BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il lampo di Pinotti nella giornata di Ryder Hesjedal

Il bergamasco piazza la prova perfetta in occasione dell'ultima uscita del Giro che consegna la maglia rosa al corridore della Garmin-Barracuda, primo canadese a trionfare alla manifestazione italiana.

Più informazioni su

Il canadese Ryder Hesjedal ha vinto il Giro d’Italia 2012. Il corridore della Garmin-Barracuda ha strappato la maglia rosa allo spagnolo Joaquim Rodriguez nella 21a e ultima tappa, la cronometro individuale di 28,2 km per le strade di Milano.

Nella frazione vinta dal bergamasco di Osio Sotto Marco Pinotti (BMC), Rodriguez è partito con 31’’ da gestire in classifica su Hesjedal. Al primo rilevamento, dopo 11,7 km, l’iberico è transitato in 14’24’’ con 29’’ di ritardo rispetto al canadese. Il vantaggio del 31enne di Victoria è cresciuto fino ai 44’’ rilevati ai 20,5 km. Negli ultimi 7,7 km della crono, Hesjedal non ha tremato e ha completato la missione. Ha terminato la crono al sesto posto, a 1’09’’ da Pinotti, ma soprattutto ha staccato Rodriguez di 47’’: in classifica generale, il corridore della Katusha ha chiuso a 16’’ dal trionfatore.

“È un’esperienza irreale, incredibile”, ha detto il Hesjedal, primo canadese a conquistare la corsa rosa e 14° corridore a centrare l’obiettivo senza vincere nemmeno un successo individuale di tappa. “Ho cominciato a crederci sempre di più, giorno dopo giorno. La condizione cresceva, le gambe rispondevano e nella crono ho dato tutto”, ha detto dando inizio alla festa.

Rodriguez si è dovuto accontentare della piazza d’onore davanti al belga Thomas De Gendt (Vacansoleil-DCM) che ha soffiato il terzo posto a Michele Scarponi (Lampre) sul podio tutto straniero che non si vedeva dal 1995.

Marco Pinotti, nella 21esima e ultima tappa del 95° Giro ciclistico d’Italia è stato più veloce del britannico Geraint Thomas, secondo e staccato di 39’’; del neozelandese Jesse Sergent, terzo a 53’’; del danese Alex Rasmussen, quarto a 1′; del belga Thomas De Gendt, quinto a 1’01’’. Il canadese Ryder Hesjedal si è piazzato al sesto posto nella classifica di tappa, staccato di 1’09’’ da Pinotti.

La calssifica generale finale

1. Ryder Hesjedal (Can) in 91h39’02” (km percorsi 3.514,1, media 38,342 km/h); 2. Joaquim Rodriguez (Spa) a 00’16”; 3. Thomas De Gendt (Bel) a 01’39”; 4. Michele Scarponi (Ita) a 02’05”; 5. Ivan Basso (Ita) a 03’44”; 6. Damiano Cunego (Ita) a 04’40”; 7. Rigoberto Uran Uran (Col) a 05’57”; 8. Domenico Pozzovivo (Ita) a 06’28”; 9. Luis Sergio Montoya Henao (Col) a 07’50”; 10. Mikel Ituralde Nieve (Spa) a 08’08”; 11. John Gadret (Fra) a 09’12”; 12. Dario Cataldo (Ita) a 11’59”; 13. Gianluca Brambilla (Ita) a 14’20”; 14. Johann Tschopp (Svi) a 14’27”; 15. Roman Kreuziger (Cze) a 19’58”; 16. Hubert Dupont (Fra) a 20’59”; 17. Marzio Bruseghin (Ita) a 25’39”; 18. Sergio Bellon Pardilla (Spa) a 29’19”; 19. Francis De Greef (Bel) a 35’00”; 20. Daniel Fernandez Moreno (Spa) a 36’17”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da angelo stabilini

    pedalare in silenzio è accarezzare la vita

    estratto da stracci di sudore marco sei unico

  2. Scritto da Dino

    bravo , marco , che tu sia di insegnamento ai GIOVANI .

  3. Scritto da carlo di osio

    BRAVISSSSSIMOOOOOOOO MARCO, serietà e tenacia premiano sempre

  4. Scritto da io

    grande pinotti,da un suo compaesano:-)))