BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A San Tomè e nelle pievi Festival del Medioevo e del Rinascimento rurale

Si riapre sabato 26 e domenica 27 maggio con la Passeggiata Romanica, l'osservazione delle stelle e la Festa di primavera per “vivere” la storia e il paesaggio attraverso itinerari a piedi e in bicicletta, incontri culturali, cucina storica e tipica, spettacoli teatrali e musicali.

Estate al parco del Romanico per “vivere” la storia e il paesaggio attraverso itinerari a piedi e in bicicletta, incontri culturali, cucina storica e tipica, spettacoli teatrali e musicali.

Si riapre sabato 26 e domenica 27 maggio con la Passeggiata Romanica, l’osservazione delle stelle e la Festa di primavera per “vivere” la storia e il paesaggio attraverso itinerari a piedi e in bicicletta, incontri culturali, cucina storica e tipica, spettacoli teatrali e musicali.

Nella sede del Parco di Almenno S. Bartolomeo (Bergamo) da maggio a ottobre visite guidate gratuite alle chiese romaniche.

Anticolemine – Festival del Medioevo e del Rinascimento rurale, 4 sere d’estate nel segno del Romanico, ciclo di conferenze estive. Il 9 settembre Notte in Lemine, Itinerario teatrale in notturna.

Il Parco del Romanico, vero e proprio museo diffuso compreso nel territorio del Sistema Culturale Lemine che riunisce, a 10 km da Bergamo, i paesi di Almenno S. Bartolomeo e Almenno S. Salvatore, Barzana, Brembate Sopra, Palazzago e Roncola S. Bernardo, riapre al pubblico per la stagione estiva 2012 con un ricco calendario di iniziative, per accompagnare il visitatore in una vera e propria immersione storica, culturale, artistica, emotiva e sensoriale nella dimensione dell’anno Mille.

Una proposta accolta nell’estate 2011 da ben 37.000 persone e rivolta a tutti quei moderni pellegrini che sono alla ricerca di destinazioni ancora poco note al turismo di massa e ai classici circuiti della città d’arte, ma che proprio per questo mantengono intatto il loro fascino antico e misterioso.

L’estate 2012 ripropone da maggio a ottobre un programma intenso di itinerari a piedi e in bicicletta, incontri culturali, cucina storica e tipica, spettacoli teatrali e musicali, aperture gratuite delle chiese romaniche e nuovi pacchetti turistici. Ritorna anche l’appuntamento con “Anticolemine. Festival del Medioevo e del Rinascimento rurale” e con l’emozionante itinerario teatrale in notturna “Notte in Lemine” che ogni anno a settembre richiama migliaia di visitatori al Parco del Romanico.

Fulcro del Parco è la chiesa di S. Tomè, opera romanica famosa per il raro impianto architettonico circolare che è la “cabina di regia” dell’Antenna Europea del Romanico, organismo scientifico internazionale che opera dal 2001 per la costituzione di una rete tra i principali centri del Romanico in Italia e in Europa, per lo studio e la salvaguardia delle testimonianze del Romanico e per la valorizzazione dell’ambito territoriale in cui sono incastonate.

Quattro le chiese del VII- XVI secolo coinvolte nella rassegna: S. Tomè, S. Giorgio, S. Nicola, Madonna del Castello.

Ingresso gratuito alle quattro chiese del Parco: tutti i sabati e le domeniche dalle 14.30 alle 18.00 (S. Tomè anche la domenica dalle 10 alle 12). Fino al 24 giugno tutte le domeniche visita guidata a due chiese, senza obbligo di prenotazione, con ritrovo alle ore 16 al Tempio di S. Tomè. In luglio solo domeniche 8 e 22. Contributo € 2.

Possibilità di scaricare gratuitamente dal sito www.antennaeuropeadelromanico.it le audioguide italiano / inglese in MP3.

Possibilità di percorrere l’itinerario tra le quattro chiese a piedi e in bicicletta, con partenza dalla sede dell’ Antenna Europea del Romanico, dove è attivo uno spazio caffetteria/bookshop.

Possibilità di prenotare visite guidate individuali o di gruppo, anche “fuori orario”, rivolgendosi all’Antenna Europea del Romanico.

Tutti i fine settimana da maggio a ottobre l’invito è a scoprire, in autonomia o partecipando alle visite guidate domenicali, il fascino incontaminato dei veri e propri gioielli dell’architettura romanica e post-romanica che costellano il Parco del Romanico.

Edifici di rara bellezza, incastonati nel territorio verde dell’antico Lemine, ancora oggi considerato tra i più emblematici e importanti siti della cultura romanica in Lombardia, anche per aver mantenuto intatto il rapporto tra gli edifici religiosi e lo splendido contesto ambientale.

San Tomè (XII secolo), affacciato sul selvaggio corso del Tornago, la più singolare e famosa opera romanica per il raro impianto architettonico a pianta circolare e per la particolare suggestione dello spazio interno, dove la luce crea simbologie cosmiche e spirituali, per la ricchezza delle decorazioni scultoree e per il rapporto con il contesto ambientale.

La Madonna del Castello, costruita a picco sul Brembo in tre corpi: la cripta del VII secolo, la primitiva chiesa Plebana (IX) e il Santuario di “S. Maria del Castello” del XVI secolo (visitabile contattando il tel. 035.640083 o un’ora prima delle funzioni religiose).

La chiesa di S. Giorgio, la più grande chiesa romanica della Diocesi di Bergamo dopo S. Maria Maggiore, che sorge isolata in aperta campagna che custodisce un prezioso campionario di affreschi dal XII al XV secolo dedicati alla vita di Cristo.

Infine, la bella chiesa conventuale cinquecentesca dell’ ex convento agostiniano di San Nicola, esemplare modello di connubio tra il costruito e il contesto, che custodisce l’organo Antegnati (1588), documento unico nel campo dell’arte organaria italiana ed europea, i cui suoni fanno assaporare in modo privilegiato la raffinata civiltà musicale del Rinascimento.

Il visitatore potrà scegliere di fare tappa alle singole chiese oppure di percorrere a piedi o in biciletta gli itinerari che uniscono le chiese degli Almenno, andando alla ricerca del Romanico lungo antichi tracciati immersi in uno splendido scenario paesistico, tra pendii boschivi e distese di campi e vigneti.

Partecipando alle visite guidate domenicali, prenotando una visita guidata individuale o di gruppo anche “fuori orario”, oppure in completa autonomia con la possibilità di farsi accompagnare dalle audioguide italiano / inglese, che si possono scaricare gratuitamente in MP3 dal sito www.antennaeuropeadelromanico.it.

Punto di partenza degli itinerari di visita è sempre la sede dell’Antenna Europea del Romanico, dove si trovano anche il Centro Studi Romanico Lombardo e il Museo San Tomè degli Almenno.

AnticoLemine, Festival del Medioevo e del Rinascimento rurale, un’occasione in più per visitare il Parco del Romanico degli Almenno è da maggio a ottobre il ricco programma di iniziative organizzate nell’ambito della quinta edizione che offre l’opportunità di “vivere” la storia e il paesaggio tra rievocazioni, passeggiate ed escursioni a piedi e in biciletta, incontri culturali, cucina storica e tipica, concerti e spettacoli teatrali all’aperto. Quattro sere d’estate nel segno del Romanico, ciclo di conferenze estive dal 18 giugno al 16 luglio.

Un contributo alla conoscenza del contesto e agli atteggiamenti progettuali da assumere negli interventi che lo riguardano in generale e in particolare quello delle chiese immerse nella natura del Parco del Romanico di Lemine. Così sono nate e così sono rimaste per tutti questi secoli, rimodellate stagione dopo stagione dal Tempo grande architetto.

L’ambiente che le circonda è una realtà imprescindibile della storia, passeggiate lungo i sentieri alla scoperta dei gioielli del Romanico, trekking in quota in Valle Imagna, a caccia di adrenalina al Parco Avventura, astri e pianeti a La Torre del Sole, pacchetti benessere, degustazione di prodotti locali e altro ancora. A concludere la stagione del Parco del Romanico sarà per il quarto anno consecutico “Notte in Lemine”, emozionante itinerario teatrale in notturna tra chiese, boschi e sentieri del Parco del Romanico.

Tra narrazioni, visioni, musiche, danze, tableau vivant, coreografie di luci e proiezioni, il pubblico è chiamato a intraprendere un viaggio fisico ed emotivo nel passato remoto di questa terra: dalla corte dei Longobardi alla predicazione dei francescani, dalla dimensione magica del bosco alla simbologia nascosta nelle architetture della Rotonda, dalla taberna medievale ai cantastorie. Con il coinvolgimento diretto di associazioni e gruppi di abitanti in qualità di attori, narratori, danzatori, cantori, costumisti.

Tutto gli appuntamenti su www.antennaeuropeadelromanico.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.