BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo ospedale, i tempi saranno rispettati Galli: “E’ già pronto” fotogallery

Martedì mattina il sopralluogo al tanto discusso Giovanni XXIII. Il vice presidente della Commissione regionale: "Dissipato ogni dubbio, ci troviamo davanti a una struttura all'avanguardia. Per me il trasferimento potrebbe partire già domani".

Entro fine agosto il nuovo Ospedale “Papa Giovanni” di Bergamo sarà pronto per il collaudo finale e il 22 ottobre avrà inizio il trasloco che durerà 3 settimane: nello spostamento saranno coinvolti direttamente circa 650 pazienti.

A confermare il tutto è stato proprio il direttore generale degli Ospedali Riuniti di Bergamo Carlo Nicora, che martedì mattina ha guidato all’interno della nuova struttura il sopralluogo della Commissione regionale “Sanità e assistenza” presieduta dal vice presidente Stefano Galli (Lega Nord).

Al sopralluogo hanno preso parte, con Stefano Galli, anche i componenti della Commissione Angelo Ciocca (Lega Nord), Mario Barboni e Gianantonio Girelli (PD), Valerio Bettoni (UdC) e Gabriele Sola (IdV), oltre al Vice Presidente del Consiglio regionale Carlo Saffioti (PdL), al Presidente della Commissione Ambiente Giosuè Frosio (Lega Nord) e all’Assessore regionale all’Ambiente Marcello Raimondi (PdL).

Nel corso del sopralluogo è stato verificato direttamente lo stato di avanzamento dei lavori e si è potuto appurare come gli accorgimenti adottati e gli interventi successivi abbiano garantito soluzioni che paiono efficaci al problema della falda acquifera e delle infiltrazioni. E’ stata evidenziata la necessità di rivedere la valutazione economica dell’opera e all’impresa costruttrice, la DEC di Bari, andranno 15 milioni in meno per i ritardi di cui si è resa responsabile.

“Questa visita – ha detto Stefano Galli – ha dissipato ogni dubbio: ci troviamo davanti a una struttura d’avanguardia, che rispetta gli elevati standard qualitativi prefissati. Abbiamo avuto sufficienti e validi elementi di conforto sul fatto che possano essere pienamente rispettati i tempi di apertura previsti per fine ottobre. Fosse per me – ha spiegato ancora Galli – partirei già domani con il trasferimento dei macchinari”.

Soddisfatto anche il Vice Presidente del Consiglio Carlo Saffioti: “La realtà si è dimostrata molto più forte delle polemiche eccessive che hanno avuto il solo effetto di mettere in cattiva luce una delle opere più significative realizzate in Lombardia in questi ultimi anni. Alla prova dei fatti – ha aggiunto Saffioti – mi auguro che sia data ora al personale amministrativo e dirigenziale della struttura la necessaria tranquillità per provvedere serenamente alle operazioni di trasloco: avremo poi tutto il tempo per verificare eventuali responsabilità precise per le disfunzioni createsi e i ritardi accumulati”.

“Abbiamo avuto risposte positive, gli interventi e i lavori che avevamo sollecitato stanno dando i risultati attesi – ha sottolineato Mario Barboni -. Auspichiamo ora che la struttura possa essere operativa nei tempi previsti e manterremo un controllo costante e continuo perchè l’opera alla fine possa essere davvero realizzata e completata a regola d’arte”.

“Una grande opera – gli ha fatto eco Valerio Bettoni -, non avevo dubbi che le questioni e i problemi sollevati potessero trovare rapida e felice soluzione. Ora l’obiettivo deve essere quello di consegnarla quanto prima ai cittadini bergamaschi”.

“Una struttura importante, il sopralluogo lo ha confermato – ha evidenziato Gabriele Sola – ma le responsabilità di chi ha creato ritardi e criticità non vanno e non possono essere sottaciute. Credo che, per quanto è costata, sia doveroso pretendere che la struttura sia di eccellenza: ma le disfunzioni e i problemi sorti in fase di costruzione devono essere individuati e chiariti con precisione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ambrogio

    Ma se ormai da diversi giorni gira la voce che la despe stia fallendo come si può pensare che tutto fili liscio???

  2. Scritto da geom.

    All’italiana: la polvere si nasconde sotto il tappeto.

  3. Scritto da amy

    Ci prendono in giro ? Un sopralluogo di poche ore può verificare una struttura di così ampie dimensioni e di tale complessità ? Perchè si continuano a coprire DEC e tutti i suoi subappaltatori, i ribassi “eccessivi” (già a prima vista, tanto da essere subito evidenziati dagli altri concorrenti) e poi i rigonfiamenti su cui nessuno si vuol impegnare ad indagare per davvero? Il meccanismo è lo stesso dei parcheggi di Bari -sempre realizzati da DEC- . Forse a Bergamo le coperte son più ampie…

  4. Scritto da Sergio

    che grande beffa; tempi rispettati (!) certo, come i costi e soprattutto i guadagni..rispettati…..Di chi? Resta da scoprire…mai.