BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Napoli, Insigne non resta Atalanta in pole nella corsa al gioiellino

Il talento che ha trascinato in Serie A il Pescara non si fermerà nel capoluogo campano, come confermato dall'agente Andreotti: "Andrà a giocare, ha bisogno di continuità". I nerazzurri partono in pole, ma occhio a Chievo e Bologna.

Più informazioni su

I tifosi del Napoli, che potrebbero finire scottati dall’addio del tanto amato Lavezzi, sognano guardandolo all’opera con la maglia biancazzurra, mentre De Laurentiis ha più volte dichiarato di avere un debole per lui. Ma il suo futuro, con ogni probabilità, non sarà a Napoli. Almeno per la prossima stagione. Stiamo parlando di Lorenzo Insigne, il fenomeno che quest’anno ha incantato tutti trascinando il Pescara di Zeman nella massima serie.

Pierpaolo Marino ha già chiesto informazioni alla sua ex società: lo vuole a Bergamo.

I nerazzurri, dunque, sono sulle tracce di Insigne e il suo agente, Fabio Andreotti, ha già strizzato l’occhio all’Atalanta in vista di un possibile prestito per la stagione che verrà.

Mercoledì Andreotti e Bigon, il ds campano, si sono incontrati in gran segreto. Hanno parlato del futuro del talento napoletano che, molto probabilmente, nel prossimo campionato si cimenterà nel campionato di Serie A ma con una squadra che non sarà quella di Mazzarri. “L’idea che ci siamo fatti è di far maturare almeno per un altro anno il ragazzo – ha spiegato l’agente -, magari in una piazza tranquilla in cui possa trovare la continuità che gli serve per crescere ulteriormente. Napoli è la sua squadra del cuore ma la prossima stagione Lorenzo andrà a giocare in prestito”.

Come detto, Marino ha già chiesto a Bigon e all’agente Andreotti informazioni su Insigne perché l’Atalanta, che in una possibile asta partirebbe in pole-position, vede nel gioiellino del Pescara la spalla ideale di German Denis, anche se non è ancora detto che l’argentino (che sarà presto riscattato dall’Udinese) resti sotto le Mura Venete.

Nella corsa al cartellino del talento campano ci sono però anche il Chievo, il Bologna e lo stesso Pescara che nelle prossime settimane farà di tutto per provare a trattenere quei pezzi da novanta (oltre a Insigne anche Immobile e Verratti) che nell’ultima stagione l’hanno trascinato in Serie A.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da digeo

    E’ un giocatore che non serve all’atalanta. Il prossimo deve essere l’anno della consacrazione in serie A di Bonaventura e della conferma di moralez. Dobbiamo valorizzare i giocatori nostri in quel ruolo, non valorizzare i giocatori del Napoli.

    1. Scritto da simone

      D’accordo con quanto dici
      Valorizzare i nostri, che sono BUONI, dargli fiducia totale…poi starà loro ripagare tutta qst affetto, in campo ! Non sono stupidi, verranno fuori. PRIMA vediamo i NOSTRI Ragazzi !!!
      forza Atalanta semper

      1. Scritto da nino cortesi

        Moralez non ha bisogno di conferme perchè è stato il miglior giocatore di serie A. Lasciamo andare Peluso e Schelotto ma teniamoci Gabbiadini e Ferreira Pinto.

  2. Scritto da nino cortesi

    Sì, ho sentito che anche Messi viene a Bergamo. Possiamo spararle, per puro divertimento, ma non troppo grosse. Sarebbe meglio che il gioco si spostasse sui nomi, sui giocatori interessantissimi da Atalanta. Ed Insigne lo è, mi sono tirato la zappa sui piedi. Meglio scegliere quelli buoni che gli altri non hanno visto.