di potere…Uno come Don Attilio, se fossi vescovo di Bergamo, lo promuoverei come degno successore, ma si sa, la Chiesa di potere ama chi tace sul meno peggio e per Lei, i meno peggio, magari da sostenere anche come emblema della tradizionale famiglia cattolica, sono anche i berlusconi o i bossi di turno…

        1. Scritto da Manuel

          mha!!!! quante certezze che Lei ha ……beato lei…..se fosse il Vescovo di Bergamo …forse….sarebbe a conoscenza di notizie che SOLO IL VESCOVO può avere senza blaterare in giro….si STUDI LA STORIA…, vero è che la Chiesa è costituita da Uomini…da PAPI TERRIBILI…ai DON STURZO..che si sono scagliati CONTRO UN SISTEMA FASCISTA.., tutto ritengo sia assolutamente SOGGETTIVO. Per esempio…Don Attilio invece…mi ha ALLONTANATO dalla Chiesa, lo considero una persona INCOERENTE ed arrogante. Certo i suoi modi bruschi…lo possono rendere simpatico e la sua RIGIDITA’ scambiata per Rigore…MA TUTTO E’ SOGGETTIVO….AH!!! ANCH’IO SONO UN ATEO RADICALE…

  12. Scritto da silvanaconti

    ci manchera la sua parola…che fare ?

    1. Scritto da giampi

      i veri profeti sono quelli che hanno insegnato agli altri a fare a meno di loro. Vedrai che si sopravviverà…nessuno in fondo è indispensabile.

    2. Scritto da Camillo

      semplice: trasferirsi a Fontanella!

    3. Scritto da ufo

      Leggi Repubblica, tanto è la stessa cosa.

  13. Scritto da Piera

    Per noi parrocchiani di santa lucia sara’ una grave perdita la partenza del nostro caro parroco don Attilio , ma sono contentissima della sua nuova destinazione! Fara’ sicuramente un lavoro grandioso , degno sucessore di Padre Turoldo.

  14. Scritto da Sére

    Ricordo Don Attilio come eccezionale docente di religione, anzi come docente di eccezionale. -PUNTO-
    Ricordi che risalgono a quasi trent’anni fa, ma il personaggio invecchiando é addirittura migliorato: come i vini migliori!
    Ad majora eclettico, colto, caro mons. Bianchi !

  15. Scritto da gigi sorzi

    splendida notizia!

    1. Scritto da professore

      ah pota te.

    2. Scritto da Camillo

      anche per me!