BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La nostalgia di Padoin: “Bergamo è nel mio cuore, chiuderò la carriera qua” fotogallery

L'ex centrocampista nerazzurro, fresco campione d'Italia con la Juve, non dimentica il suo recente passato: “Con la maglia dell'Atalanta sono cresciuto. Sono fiero dei ragazzi per la salvezza conquistata, vale come il nostro Scudetto".

Più informazioni su

“Alla Juve sto benissimo ma il mio sogno è quello di chiudere la carriera con la maglia dell’Atalanta”. Sono parole colme di affetto e di malinconia quelle di Simone Padoin. L’ex centrocampista nerazzurro, passato in bianconero lo scorso gennaio, non ha dimenticato Bergamo e i suoi vecchi compagni: “Con l’Atalanta sono cresciuto e ho potuto diventare giocatore– le parole del mediano friulano, ospite al Tennis Vip di Cividino – e anche solo per riconoscenza mi piacerebbe indossarla ancora, magari fra tre o quattro anni. Quest’anno i ragazzi hanno fatto una grande impresa raggiungendo la salvezza. Sono fiero di loro. Diciamo che è stato anche per la Dea una sorta di Scudetto".

Come quello che Padoin ha potuto festeggiare trasferendosi a Torino, soprattutto grazie a due protagonisti che hanno fatto la differenza nella stagione bianconera: "Sono felice della scelta che ho fatto, perchè ho avuto la possibilità di giocare con campioni di prima fascia e quindi di migliorarmi. In particolare Pirlo, un giocatore dotato di una classe immensa. Quando sei in campo puoi passare la palla a lui e sei sicuro che qualcosa di buono combina. Penso che abbia dato quello che mancava al gruppo dei giocatori juventini quest’anno. Senza dimenticare la carica di mister Conte, perchè penso che gran parte della vittoria del titolo sia sua. Ho potuto anche vivere da vicino l’ultima partita di del Piero, ed è stata un’emozione immensa. L’ho conosciuto in questi sei mesi e posso dire che è un vero campione anche fuori dal campo".

Capitolo Nazionale, un obiettivo che il Pado probabilmente avrebbe potuto conquistare rimanendo a Bergamo e giocando con maggiore continuità: "Non penso proprio -replica umilmente- perchè Prandelli ha già tanti giocatori fortissimi e non avrei potuto fare parte di quel gruppo. Sono felice per Cigarini e Schelotto, speriamo possano rimanere. Sarebbe un altro premio per la Dea e per Bergamo. Una città che amo tantissimo, tanto è vero che appena ho un giorno libero dalla Juve ci torno subito. Anche perchè ho ancora un gruppo di ex compagni e di amici con il quale mi trovo benissimo. Nei prossimi giorni andremo tutti al matrimonio di Consigli". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da solodea

    Il calcio è uno sport professionistico ed è comprensibile che tutti i professionisti abbiano ambizione a poter giocare a fianco di campioni e vivere con loro. Padoin, in qualità di professionista, ha fatto la sua scelta ed è giusto che l’Atalanta lo abbia accontentato. Certo avrebbe fatto meglio a starsene zitto ed a non giurare eterno amore all’Atalanta solamente qualche giorno prima della sua scelta, così come farebbe meglio, adesso, a starsene zitto in merito al suo futuro perchè, deve comprendere anche i tifosi atalantini che, a fine carriera, questo amore possa essere anche svanito per un giocatore lontano da Bergamo e dall’Atalanta. Ognuno fa le proprie scelte senza programmi futuri.

  2. Scritto da pit

    Potevi tranquillamente evitare di raccontare le solite storie hai fatto la tua scelta legittima, ora stai pure dove sei per sempre. l Atalanta c’ era c’è e ci sarà sempre anche senza di te

  3. Scritto da cri

    Caro Padoin, prima fai carte false per andartene, poi versi lacrime da coccodrillo dopo che hai verificato che per te, tra i veri giocatori di calcio,c’e’ posto solo in allenamento o nelle partite di Coppa Italia. Stattene pure per sempre alla Juve, ormai la tua scelta l’ hai fatta,non abbiamo bisogno di pseudocampioni bolliti a fine carriera a racimolare gli ultimi ingaggi.Ma non volevi diventare il capitano dell’Atalanta?Appena la Juve ti ha chiamato, hai tradito la maglia nerazzurra.Evidentemente preferisci la vil pecunia, altrimenti non avresti puntato i piedi con la Dirigenza per andartene a gennaio. Stai pure con mr Conte, tanto a fine quinquinnale avresti 32 anni e non ci serviresti

  4. Scritto da gino

    caro Padoin, ti perdoniamo anche se consideri l’ Atalanta una specie di hotel ove entrare e uscire a piacimento, forse la Juve e’ un po’ larga per te in questo momento, faresti piu’ presenze in un team alla pari o quasi del blasone Atalanta , Palermo o Fiorentina ad esempio, auguri !