BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Spuntano impronte di piedi davanti alle banche E’ la protesta a Monti fotogallery

Sabato Bergamo si prepara ad ospitare Mario Monti. Ma, assieme al Premier, sotto le Mura Venete sono attesi anche fischi e proteste. Il comitato "Adesso Basta" ha preparato delle impronte spuntate all'ingresso dalle principali banche bergamasche: entrano con le scarpe, escono a piedi scalzi.

Il popolo dei contestatori si prepara ad accogliere Mario Monti e, dopo aver chiamato a raccolta tutti con appelli e comunicati, il comitato "Adesso Basta" ha preparato una singolare protesta con delle impronte che sono spuntate all’ingresso dalle principali banche bergamasche: entrano con le scarpe, escono a piedi scalzi. Questa la spiegazione del comitato: “In preparazione alla manifestazione di sabato 26 maggio contro il governo Monti indetta dal comitato Adesso Basta – spiegano nel comunicato i contestatori -, fuori da alcune banche cittadine sono apparse delle orme di piedi che rispecchiano quanto succede nel nostro Paese, ovvero le continue vessazioni che le banche ci impongono, prima generando la crisi e poi spogliandoci del reddito rimasto. Si entra in banca con due lire, si esce nudi. Questa crisi ha costi altissimi sulle vite di ciascuno di noi: le risposte che i governi europei danno sono solo politiche di austerity, "sangue e lacrime", buone solo per lasciarci in mutande".

Il comitato Adesso Basta conferma poi la contestazione: "Sabato Mario Monti, il maggiordomo dei grandi gruppi bancari europei, sarà a Bergamo: noi stiamo preparandogli l’accoglienza, insieme a quella moltitudine di persone che la crisi la stanno subendo ma che non stanno al ricatto di un debito nazionale che non abbiamo creato noi. Adesso Basta! Sabato 26 maggio – ore 9 – Stazione FFSS di Bergamo – manifestazione contro il governo Monti”.

Il comitato darà man forte al Pacì Paciana che qualche giorno fa ha annunciato che sabato sarebbe sceso in piazza a Bergamo per gridare tutta la  sua indignazione per le manovre operate dai tecnici di Monti. Ma Adesso Basta e Pacì Paciana non sono gli unici che avranno qualcosa da dire al capo del governo: anche il sindaco Franco Tentorio, infatti, approfitterà dell’occasione per manifestare vis a vis tutta la sua indignazione per l’accantonamento della sede della scuola di magistratura a Bergamo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fabio

    Rifondazione Comunista non è “dietro” questa protesta. I comunisti sono in prima fila insieme ad un arco di associazioni, sindacati, collettivi giovanili, operai e studenti singoli. Stai pure a casa, davanti alla televisione, e spera che la manifestazione vada bene. Anche se tu lo ignori, l’unica via di uscita per l’Italia è costruire un movimento di opposizione sociale dal basso per cacciare il governo Monti e la banca Centrale Europea che lo sostiene.

  2. Scritto da red

    Guido…il parassita sei tu che te ne stai a casa tua comodo sul divano. Magari sei pure leghista!!! Avete rubati come gli altri,quindi taci e spera che i comunisti cattivi che mangiano i bambini possano far qualcosa di buono

  3. Scritto da Guido

    Pensavo ingenuamente che fosse una protesta senza bandiere e accostamenti di partiti e invece scopro che ci sono i comunisti (almeno così si presentano) dietro. Me ne starò a casa volentieri, nè con Monti nè con i parassiti che cavalcano la crisi!

    1. Scritto da Ivan 1976

      Si nota che frequenti gran poco le piazze ed i cortei a Bergamo come nel resto d’Italia..
      Altrimenti ti saresti facilmente reso conto che i Comunisti sono sempre in prima linea nell’opposizione sociale a questo Governo tecnico che sta proseguendo sulla stessa linea di quello precedente con politiche anti-operaie
      il capo dei parassiti sembri essere proprio tu che te ne stai sul divano di casa, anzichè lottare x qualcosa in cui credi
      Non noteremo la tua assenza..

  4. Scritto da causa-effetto

    ABC se ne stanno tutti ben defilati dietro il loden di Monti, pronti nel 2013 a ritornare in campo con la solita propaganda. Attenzione a scambiare la causa con l’effetto ! Ovviamente se tutti facessero la loro parte….dai finti nullatenenti ai miliardari dei paradisi fiscali ecc. ecc. la medicina sarebbe meno amara !

  5. Scritto da Luporobico

    L’Europa ci ha imposto un governo di gente a libro paga delle banche che hanno scatenato la crisi,gente che frequenta abitualmente raduni segreti con idee poco nobili riguardo al futuro del mondo.

    1. Scritto da Baldo

      Bene, e dopo ?

      1. Scritto da il polemico

        dopo?prima ci prosciugheranno tanti soldi nostri,esentando alcuni…si vara un decreto salva-italia che esclude le banche?.poi quando avranno raschiato dal barile,il signor monti si farà da parte(con suo stipendio non farà di certo la fame),mentre noi andremo alla deriva…come la grecia?’boh

        1. Scritto da Ciufolo

          Non ne ha colpa Monti se tu hai votato per 20 anni Lega o Pdl. La colpa è TUA.

  6. Scritto da Ivan 1976

    Spero che sabato alle 9.00 molta gente scenda in piazza x contestare il Presidente del Consiglio Monti che solo a parole predica ”equità” ma nei fatti va a colpire sempre gli stessi (lavoratori dipendenti e pensionati) sia economicamente che in termini di diritti (vedi DDL Riforma del mercato del Lavoro in discussione in Parlamento)
    ORA BASTA!!
    io e i miei compagni di lavoro saremo presenti x far sentire tutta la nostra disapprovazione e contrarietà a questo Governo che (come quello precedente PdL-Lega) si dimostra forte ed autoritario con la povera gente e debole/succube con i poteri forti, gli evasori e la gente piena di soldi e patrimoni faraonici

    1. Scritto da Carlo Pezzotta

      Ancora una volta si arriva con drammatico ritardo, continuando a sbagliare indirizzi, persone e governi. Dove eravate durante il governo della coppia + amata dagli italioti? A Bergamo non mi risulta che durante il 20ennio della coppia, sia mai stata organizzata una manifestazione VERA. Ora piangiamo sul latte versato. Sicuramente sono d’accordo con voi, ma ora state esagerando con chi cerca di ridurre il danno causato dai 2, puranche non sia d’accordo con Monti. Sono un lavoratore dipendente, caso mai pensiate che sia un evasore fiscale! CORAGGIO!!

      1. Scritto da Gino

        E dagli con sto ventennio, quello era fascista. Berlusconi ha governato, saltuariamente per 10 anni in mezzo c’è stato Prodi con la brillante idea di portarci in Europa, truccando i conti

      2. Scritto da Ivan 1976

        1) se per ”cercare di ridurre il danno causato da Berlusconi e Bossi” si va x l’ennesima volta a colpire lavoratori dipendenti e pensionati già con l’acqua alla gola, mi dispiace, ma la linea politica è totalmente sbagliata e continuativa con quella del precedente Governo
        2) durante gli ultimi 20 anni berlusconiani e bossiani di manifestazioni e scioperi generali se ne sono fatti a iosa ed in parte sono anche serviti x mantenere alta un’opposizione sociale in questo Paese
        3) su una cosa sono d’accordo con te.. mentre il Governo PdL-Lega tendeva addirittura ad incoraggiare i cittadini all’evasione, questo Governo ha attuato x lo meno timidi tentativi x combatterla

    2. Scritto da Ennio

      Neanche per sogno : primo salvare la pelle , dopo ne parleremo (certo non con il punto di vista di rifondazione)

  7. Scritto da Mario

    Come al solito bergamonews non viene alle conferenze stampa e scrive gli articoli senza un minimo di criterio. Il comitato promotore è composto da tanti soggetti. Uno di questi è Rifondazione Comunista. La redazione di bergamonews lavora costantemente per censurare la presenza dei comunisti nelle iniziative politiche. Molto male…

  8. Scritto da Mino Bonomelli

    Un tempo si entrava in un istituto bancario con un pacchetto di euro e la certezza che in pochi anni si sarebbero miracolosamente moltiplicati.
    Molt imprenditori anzichè investire nell’azienda indirizzavano le loro risorse verso questo pozzo di San Patrizio e a chi richiamava il contrasto fra questo sistema e le elementari regole dell’economia, si rispondeva con fastidio e con la spocchia di chi aveva scoperto i nuovi fondamentali del sistema di remunerazione dei profitti e del risparmio.
    Certo, il sistema bancario a le sue responsabilità ma sarebbe ipocrita dimenticare questa moltitudine di persone della più varia collocazione sociale o,, peggio ancora, trasformarle in vittime.

    1. Scritto da La verità fa male

      Il sistema bancario ha la colpa di aver trasformato i propri dirigenti e a loro volta i dipendenti in “piazzisti” di prodotti finanziari, legando una parte consistente di retribuzioni e benefits alla vendita di prodotti finanziari (ovviamente è la banca a “suggerire” quali prodotti devono piazzare). Così facendo si sono distolti i dirigenti dalla “gestione caratteristica” tipica delle banche che è quella di realizzare ricavi prestando soldi alle imprese e reimpiegando al meglio i fondi raccolti dalla clientela. Il colpo di grazia lo ha dato l’immensa possibilità, in questi giorni tempestosi, di lucrare giocando sugli spread dei BTP con i soldi prestati all’1% dalla B.C.E.

  9. Scritto da La verità fa male

    Curiosa nazione l’Italia, non ci capisco più nulla. Nel 2008 Berluska e Bossi avevano il 48% dei consensi, adesso (a parte me e pochi commentatori) non se ne trova uno che ammette “io li ho votati”. Appena insediato, Monti godeva del 71% del gradimento e il popolo gridava contro gli evasori, dicendo “le tasse si devono pagare”. Dopo nemmeno sei mesi Monti è al 35% del gradimento, Passera non se lo fila più nessuno e ci sono proteste incredibili con chi ha la sola colpa di tentare riscuotere le tasse. Ieri erano tutti grillini e tra due mesi, quando ci sarà la convention di Italia Futura, scommetto che saremo in adorazione del nuovo salvatore della Patria Luca Cordero

    1. Scritto da alessandro

      e in tutti questi anni c’è chi è sempre stato coerente con le proprie idee, sempre dalla parte dei cittadini e dei lavoratori, sempre nella massima onestà. se molti hanno avuto fiducia inizialmente in monti è perché pensavano in una svolta dopo 20 anni di berlusconi. Quando la gente si è accorta che il governo monti sta operando in continuità con le scelte di berlusconi-bossi è normale che ha iniziato a perdere la fiducia…. ma ripeto, i più informati non hanno mai avuto dubbi su da che parte stare!

    2. Scritto da cua de paja

      Visto che ripete le sue stesse affermazioni fatte in un altro commento mi pernetto di rifare le stesse domande. Non le viene il dubbio che il gradimento di Monti sia in caduta libera perchè sta facendo il lavoro sporco che il giullare di arcore e il fido padano non ha mai voluto fare per non perdere il carismatico consenso? Non le viene il dubbio che se oggi siamo nella “melma” lo dobbiamo anche a chi negava la realtà affermando che eravamo messi meglio di altri paesi europei, in Italia si viveva bene, i ristoranti erano pieni e gli aerei affollatissimi. Ah già è vero il TG4 non ha mai dato queste notizie e dimenticavo ….io non li ho MAI votati.

      1. Scritto da La verità fa male

        Il gradimento di Monti è crollato dal 71% al 35% perchè NON ha fatto il “lavoro sporco” (quello di tagliare i privilegi delle caste politiche, burocratiche e sindacali), di NON liberalizzare le due vere caste (banche e assicurazioni) ma ha fatto il SOLITO lavoro di tassare i soliti noti (piccole imprese, professionisti, dipendenti e pensionati) esentando al tempo stesso le fondazioni bancarie dal versamento IMU. In Europa, nella melma, ci sono nazioni messe molto peggio dell’Italia (Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda): colpa di Berluska anche per queste disgrazie? Come vede le ho risposto anche senza consultare il TG4

        1. Scritto da cua de paja

          Da Monti mi aspettavo più equità e un cambio netto che ancora non c’è stato. Sulle banche e fondazioni bancarie ha toppato gravemente ma da un ex-governatore BCE cosa ci si doveva aspettare? Sicuramente non mi aspettavo che il Mago Mario facesse in 6 mesi quello che il giullare del”governo del fare” non ha fatto in 10 anni (102 mesi). Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda colpa di Berluska? No la sua colpa è stata quella di negare l’evidenza dei fatti. Eravano peggio di loro e forse lo siamo ancora. Mr B sarà anche stato un bravo imprenditore ma è stato un pessimo politico.

    3. Scritto da pm

      Propongo la mia personale interpretazione…
      Monti stava al 71% perchè la gente non ne poteva più di berlusconi, e vedere una persona “seria” all’opera pareva quasi incredibile.
      Il calo di popolarità di Monti me lo spiego con il fatto che va bene che “le tasse si devono pagare”, ma ci si aspettavano tagli sostanziosi agli innumerevoli sprechi, per poterle ridurre a chi le ha sempre pagate. Per il momento si è limitato a tosare ulteriormente chi già pagava, che giustamente non apprezza la cosa.

    4. Scritto da L76BG

      il fatto è che Monti era partito bene, dichiarando ordine e rigore..pian piano poi smussando, tagliando, cambiando idea e andando sempre a mettere le mani nelle tasche dei soliti noti.. Anche Lui non ha avuto i lcoraggio di dare contro alle solite lobby..giusto lo si faccia notare, cmq politicamente parlando, dove si cade si sbaglia..forse no a livello locale (amministrative) ma a livello di stato siamo messi malissimooooooooooo

  10. Scritto da De Che ?

    Il comitato “adesso basta ” ha veramente rotto i maroni prima ancora di cominciare. Quali soluzioni propongono ? Piantiamola di fare il popolo di pagliacci.

    1. Scritto da alessandro

      il comitato è composto da varie realtà, questa è l’alternativa proposta da rifondazione :reddito minimo di cittadinanza, banche pubbliche, abolizione dei privilegi della classe politica, riconversione ambientale dell’economia, taglio delle grandi opere e uso dei fondi per interventi di riassetto idrogeologico, sostituzione dell’imu sulla prima casa con una patrimoniale sulle grandi ricchezze, congelamento del debito almeno fino all’uscita dalla crisi.