BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mangi bene, sei sano? IBM ti premia con soldi Che ne pensi?

Gioco ma non solo: l'applicazione IBM valuta come una persona si nutre e fa rapporto all'utente con un dettagliato bilancio calorico. Ma non solo: si possono fornire al sistema i dati sul peso, la dieta e l'esercizio fisico che si conduce. I migliori risultati saranno premiati con denaro sonante.

Più informazioni su

Un nuovo esperimento, brevettato, dell’IBM vede protagonisti i dipendenti e il rapporto con il cibo.

Analizzando il rapporto tra tempo speso dai lavoratori negli uffici e costi sanitari per alimentazioni sbagliate, IBM traccia un possibile percorso per mantenere gli individui più sani riducendo le spese mediche. Un modello che funziona per l’America, ma che opportunamente declinato può facilmente essere esportato.

Alla IBM si sono ispirati alla Honda Insight, un’auto ibrida piuttosto diffusa anche in Italia. La Insight fornisce un rapporto istantaneo sul carburante che si consuma, motivando a risparmiare con un "piede" oculato, aumentando l’autonomia. E così fa l’applicazione IBM, che valuta come una persona si nutre e fa rapporto all’utente con un dettagliato bilancio calorico.

Ma non solo: si possono fornire al sistema i dati sul peso, la dieta e l’esercizio fisico che si conduce, elementi "plus" per l’applicazione che poi premierà i migliori risultati con denaro sonante.

Proprio così: più ci si prende cura dell’alimentazione, meglio è per il portafogli. E in tutto questo, c’è un risparmio calcolato per l’azienda. "Chiunque percepisce il denaro come un incentivo", spiegano da IBM. E in un momento in cui tutto è "social", anche condividere online i dati una volta particolarmente privati sul peso e sui risultati di una dieta, non è più un problema.

Ora che ha ottenuto il brevetto, IBM può licenziare l’applicazione alle aziende che ne faranno richiesta, per migliorare il regime alimentare delle risorse umane.

E forse nell’era del 2.0 e della crisi economica, il gioco del mangiare meglio per guadagnare di più potrebbe funzionare anche in un paese amante della forchetta come l’Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Il Conte

    Mi sembra che le aziende italiane abbiano altre priorità rispetto alla dieta seguita dal proprio personale mentre nelle aziende di stampo “atlantico” verrà introdotta l’ennesima forma di controllo sulle persone che tutti si sentiranno in dovere di seguire.