BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ancora scosse nella notte, la più forte in Lombardia

Ventinove volte la terra ha tremato dalle nostre parti secondo i rilievi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, dalla mezzanotte alle 5 di oggi.

Un’altra notte di scosse, che si sono avvertite in Emilia Romagna e in Lombardia, anzi ancor più forte nella nostra regione. Ventinove volte la terra ha tremato dalle nostre parti secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, dalla mezzanotte alle 5 di giovedì.

La scossa più forte è stata in territorio lombardo alle 4:16, con magnitudo 2.7 ed epicentro nel Mantovano. Scossa di magnitudo 3 alle 5:16 al largo delle coste campane e lucane, nel golfo di Policastro.

A Bergamo e in Bergamasca l’avete sentita?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roby

    h 17.00 del 31-05-2012 in bgo s acterian al 7 piano, percepito leggera oscillazione

  2. Scritto da ilaria

    no ho sentito nulla

  3. Scritto da seriano

    Posto che:
    – a detta di tutti gli esperti i terremoti non sono prevedibili né nel loro verificarsi né nella loro intensità;
    – che ciò non significa che non si possa fare nulla per limitarne i danni;
    – che occorre, allo scopo, mettere in atto tutte le misure di prevenzione possibili allo stato delle conoscenze tecniche e scientifiche, prevedendo sanzioni per chi, avendone la responsabilità, non ottempera;
    – che alle popolazioni colpite va dimostrata in modo tangibile tutta la solidarietà possibile da parte delle istituzioni e dei singoli cittadini;
    non rimane altro da fare che abituarsi all’idea di vivere in una zona soggetta a fenomeni sismici e atrezzarsi allo scopo.

  4. Scritto da bob

    ..proprio no!! perchè continuare a creare allarmismi? perchè invece non scrivete articoli per far capire come possono sentirsi in questi momenti persone (a noi vicine anche in termini di km). Grazie